Il Presidente della Repubblica ha firmato questa mattina il decreto legge recante disposizioni urgenti per la crescita, l’equità ed il consolidamento dei conti pubblici approvato domenica dal Consiglio dei ministri presieduto da Mario Monti e presentato ieri in Parlamento.

Oggi stesso il decreto anti-crisi andrà in Gazzetta.

Non è ancora certo se sul provvedimento verrà posta la fiducia.


Quel che è certo è che in Parlamento arriva un testo “blindato nelle cifre”, ma sul quale sarebbe possibile qualche modifica.

Dopo aver superato il vaglio preventivo di costituzionalità del Colle e l’accertamento dei requisiti di straordinarietà e urgenza richiesti da un decreto legge, il testo entra alla Camera.

 

Qui il testo definitivo della Manovra Monti


CONDIVIDI
Articolo precedenteManovra, una stangata da 635 euro per ogni famiglia
Articolo successivoSalvata l’Italia, pagano sempre i soliti noti

8 COMMENTI

  1. Come volevasi dimostrare.
    Qualunque cittadino italiano avrebbe risolto i problemi, di un’Italia indebitata fino al collo, con i soldi dei cittadini ed in particolare dei lavoratori, che con i pensionati, sono in maggiori Contribuenti.

    Erano questi i grandi esperti che avrebbero dovuto risolvere i nostri problemi?
    I pianti di coccodrillo non hanno avuto l’effetto previsto.

    Quello che fa più senso è il modo in cui si è trascurato l’esoso costo dello Stato italiano, il finanziamento pubblico ai partiti (più volte abiurato nei referendum), l’eliminazione “vera” delle Province, La riduzione delle costose Regioni Italiane, la riduzione degli stipendi dei parlamentari (anche quelli degli enti locali), l’esagerato stipendio dei Magistrati e la loro ultra esosa liquidazione e pensione, un costo della Giustizia ingiusta, che anche la Comunità Europea ci rimprovera e ci multa, la drastica riduzione delle pensioni dei Burocrati di stato, il finanziamento delle testate giornalistiche di partito, etc. etc. etc.

    Eppure sarebbe stato così semplice, far pulizia partendo dall’alto e salvaguardare i miseri stipendi e pensioni dei lavoratori, i quali a sorpresa, non si vedranno aggiornare la loro pensione al costo dell’inflazione per ben due anni, gravati inoltre della nuova ICI maggiorata e da un’IVA pesante sui consumi giornalieri.
    Dove li troveranno i soldi?

    Sarà una bella abbuffata per Equitalia, che sequestrerà e svenderà le case di chi non ce la fa a pagare.
    Questa è una bella occasione per togliere ossigeno a questo Governo del Presidente.
    Il partito o i partiti politici che riusciranno a farlo cadere, potranno poi passare da salvatori della Patria.
    Basta far saltare il Governicchio Monte dei Pegni.
    Tutto il popolo italiano sarà grato.

    Stelio Bonsegna

  2. come si fa a cancellare i diritti dei lavoratori che pur essendo ancora giovani hanno versato ad oggi quasi 39 anni pieni di contributi in quanto hanno cominciato a lavorare all eta di 17 anni e penalizzarli in maniera violenta affondando le mani nelle tasche cosi pesantemente rimandando l uscita con i 40 anni ma spostarli a 42 con la penale che significa mediamente tra il 12 e il 18 per cento in meno dell assegno da percepire e non tagliare i vitalizi da subito ma rimandarli alla prossima legislatura affermando che i diritti acquisiti sono inviolabili. mi fermo qua a farvi riflettere.

  3. I PROSSIMI LAVORI PUBBLICI SARANNO COSTRUIRE TANTE MENSE E DORMITORI PUBBLICI PER I NUOVI POVERI CHE L’ EUROPA E L’ INCAPACITA’ DELLA POLITICA ITALIANA HANNO CONTRIBUITO A FORMARE. CARO PRESIDENTE MONTI NON HA PREVISTO UN PIANO DI RIENTRO PER I LAVORATORI LICENZIATI CHE HANNO UNA CERTA ETA’. LEGGENDO LA SUA MANOVRA I LAVORATORI FUORI MERCATO E TUTTE QUELLE PERSONE CHE VANNO DAI 38 AI 50 E PIù ANNI COSA DOVRANNO FARE? PERCHÉ’ NON AGEVOLIAMO LE IMPRESE E LE AZIENDE IN MODO DA FAVORIRE L’INSERIMENTO NEL LAVORO? C’è UNA TALE MANCANZA DI DIRITTI E RISPETTO VERSO LE PERSONE.. L’EUROPA NON PUO’ CHIEDERE TANTO ,SEMBRA CHE QUALCHE MOSTRO AL DI SOPRA DI OGNI NOSTRO SOSPETTO VOGLIA LA NOSTRA DISTRUZIONE, IL NOSTRO IMPOVERIMENTO… COSTRUITE I DORMITORI PER I POVERI ITALIANI, STIAMO ARRIVANDO…. IL PIUMONE PER IL FREDDO LO PORTO IO. SALVE BUROCRATI DEL NULLA !!!!

