Speciale riforma PA

Fisco 7 gennaio 2013, 13:43

Legge di stabilità 2013: più semplice la difesa da Equitalia

Corsia preferenziale per sospendere le cartelle con palesi vizi di legittimità


Nella legge di stabilità per il 2013, l’articolo 1, commi  da 537 a 543, indica il provvedimento che impone l’obbligo di sospensione immediata di cartelle di pagamento o di possibili misure cautelari ed esecutive da parte di Equitalia a fronte di un’istanza presentata dal contribuente e annullamento automatico qualora ci fosse inerzia da parte dell’ente creditore decorsi 220 giorni dall’istanza. Questa norma mira a semplificare la sinergia informativa tra Fisco e contribuente.

Il contribuente, quando si presentano circostanze specifiche, dunque entro 90 giorni dalla notifica della cartella di pagamento o di un provvedimento esecutivo, come l’atto di pignoramento, o cautelare, come l’ipoteca e il fermo amministrativo, può presentare direttamente all’agente di riscossione – anche in via telematica – una dichiarazione dedicata al fine di dimostrare la legittimità dell’atto sottostante e richiedere, quindi, la sospensione istantanea della azioni di Equitalia.

Quest’ultima avrà, a quel punto, 10 giorni di tempo per inviare all‘ente creditore l’istanza, il quale, passati altri 60 giorni,previa comunicazione trasmessa al debitore mediante raccomandata con ricevuta di ritorno o a mezzo posta elettronica certificata ai debitori obbligati all’attivazione, potrà attestare al medesimo la correttezza della documentazione prodotta, trasmettendo, all’agente della riscossione,  il provvedimento di sospensione o sgravio. Alternativamente, l’ente stesso ha la possibilità di avvisare il contribuente dell’idoneità della documentazione a lasciare irrisolta la riscossione, avvisando l’agente della riscossione.

In qualsiasi circostanza, passati i 220 giorni dalla presentazione della dichiarazione del debitore a Equitalia, le partite oggetto della dichiarazione vengono annullate di diritto e sono ritenute in automatico discaricate dei relativi ruoli. Sono eliminati, inoltre, dalle scritture patrimoniali dell’ente creditore gli importi corrispondenti.

I motivi per i quali viene chiesta l’immediata sospensione e annullamento delle azioni di Equitalia dovrà essere indicata dal contribuente nell’istanza; nella fattispecie sarà necessario specificare le ragioni per le quali si pensa che gli atti siano illegittimi, ad esempio perché il diritto al credito si è prescritto o è decaduto prima del ruolo esecutivo. Inoltre sarà possibile dimostrare che l’atto è stato già pagato in data precedente alla formazione del ruolo stesso, a vantaggio dell’ente creditore o enunciare qualunque altra causa di non esigibilità del credito stesso.

Qualora, tuttavia, il contribuente producesse documentazione falsa per dimostrare l’illegittimità dei provvedimenti assunti, ferma restando la responsabilità penale, si applica la sanzione amministrativa dal 100% al 200% dell’ammontare delle somme dovute, a partire da un minimo di 258 euro.

I nuovi ordinamenti si applicheranno anche alle dichiarazioni presentate all’agente della riscossione prima dell’entrata in vigore della legge di stabilità, ossia prima del primo gennaio appena trascorso. In questo caso, l’ente creditore dovrà confermare o respingere la richiesta del contribuente, entro 90 giorni dalla di pubblicazione in “Gazzetta Ufficiale” della legge (entro il 29 marzo).

Passati altri 220 giorni inutilmente dalla data stessa, le pendenze verranno rese nulle di diritto e l’agente di riscossione verrà ritenuto  automaticamente discaricato dei relativi ruoli. Nello stesso tempo verranno eliminati dalle scritture patrimoniali dell’ente creditore gli importi corrispondenti.


