Pubblichiamo in anteprima il testo del nuovo Decreto Sviluppo. Si tratta di una bozza aggiornata, predisposta ieri dal Governo, ancora in fase di sistemazione.

Il documento in PDF (qui la scheda di Fortunato Laurendi):

https://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2011/10/decreto_sviluppo_completo_bozza_18_ottobre.pdf


CONDIVIDI
Articolo precedenteVietati i cortei a Roma, il testo dell’ordinanza di Alemanno
Articolo successivoCommento al nuovo Decreto Sviluppo

7 COMMENTI

  1. cambiano le persone ma non cambia la forma, quindi si va a toccare i lavoratori, da un lato facilitando i licenziamenti , dall’altro a farli lavorare per più tempo… se riescono a farlo, logicamente, sino a 70 anni… E poi sulle case? Altra stangata a chi ha sudato anni per acquistare una casettta per abitarci, mentre chi lavora in nero, chi frega soldi all’inps con il lavoro nero e nel contempo percepisce la disoccupazione, sia agricola che edilizia.. ed usurfruisce anche di agevolazioni fiscali… questi invece non sono stati toccati…

  2. Aggiorno il conteggio dei fondi disponibili per il decreto sviluppo:arrivo a 656 miliardi,20 in piu’ perchè oggi il Corsera dice che il trattato con la Svizzera rende 25 miliardi,mentre il sottoscritto ne aveva inserito per prudenza 5.Nei miei conteggi è inserito anche il bonus perl’energizzazione pulita delle abitazioni,ma prendendo il massimale di spesa delle migliori tabelle Usa dell’Epri-Doe.Personalmente non credo che in Italia ci sia anche una cultura tecnica per stoccare l’energia negli edifici e dare il definitivo addio ai blackout.Non riusciamo a stoccare il ft solare ed il vento,è difficile inserire l’energy storage nelle case quando Terna chiede soldi per nuove linee di trasmissione lunghe che nell’intelligent grid non servono.Il dilemma italiano è continuiamo a dar soldi a capocchia o ci sediamo ad un tavolo per dire questo è utile ,questo non serve perchè vecchio.Con 3 laghi di mare in Italia ubicati in 3 macroaree stocco le rinnovabili del Nord,Centro,Sud ed allora mi servono solo collegamenti tra i laghi e le rinnovabili locali.In Europa dei pazzi progettarono un European Grid da 500 miliardi,piu’ Desertec da 400 miliardi,in totale 900 miliardi per portare in Italia ed Europa l’energia del vento del mar del Nord e quella del sole del Desertec Algerino(tutto in mano tedesca).Mi arrabbiai non poco prendendomela con Terni,Intesa,Unicredit che finanziavano il Desertec-Eu grid di 900 miliardi per produrre meno di 600 GW che produco con un mio lago al costo di 17 miliardi e 3 laghi in tutta Europa mi danno 1800 GW per 60 miliardi.Diffidate dagli spendaccioni a carico dello Stato perchè alla fine paghiamo tutti noi in mancato sviluppo e +40% costo energia in Italia.

  3. ho scorso al volo le 74 pagine delle bozza.
    ma l’efficientamento energetico degli edifici, il destino degli sgravi fiscali, la spinta al solare termico… che fine ha fatto tutta questa roba?
    spero sia sfuggita alla mia veloce lettura

  4. Aggiorno il conteggio dei fondi per finanziare con 50 miliardi il decreto sviluppo:ne ho scovati 636 miliardi e sono stati inviati come conteggi al MSE di Romani che è il coordinatore del decreto sviluppo che ce lo chiede l’Europa,il mondo e quei 3 milioni di giovani che potrebbero trovar lavoro e quei 20 punti di pil che aspettano di volare.
    E’ vero lo sviluppo si fa con i soldi,la volontà di lavorare e non per decreto ma se si aspetta
    che lo sviluppo lo sappiano fare i tagliatori di costi ci sbagliamo.I Tato’,i Bondi,i Tremonti
    sono uomini eccezionali nel taglio dei costi ma non sono uomini di sviluppo.Tato’ fece bene
    A Mediaset ma sbaglio con l’Enel per Wind,Bondi fu eccezionale in Montedison-Parmalat ma poi falli’sullo sviluppo,Tremonti è il migliore in Eu sui bilanci pubblici,ma non potete chiedere a Tremonti lo sviluppo che è fuori dal suo DNA.Lo sviluppo lo sanno fare i Marchionne e non Montezemolo che eredita da Papy,lo sanno fare a Vicenza che esportano piu’ del Portogallo e Spagna assieme,lo sanno fare quelli della moda e certo non lo sanno fare quelli del fossile energia che ci mandano in rosso la bilancia con 60 miliardi di import
    e ne vogliono ancora di piu’.Ma quanto alimentare e moda,dobbiamo vender nel mondo per
    accontentare le lobbies fossili(import da 60 miliardi annui e 1200 miliardi in venti anni) e ft solare(170 miliardi in 20 anni)?

  5. […] bozza del decreto Sviluppo, ormai in dirittura d’arrivo, prevede programmi speciali per le aree di crisi proposti ed […]

  6. Ho letto il Vs testo del decreto sviluppo e dico subito che è una piccola cosa che non darà mai sviluppo ma semplificazione amministrativa.Ecco come scriverei l’art 1-2-3.
    Art.1 Istituzione del fondo giovani e del fondo infrastrutture ed energia.
    Vengono istituiti 2 fondi per complessivi 50 miliardi annui per un periodo di 20 anni,in totale 1000 miliardi in venti anni.
    Il fondo giovani/donne lavoratrici viene finanziato per 20 miliardi annui,400 miliardi in 20 anni e si pone l’obiettivo di aumentare l’occupazione dei giovani.
    Il fondo infrastrutture-energia viene finanziato per 30 miliardi annui,600 miliardi in ventanni.
    Art.2.Il finanziamento dei 2 fondi viene stabilito per 1000 miliardi nel ventennio 2011-2021
    prelevando i fondi dalle nicchie fiscali calcolate da Bankitalia in 400 miliardi,da appositi provvedimenti per complessivi 50 miliardi e dalle privatizzazioni di Società publiche e dai beni del Demanio Statale che ammontano a 100 miliardi.
    Al fondo giovani/donne al lavoro competono 400 miliardi complessivi,alle infrastrutture 200
    miliardi complessivi,all’energia rinnovabile e del mare con energy storage e chimica azzurra 200 miliardi complessivi ed all’agricoltura-agribusiness 200 miliardi.
    Art.3.Perequazione tra sviluppo e debito pubblico.
    I fondi da investire per lo sviluppo ammontano a 50 miliardi annui e l’eventuale quota eccedente va annualmente impiegata per la riduzione annuale del debito pubblico.Nel caso le risorse per i fondi fossero insufficienti,Il Governo è autorizzato ad aumentare l’Iva o introdurre nuove aliquote fiscali.
    (segue)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here