  4. Che fosse necessario una stretta ormai l’avevamo capito tutti e in queste ore tutti i TG non fanno che ripetere come le previsioni catastrofiche interessano anche quei paesi ritenuti “al sicuro”. Ma credo che anche questo governo si sia mosso in puntta di piede e “toccato”in punta di fioretto la residua “serenità” degli italiani ma del futuro o futuribile c’è ben poco e quindi lo sviluppo come si fa?.Eppure con più coraggio i “professori” senza farsi prendere dalle paludate Norme vigenti costituzionali e non, avrebbero dovuto fare un semplice ragionamento:Siamo quasi 70 milioni in un territorio amministrato e suddiviso in 20 regioni,107 provincie e circa 8200 comuni. Ebbene sparigliare lela situazione de-facto con un semplice ragionamento:costituzione di 60 ENTI territoriali omogenei per la gestione di 50-55 milioni di cittadini con conseguente taglio di Comuni e Province cos+ come sono Oggi Organizzati. I restanti 20-15 milioni di cittadini residenti a Roma, Milano, Napoli dovrebbero essere gestiti da “Città Metropolitane. Mi si dirà che gli italiani sono affezzionati ai Campanili; bene organi consultivi -simili alle circoscrizioni- costituiti da un consiglio eletto dai residenti e formato da cinque persone: due di maggioranza e due di opposizione con un Presidente appartenente alla magioranza potrebbero continuare a fare da cinghua di trasmissione con gli Organi superiori: Enti territoriali -Regione e Amministrazioni Centrali. Altro che semplificazione e razionalizzazione di spese e risorse che nel tempo potrebbero essere ridotte al necessario.Le opere pubbliche potrebbero essere trattate senza le forche caudine di veti e veti incrociati da comitati spontanei, comuni etc. etc..I progetti e le realizzazioni di opere pubbliche potrebbero sicuramente avere un rilancio in tempi brevi. Una siffatta riforma così concepita probabilmente avrebbe fatto gridare di più di come si stà sentento ma sarebbe stata consolatoria per il pianto che, viceversa, la manovra paventata stà facendo fare a molti di noi con una scadenza a breve i9n cui dopo questa sbandierata transizione non conduce a uno sbocco risolutivo e duraturo. Eppure ritardo e non ritardo è il momento di osare senza sconti o timori di alcun genere.Credo che sia necessario procedere alla nuova “ricostruzione” di un paese che senza una guerra si trova come dopo un conflitto perduto…. Speriamo ancora che qualcuno ascolti i suggerimenti degli ultimi….!!!!

  5. Penso, anzi sono certo, che un normale pizzicagnolo avrebbe fatto di meglio che Monti.
    Invece non chiude le centinaia di Enti inutili, che mantengono (… noi manteniamo …. ) migliaia di gente che prende signori stipendi senza far niente, non chiude le decine di Ospedali che hanno 30 o 40 posti letto (vuoti all’80%) e il doppio fra medici ed infermieri, che non sanno cosa fare per tutto il santo giorno, non favorisce il lavoro diminuendo l’IVA sui lavori artigianali, sulle visite mediche private (riconoscendo anche una parte di queste spese nelle detrazioni per il reddito = nord Europa docet), costringendo, così, tutti a fatturare ed eliminando di fatto la quasi totalità dell’evasione fiscale. Peccato, perchè questo pseudo governo non eletto, avrebbe la possibilità di fare anche quelle cose indigeste che un Governo politico non vuole fare, ma preferisce fare manovre assurde, magari anche incostituzionali (io da 20 anni ho una vecchia barca, che mi curo da solo, ma che oggi, se potessi scegliere liberamente, non mi comprerei con la tassa che ci hanno sbattuto sopra: dov’è la libertà costituzionale?).
    Caro Monti e compagnia, scusate, ma tornate a scuola e studiate un po’ di sana economia!

  6. Il ministro della Previdenza anzichè piangere dovrebbe impegnarsi a ricercare l’equità nelle sacche di malgoverno che i politici hanno creato promuovendo manager fannulloni e con pensioni d’oro, ma il tempo delle rinunce anche per loro dovrebbe arrivare prima che sia troppo tardi. Non possiamo continuare a prendercela con i pensionati, guardiamo i dirigenti delle PA che non vanno mai a lavoro e percepiscono stipendi da favola. Ma solo noi poveri e comuni mortali dobbiamo sempre pagare ministro Lei non pianga lavori lavori lavori per noi.

  7. Se di equità e non di ingiustizie bisogna parlare il D.L. Monti lo deve rivedere alla luce dell’Equità e per non perseverare nelle ingiustizie. Quando parliamo di calcolo di pensione innanzitutto non credo che ricalcolando in maniera contributiva possa fare affluire alle casse dello Stato le somme che il Prof. Monti stà cercando per migliorare i conti e per apparire credibile e con il pugno duro nei confronti dei partners EUROPEI.
    Chi effettivamente è stato ai patti sono i lavoratori che lavorando una vita hanno apsetttato 40 anni per andare in pensione con l’ultimo stipendio…signori parliamo di ultimo stipendio quindi per un lavoratore normale si parla pur sempre di meno di €.1.300,00. E che dire degli alti burocrati che con gli ultimi contratti sono andati in pensione con €.40.000,00 al mese di pensione? perchè la casta non si fà carico di fronte all’Europa, a DIO, ed alla povera gente che deve campare con una misera pensione di rinunciare in termini percentuali anche solo al 10%? che male ci sarebbe.Allora si che il Prof. Monti dimostrerebbe di avere il metro o il Kg. uguale per tutti ma in maniera proporzionale ed allora si che potremmo accettare di ricalcolare le pensioni con i contributi. Ricalcoliamoli pure per il pregresso, (dalla riforma Dini) tagliamo e facciamo i dovuti sacrifici ma in maniera che tutti partecipiamo alla RINASCITA. Sapete chi è Felice Crosta…… buona uscita a parte, ma vi sembra giusto che percepisca €.40.000,00 di pensione al mese per avere rovinato tutti gli ATO in sicilia, lasciandoli in banca rotta e chi paga caro Prof. Monti ma sempre noi le sembra giusto.!!!!!!!

  8. Volevo correggere il titolo della Manovra Monti “Salva Italia”
    con il vero Titolo
    “ITALIA RAPINATA”

    e mi viene anche da Piangere

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here