La Corte Costituzionale, con ordinanza n. 46 depositata oggi, ha dichiarato ammissibile il conflitto di attribuzione tra Poteri dello Stato sollevato da un Magistrato di sorveglianza di Roma nei confronti del Ministero della Giustizia. Quest’ultimo, infatti, con un provvedimento del 29 ottobre 2010, aveva disposto che fosse preclusa, per tutti i detenuti sottoposti a regime di sospensione delle regole trattamentali (art. 41-bis ord. pen.), nella Casa circondariale di Roma, Rebibbia, la ricezione dei programmi televisivi sui canali «Rai Sport» e «Rai Storia».

Il magistrato di sorveglianza aveva ritenuto che il divieto fosse lesivo del diritto dei detenuti all’informazione e, con ricorso depositato il 24 novembre 2011, aveva promosso il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato ”al fine di sentire dichiarare che non spetta al Ministro della giustizia ne’ ad altro organo di Governo disporre che non venga data esecuzione ad un provvedimento del Magistrato di sorveglianza, assunto a norma degli articoli 14-ter, 35 e 69 della legge 26 luglio 1975, n. 354 (Norme sull’ordinamento penitenziario e sull’esecuzione delle misure privative e limitative della libertà), con il quale sia stato dichiarato, in via definitiva, che un determinato comportamento dell’Amministrazione penitenziaria e’ lesivo di un diritto del detenuto reclamante”.

Qui il testo integrale dell’ordinanza della Corte costituzionale


CONDIVIDI
Articolo precedenteTar Lazio: accolta class action per l’aumento degli insegnanti di sostegno
Articolo successivoDecreto Semplificazioni: il testo sul quale si voterà la fiducia

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here