La richiesta del Durc, da oggi, potrà essere fatta all’Inail solamente on – line, e allo stesso modo sempre per via telematica si dovranno inviare le domande di riduzione dei tassi medi di tariffe e i ricorsi in materia di applicazione delle tariffe dei premi. Dunque, come aveva annunciato la circolare n. 68 del 21 dicembre, l’Inail continua sulla via della telematizzazione obbligatoria dei servizi.

Le aziende, attive da almeno due anni, che effettuano interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, hanno facoltà di richiedere, entro il 28 febbraio, 29 qualora l’anno fosse bisestile, la riduzione per quel suddetto anno del tasso medio di tariffa dopo il primo biennio di attività. L’istanza, naturalmente, va inviata mediante lo specifico servizio on – line presso il sito www.inail.it alla sezione Punto Cliente – Denunce.

Sempre nel primo biennio i datori di lavoro possono richiedere la riduzione dei premi, purché quest’ultimi siano in regola con le direttive obbligatorie in ambito di prevenzione infortuni. In tale circostanza la domanda deve essere presentata usando l’apposito servizio telematico attivo nel sito dell’Inail alla sezione Punto Cliente – Denunce all’atto della denuncia dei lavori, dopo l’inizio dei lavori, praticamente in qualsiasi momento eccetto che oltre la scadenza.

Le norme nella sfera di applicazione delle tariffe dei premi possono essere oggetto di ricorso al presidente dell’Istituto; il ricorso, infatti, deve essere avanzato entro 30 giorni dalla conoscenza integrale degli atti impugnati utilizzando il servizio on line, www.inail.it, alla sezione Punto Cliente – Ricorsi on line.

Tutti i tipi di richiesta di Durc è necessario che siano fatti esclusivamente usando il servizio telematico disponibile sul sito www.sportellounicoprevidenziale.it. Le amministrazioni pubbliche erano già soggette alla richiesta del Durc mediante via telematica, così come per i soggetti privati a rilevanza pubblica, la società di qualificazione (Soa), i consulenti del lavoro e per tutti gli altri intermediari contemplati dalla legge 11 gennaio 1979, n. 12.

Sempre solo ed esclusivamente on line sarà anche la denuncia mensile dei contributi di malattia e/o di maternità per il personale delle imprese di navigazione e del settore volo, inclusa quella concernente le quote di servizio e i contributi per l’assistenza contrattuale, limitatamente alle convenzioni in atto con l’Istituto. La denuncia deve avvenire a mezzo internet sul sito www.inail.it – Navigazione marittima – servizi on line – Accesso Area dedicata agli utenti del settore navigazione – denuncia contributi malattia e maternità.

Per quanto riguarda l’assistenza, a disposizione di aziende e consulenti ci saranno il contact center multicanale (Ccm) al numero verde 803.164 e il servizio – Inail Risponde – (disponibile nell’area di Contatti del portale www.inail.it) per richiedere informazioni o specificazioni sull’uso dei servizi on line e approfondimenti normativi e procedurali. Per l’utenza del settore marittimo, in più, è operativo un particolare servizio di help – desk per la risoluzione di possibili problematiche di natura tecnica, raggiungibile al seguente indirizzo; helpdesk.navigazione@inail.it.

 

4 COMMENTI

  1. Un modo più semplice no, è inconcepibile una trafila del genere per richiedere le credenziali per registrarsi al sito.Ci rinuncio

  2. ASSURDO!!!! PERDERE GIORNATE IN UFFICI PIENI DI GENTE INUTILE PAGATA DA NOI PER POI TROVARSI A FARE TUTTO ONLINE E NON AVERE NEMMENO LA LORO ASSISTENZA PERCHE DICONO DI NON ESSERE CAPACI!!!

SCRIVI UN COMMENTO