Pubblicato da il 7 gennaio 2013 alle 13:01 in Fisco
Tags: , , , ,


3 Commenti per Legge di stabilità 2013: più semplice la difesa da Equitalia

  1. mi hanno pignorato l’auto di 20 mila euro e venduta per 3 mila euro equitalia per detto da loro multe di auto che non avrei pagato dal 1995,così hanno detto.allora posso dire che quei pezzi di merda che sono lì apposta per fregare i cittadini.allora non mi dispiace se li arrostiscano con le bombe.spero che loro e la loro famiglia facessero la stessa fine

  2. Giuseppe

    Prima ti ammazzano e poi vogliono farti risciutare. Hanno tartassate le aziende Italiane fino ai capelli,mentre i signori politici (studenti e professionisti falliti o incapaci a nulla) si aumentavano gli stipendi a dismisura,(vedi gli scandali dei politici in questi ultimi tempi) gli artigiani,gli imprenditori a conduzione famigliare che lavorano di notte e anche di festa, devono pagare i parassiti della politica, gli inetti e disonesti della politica Italiana? NO! Anch’io ho chiuso la mia azienda pur di non farmi spolpare dai parassiti di ogni genere: amministratori politici, mafia, mafia autorizzata, quella che dice: se non vuoi controlli ecc. ecc.. Meglio tacere. In somma, noi eravamo spolpati anche dal più inetto e parassita che si presentava in azienda. Abbiamo letto ed assistito in questi ultimi tempi a molti suicidi di imprenditori in difiltà finanziarie, ma, mai di politici in difiltà finaziarie. Quindi, i politi parassiti non producono,sono solo le fasi passive del motore, mentre quella ATTIVA è una sola e non quattro, perciò, se viene a mancare quella attiva, il motore si ferma irrimedialbilmente. Se la politica Italiana non cambia nei confronti di chi produce ricchhezza, anzichè vedere la crescita fra qualche anno, vedremo la decrescita,fino a toccare il fondo più della Grecia. Bisogna da subito dimezzare il numero e gli stipendi dei politici in genere;abbassare gli stipendi dei dirigenti statali e parastatali ed eliminare le liquidazioni da paperin dei paperon.

  3. SONO MOLTO BREVE-
    LA LEGGE DI STABILITA’ E’ UNA ROVINA AZIENDE-
    DEVI PER FORZA MAGGIORE PAGARE ANCHE QUANDO NON LAVORI?
    MI SONO ROTTO ( Certe cose e ho chiuso L’Azienda).
    ADESSO FACCIO IL PEZZENTE- MA NON DEVO FARE DEBITI CON LA BANCA PER PAGARE LE TASSE
    SE NON LI PAGHI-” ARRIVA QUALCHE DISONESTO CON LA SUA BORSA E YI PIGNORA TUTTO”-
    SEMPRE MORTO DI FAME SEI, COME HO FATTO IO ( UNA SCETA “AMARA” ALMENO NON PIANTO)-
    (Pur di andare all’Elimosina non farei- mai- e -poi mai- l’Esattore di EQUITALIA- e Migliaia di RECUPERO CREDITI).
    carlo
    Modena 20-03-2013

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Alessandro Camillini

filologo, storico

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter


Articoli dello stesso autore

Scuola 7 febbraio 2014, 07:36

Concorso scuola 2014; ecco perché si può fare

Concorso scuola 2014; la speranza dei docenti precari dopo il comunicato del Miur

Auto e Fisco 7 ottobre 2013, 17:30

Leasing,flotte,fisco e mercato auto:Intervista al direttore vendite di Nissan

Intervista ad Alberto Sabatino, Direttore Corporate Sales di Nissan

Navigazione 16 settembre 2013, 09:35

Costa Concordia:la diretta streaming del recupero

Costa Concordia: la diretta streaming del salvataggio

Scuola 10 settembre 2013, 10:09

Decreto Scuola: Miracolo Carrozza. 85 mila assunti in 3 anni

85 mila assunzioni nella scuola nei prossimi 3 anni

Scuola 6 settembre 2013, 15:43

Scuola; previste assunzioni in ruolo ma mancano le coperture

Novità positive per il mondo della scuola, ma mancano i fondi


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su