Speciale riforma PA

Salute 27 aprile 2012, 11:15

Consulta, indennizzo anche per i danni da vaccinazioni non obbligatorie

La Corte Costituzione, con una pronuncia ad hoc, sancisce il diritto all’indennizzo per chi ha subito danni irreversibili dopo essersi sottoposto a vaccinazioni non obbligatorie ma raccomandate, come morbillo. parotite e rosolia


Hanno diritto a un indennizzo coloro che hanno subito danni irreversibili a seguito delle vaccinazioni, non obbligatorie ma consigliate, contro il morbillo, la parotite e la rosolia.

A sancirlo è la Corte Costituzionale, che con la sentenza n. 107 depositata ieri, ha dichiarato illegittimo l’articolo 1, comma 1, della legge 25 febbraio 1992, n. 210 (Indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati), nella parte in cui non prevede il diritto ad un indennizzo anche per chi ha patito lesioni irreparabili dopo una vaccinazione che è comunque raccomandata dal ministero della Salute.

La Consulta ha ritenuto fondata la questione sollevata dal tribunale di Ancona nell’ambito di una causa che vedeva opposti il ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali e i genitori di una bambina, che aveva riportato una serie infermità dopo essersi sottoposta alla vaccinazione Mpr (morbillo, parotite e rosolia), effettuata con un prodotto ritirato dal commercio pochi giorni dopo la somministrazione.

Già in passato i giudici costituzionali (sentenze 27/1998 e 423/2000) , in tema di vaccinazioni non obbligatorie ma raccomandate dal Ministero, avevano affermato che l’indennizzo va riconosciuto in ogni situazione in cui il singolo abbia esposto a rischio la propria salute per la tutela di un interesse collettivo, dunque per quanti si fossero sottoposti a vaccinazione antipolio o contro l’epatite B nel periodo antecedente alla declaratoria di obbligatorietà dei relativi protocolli sanitari. In questi casi differenziare il trattamento sanitario imposto per legge da quello in cui sia raccomandato dalla pubblica autorità comporterebbe una «patente irrazionalità della legge»: perché così si riserverebbe a chi è stato indotto a tenere un comportamento di utilità generale per ragioni di solidarietà sociale «un trattamento deteriore  rispetto a quello che vale a favore di quanti hanno agito in forza di minaccia di sanzione». Ci si trovava di fronte comunque a pronunce additive per omissione, e non additive di principio, che operano soltanto entro gli stretti confini dell’oggetto specifico individuato dal relativo dispositivo.

Ma adesso la Corte ha emesso una sentenza specifica in merito, e chiaramente afferma che, «in presenza di diffuse e reiterate campagne di comunicazione a favore della pratica di vaccinazioni» (come è accaduto per quella contro il morbillo, la parotite e la rosolia), la scelta adesiva dei singoli di sottoporsi al trattamento raccomandato, al di là delle particolari e specifiche motivazioni, è «di per sé obiettivamente votata alla salvaguardia anche dell’interesse collettivo». Ne discende che quando si verificano complicanze di tipo permanente a seguito di queste vaccinazioni, deve essere la collettività «ad accollarsi l’onere del pregiudizio individuale». «Sarebbe infatti irragionevole -sostiene la Consulta – che la collettività possa, tramite gli organi competenti, imporre o anche solo sollecitare comportamenti diretti alla protezione della salute pubblica senza che essa poi non debba reciprocamente rispondere delle conseguenze pregiudizievoli per la salute di coloro che si sono uniformati».

E’ innegabile come nella decisione emessa dalla Consulta abbiano avuto un ruolo determinante i principi costituzionali di solidarietà: la legge 210/92 dispone infatti non una misura risarcitoria, destinata a riparare un danno ingiusto, ma una misura indennitaria volta a compensare il sacrificio individuale ritenuto corrispondente a un vantaggio collettivo. Sarebbe infatti irragionevole che la collettività, tramite gli organi competenti, possa imporre o anche soltanto sollecitare comportamenti diretti alla protezione della salute pubblica senza che poi rispondere anche delle conseguenze dannose per la salute di coloro che si sono uniformati. E’ di comune avviso come negli ultimi anni le campagne per vaccinarsi contro morbillo-parotite-rosolia siano state particolarmente martellanti, anche con distribuzione di materiale informativo specifico tra gli operatori sanitari o all’interno delle strutture scolastiche. Nello stesso sito web del ministero della Salute la Mpr viene indicata come vaccinazione raccomandata.

Qui il testo integrale della sentenza della Corte Costituzionale n. 107 del 26/04/2012


Pubblicato da il 27 aprile 2012 alle 11:04 in Salute
Tags: , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Giustizia 16 settembre 2014, 17:33

Riforma della giustizia civile: punti di forza e criticità del decreto 132

La negoziazione assistita è solo un aspetto della complessa riforma

Fisco 16 settembre 2014, 16:51

Concorso Agenzia delle Entrate 2014, ufficiale: le date delle prove

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato le date degli scritti

Edilizia 16 settembre 2014, 15:52

Decreto sblocca Italia, le novità in edilizia tra oneri e permessi

Autorizzazioni, Scia, permessi, deroghe, contributi e oneri

Welfare 16 settembre 2014, 12:55

Assegno famigliare: requisiti, fasce e nuovi importi Inps 2014-2015

Reddito e componenti del nucleo familiare: le tabelle ANF

Amministrativo 16 settembre 2014, 11:33

Matrimoni gay, scontro a Bologna sindaco-prefetto. Il testo dell’atto

Direttiva comunale autorizza a registrare le nozze gay. Ma il prefetto dice no


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su