Il presidente uscente dell’Authority per le Comunicazioni, Corrado Calabrò, ha illustrato questa mattina al Senato il “Bilancio di mandato 2005-2012”.

Pessima la situazione italiana. Secondo Calabrò il ritardo nello sviluppo della banda larga costerebbe all’Italia tra l’1 e l’1,5% del Prodotto Interno Lordo. Ma anche “scarsa consapevolezza delle potenzialità globali delle tecnologie della società dell’informazione” e “diffusa teledipendenza” fanno si che il nostro paese sia un passo indietro rispetto alla media europea.

Qui la relazione discussa oggi in Senato


Qui il bilancio di fine mandato dell’Agcom


CONDIVIDI
Articolo precedenteTrasparenza nomine Agcom: alcune sentenze che Monti dovrebbe leggere
Articolo successivoDecreto Banche, Governo battuto in Senato

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here