E’ fissata per il 1° gennaio 2013 l’entrata in vigore del Trattato sull’Unione di bilancio che stabilisce il limite di un anno per i governi per mettere in atto le norme sul pareggio di bilancio.
Tra le novità del trattato, di cui anticipiamo una bozza, segnaliamo l’articolo 4 che, riprendendo un articolo della recente riforma del Patto di stabilità, consente ai Paesi di attenuare l’impegno di riduzione del debito eccessivo sulla base di “fattori rilevanti” Via la procedura sul debito.
Inoltre si stabilisce che la procedura di deficit eccessivo vale solo per il disavanzo eccessivo e non anche per il debito. Limitato il ruolo della Corte di Giustizia all’adozione della regola d’oro sul pareggio di bilancio.
Ammesse inoltre “temporanee deviazioni dagli obiettivi di medio termine” in caso di “eventi insoliti fuori dal controllo” dei governi dei paesi interessati e che “abbiano un impatto maggiore sulle posizioni finanziarie in periodi di gravi recessioni economiche”.

Qui il testo della Bozza del patto di stabilità


CONDIVIDI
Articolo precedenteConsulta, no al referendum sulla legge elettorale
Articolo successivoGli Ordini degli Avvocati nel mirino dell’Antitrust

1 COOMENTO

  1. tra un anno saremo tutti morti grazie al banchiere monti e alle sue manovre , siete ridicoli ,
    vorrei sapere con quale coraggio il signor monti e tutti quei ladri al governo parlano ,
    state distruggendo l’italia andate a casa vergogna , e cmq il debito non è nostro altro che debito pubblico , a me nessuno ha dato niente non vedo come sarei in debito con voi .

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here