Speciale Tari e Tasi

Condominio 8 gennaio 2013, 08:00

Riforma condominio, Cassazione: sì a videosorveglianza senza ok assemblea

Videocamere in spazi comuni lecite anche senza l’ok dell’assemblea


A distanza di poche settimane dall’approvazione finale della riforma del condominio, arriva la prima, importante sentenza da parte della Cassazione che aggiorna alcune specifiche contenute nel testo, che ha rinnovato la legislazione dopo settant’anni.

Il titolo di primo “asterisco” alla riforma condominiale 2012 se lo aggiudica il provvedimento emanato dalla Cassazione, passato agli archivi come a sentenza 71 del 3 gennaio 2013.

In fattispecie, questa disposizione da parte della Corte Suprema allarga una previsione contenuta nella riforma del condominio, e cioè che per installare impianti di videosorveglianza sia necessaria l’approvazione qualificata da parte dell’assemblea dei residenti.

La norma, per quanto ancora in vigore, viene però esclusa dai casi in cui un particolare inquilino intenda proteggersi dai furti in spazi condivisi. Così, ad esempio, installare macchine di ripresa in parcheggi dove sono state forzate alcune auto per rubare oggetti all’interno, sarà possibile in via del tutto autonoma, con garanzia di diritto al rimborso da parte del consesso condominiale.

La Cassazione ha definito questa previsione respingendo il ricorso impugnato da un consorzio in seguito proprio alla messa in funzione di una videocamera di sorveglianza da parte di un residente senza aver ottenuto il benestare da parte dei vicini di pianerottolo.

Dicendo no al ricorso del consorzio, la Suprema Corte ha confermato quanto già ritenuto dal giudice di pace, che non ha ravvisato, nella condotta del condominio, né una violazione della privacy, né una spesa indebita per la collettività condominiale.

Sulla privacy, la Cassazione ha sentenziato che non sussista violazione dell’altrui diritto alla riservatezza “nel caso in cui un soggetto effettui riprese dell’area condominiale destinata a parcheggio e del relativo ingresso, trattandosi di luoghi destinati all’uso di un numero indeterminato di persone e esclusi dalla tutela di cui all’articolo 615-bis Codice penale“.

A maggior ragione, poiché urgente, l’onere sarebbe dovuto ricadere su tutti i condòmini: dunque, il diritto di rimborso è garantito. “Il ricorrente – si legge nella sentenza – pur facendo genericamente riferimento a un principio del nostro ordinamento in tema di spese condominiali, ha, in concreto, lamentato a tale riguardo la sola violazione delal norma di cui all’art. 1134 Codice civile, dolendosi della non ricorrenza dei presupposti per l’anticipazione e la rimborsabilità di spese condominiali”.

 


Pubblicato da il 8 gennaio 2013 alle 08:01 in Condominio
Tags: , , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Amministrativo 22 luglio 2014, 16:32

Commissioni Affari Costituzionali: a breve notizie sulla sorte dei TAR

A breve conosceremo il destino degli otto TAR menzionati nel DL n.90

Civile 22 luglio 2014, 14:27

Condomini molesti, lo sfratto ora è più difficile per chi disturba

L’ultima pronuncia della Cassazione: niente sanzioni senza norma

Salute 22 luglio 2014, 12:07

Così sarà la nuova sigaretta elettronica. Cadono tutti i divieti

Sì nei luoghi pubblici e anche alla pubblicità: all’interno una vera sigaretta

Amministrativo 22 luglio 2014, 10:51

Il labirinto della Iuc: dal caos Tasi all’avvento della Tari

Intervista all’esperto Fogagnolo: le vie per il recupero e la Tari

Welfare 22 luglio 2014, 07:52

Quota 96, il destino in una settimana: il decreto è in arrivo

Quali tappe potranno consentire la pensione entro settembre


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su