Speciale riforma PA

Fisco 17 dicembre 2013, 17:02

Legge di stabilità 2014, sì alla sanatoria sulle cartelle di Equitalia

Nuovi emendamenti: ok alla sanatoria e al fondo per abbattere il cuneo fiscale


La legge di stabilità rimanda di qualche ora l’appuntamento con l’aula di Montecitorio, ma ormai è questione di dettagli e poi ci sarà un testo approvato in Commissione Bilancio. Domattina, il testo sarà all’esame di tutti i gruppi parlamentari della Camera.

Slitta di poco, dunque, la presentazione alla Camera della legge di stabilità rinnovata dal taglia e cuci operato dalle commissioni Finanze e Bilancio guidate da Boccia (Pd) e Capezzone (ex Pdl, ora Forza Italia).

Nelle ultimissime battute di confronto, prima dell’approvazione del testo previsto in discussione per mercoledì mattina, sono emersi rilevanti novità sul fronte fiscale e lavorativo, che vanno ad aggiungersi a quelle già inserite la governo nel maxiemendamento del Senato, approvato con la questione di fiducia lo scorso 27 novembre.

Ora, anche da Montecitorio arriva la conferma dell’ok alla sanatoria sulle cartelle esattoriali emesse da Equitalia, che consentirà di pagare le sanzioni per i mancati adempimenti, ma senza interessi.

Il mini condono per i destinatari delle odiate cartelle, potrà essere usufruito se e solo se il dovuto verrà versato entro il 28 febbraio in un’unica rata. Sotto la lente, com’è ovvio, gli importi delle cartelle non saldati, che, nella versione contenuta nel maxiemendamento, prevedeva la possibilità di accedere al beneficio pagando in due rate distinte, fissate al 30 giugno 2014 e al successivo 16 settembre.

Ora, invece, il ddl in arrivo alla Camera consentirà l’azzeramento degli interessi solo per chi pagherà in soluzione unica entro la fine del secondo mese del 2014.

Parimenti, nel testo in attesa di bollino della commissione Bilancio, viene confermata l’apertura di un fondo rivolto alla riduzione del cuneo fiscale dove verranno dirette le risorse derivanti dalla spending review e dalla lotta all’evasione. In questo modo, le buste paga dei lavoratori dovrebbero incrementare oltre gli scarsi 20 euro assicurati sino a questo momento ai redditi più bassi.

LEGGI LA VERSIONE UFFICIALE DEL MAXIEMENDAMENTO ALLA LEGGE DI STABILITA’ 2014

VAI ALLO SPECIALE LEGGE DI STABILITA’

VAI AL DOSSIER PUNTO PER PUNTO DELLA LEGGE


Pubblicato da il 17 dicembre 2013 alle 17:12 in Fisco
Tags: , , , ,


5 Commenti per Legge di stabilità 2014, sì alla sanatoria sulle cartelle di Equitalia

  1. UMBERTO

    come si fa’ a pagare le cartelle Equitalia con 240 euro al mese e dissocupato da 13 anni? almeno facessero pagare a rate….

  2. Domenico

    Intanto non si tratta di rottamazione. Se il governo volesse veramente aiutare anziché condizionare con limiti tipo rientrare nel limite delle otto rate per ottenere la rateizzazione, o versare entro fine febbraio senza interessi, ma insomma se uno avesse questi requisiti sicuramente non starebbe ad aspettare nessun aiuto, invece, sarebbe più giusto mettere in condizioni in base al proprio reddito o condizione economica dare senza condizioni di tempo possibilità di adempiere e così garantirsi con più certezza il pagamento del debito e potendo pertanto far conto su un introito ,da parte del governo,più certo visto che il potere d’acquisto e’ nullo e che la pensione ormai la vedremo ormai dai 67 anni in poi. Insomma nessuno vuole evadere ma ci devono essere condizioni più adeguate per adempiere.

  3. umberto

    ma che schifo è con queste cartelle Equitalia. Se uno sta pagando dilazionato vuol dire che non ha i soldi pronti. Agevolazioni del cavolo e presa in giro. Poi nascono i forconi.

  4. donato

    e’ proprio vero che i politici non si rendono conto che 20 euri al mese per i meno abbienti non risolvono i problemi , ma se diciamo da tanto tempo che non si arriva alla terza settimana ,per fare la spesa per la quarta settimana mica bastano 20 euri ma bensi’ 250 fin quando non capiranno questo saranno responsabili di tutte le azioni che potrebberodegenerare anche in insurrezioni e fare la fine dei topi e poi per quanto riguarda equitalia gli interessi di mora vanno tolti anche a quelli che stanno pagando con il quinto dello stipendio per tanti anni invece,dimostrano di non essere andati a scuola , come al solito,

  5. Domenico di Benedetto

    In merito alla sanatoria equitalia prevista nella legge di stabilità’ 2014 e’ sicuramente un’ atto giusto da parte del governo, ma credo che sia completamente errata la tempistica per l’unico versamento alla data del 28.02.2014! Nel senso che non tutti i contribuenti morosi con il fisco che vorrebbero aderire alla sanatoria riuscirebbero in appena 60 giorni circa a recuperare le somme dovute anche senza interessi! Credo che Quasi tutti i contribuenti morosi con equitalia potrebbero aderire alla sanatoria solo ed esclusivamente con la possibilità di recuperare le somme dovute in una tempistica completamente differente, almeno tra i centoventi e centottanta giorni dall’altra approvazione del provvedimento. Saluti Domenico di Benedetto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Edilizia 18 settembre 2014, 15:18

Decreto sblocca Italia, le novità in materia edilizia e urbanistica

Dia, Scia, autorizzazioni, permessi, destinazioni degli edifici: la guida

Economia 18 settembre 2014, 11:13

Imprese, le agevolazioni fiscali 2014 e 2015 per gli investimenti

Credito d’imposta per chi investe in macchinari: requisiti, casi e vantaggi

Lavoro 18 settembre 2014, 09:23

Jobs Act e articolo 18, così cambieranno i contratti di lavoro

Il contratto di lavoro a tutele crescent e le altre novità nel ddl al Senato

Fisco 18 settembre 2014, 08:02

Tasi 2014, il tempo è scaduto. Dove si pagherà a ottobre

Scadenza per la pubblicazione delle nuove aliquote

Fisco 17 settembre 2014, 16:31

Legge di stabilità 2015, rischio aumento tassa di successione

Parenti, fratelli, estranei: così cambieranno aliquote e franchigie


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su