Speciale Jobs Act

Fisco 23 aprile 2012, 13:09

Fuori Equitalia dai Comuni. Si deve fare!

Il Comune di Calalzo di Cadore, in Veneto, licenzia Equitalia e affida la riscossione dei crediti comunali alla locale Comunità Montana. Tutto legittimo, in forza di una legge del 2011


Fuori Equitalia dai Comuni.

Si può fare. Si deve fare. E’ successo. A Calalzo di Cadore in provincia di Belluno, dove il sindaco De Carlo ha deciso, con un atto innegabilmente provocatorio, altamente simbolico, ma non per questo meno importante, di “licenziare” Equitalia e di affidare la riscossione dei crediti del Comune alla locale Comunità Montana Valbelluna.

Tutto lecito. Tutto legittimo.

La delibera comunale, approvata nel novembre scorso, poggia su normative che danno potere agli enti locali di attivare la riscossione crediti secondo modalità proprie che velocizzino le operazione. Tra queste, la legge 166/2011 che stabilisce che i Comuni possano non servirsi della società creata da Agenzia delle entrate e Inps per la riscossione nazionale dei tributi. Tuttavia nessuna amministrazione si è mai mossa in tal senso, anche perché, parliamoci chiaro, il fatto che ci pensi Equitalia a fare il lavoro sporco fa comodo un po’ a tutti gli amministratori, tranne ai cittadini, è chiaro.

Già alla fine del 2010, in base al decreto legislativo 446 del 1997 e alla legge 338 del 2000, il sindaco veneto aveva affidato al servizio tributi della Comunità montana la riscossione delle tasse ordinarie, come l’imposta comunale sui rifiuti. Dal marzo scorso, poi, approfittando dell’entrata in vigore della legge 166/2011, Equitalia è stata estromessa pure dalla riscossione coattiva dei crediti insoluti, che può portare al pignoramento dello stipendio, del conto corrente, dei beni mobili e immobili dei cittadini.

In verità l’art. 3 comma 25 bis del d.l. 30 settembre 2005 n. 203 obbliga tutti gli enti locali ad affidare con decorrenza dal 1 gennaio 2011 l’accertamento e la riscossione delle proprie entrate locali mediante procedura ad evidenza pubblica.

Di conseguenza non è più possibile l’affidamento diretto ad Equitalia.

L’art. 7 del d.l. 70/2011 (decreto sviluppo) ha stabilito in deroga alle disposizioni vigenti la decorrenza dal 1 gennaio 2012 della cessazione delle attività di Equitalia .

“Potremo monitorare i casi ed intervenire prima che i cittadini rischino il pignoramento della casa. Se esistono delle dimenticanze o degli insoluti vogliamo siano riscossi con regole differenti da quelle applicate da Equitalia, nelle quali per il committente è complesso seguire la procedura in essere”, spiega il sindaco.

“In un momento di crisi e difficoltà per le famiglie – continua il sindaco – abbiamo cercato di umanizzare il servizio disumano da sceriffo di Nottingham adottato da Equitalia, risparmiando per di più ben 13 mila euro all’anno”. Così, nonostante la legge numero 166 preveda che il passaggio della riscossione agli enti locali diventi obbligatorio dal 2013, precisa il primo cittadino , “noi non abbiamo voluto aspettare perché non volevamo più essere complici di questa maniera di agire di Equitalia, che non fa differenza tra un poveretto che non ce la fa a pagare le tasse e i furbetti del quartierino”.

Affidando la riscossione alla Comunità montana, conclude, “siamo invece in grado di monitorare i pagamenti, capire dove esistono le situazioni di disagio e intervenire prima che i calaltini rischino il pignoramento della casa”.

E il risparmio è assicurato: calcolando che ogni Comune paga a Equitalia quasi 6 euro a cittadino, il ricavo complessivo per Calalzo di Cadore (2250 abitanti) è di 13 mila euro.

Dopo Calalzo, la lista di città “de-equitalizzate” si allunga di giorno in giorno. Si sono già mossi il vicino Comune di Santo Stefano di Cadore e i sei municipi della destra e della sinistra del Piave. E sembra che anche Perarolo, Domegge e tutti i Comuni della Comunità montana Feltrina e Agordina siano intenzionati ad abbandonare Equitalia.


Pubblicato da il 23 aprile 2012 alle 13:04 in Fisco
Tags: , , , ,


2 Commenti per Fuori Equitalia dai Comuni. Si deve fare!

  1. Francesco Filippetti

    Mi permetto di attrarre l’attenzione della Redazione di Leggi Oggi sull’art. 52 del D.Lgs. n. 446/1997 e diverse norme del D.Lgs. n. 157/1995 (oggi D.Lgs. n. 163/2006) e, successivamente, anche dell’art. 113 e ss. del D.Lgs. 267/2000. Tutte norme che imponevano ai Comuni di affidare i servizi di accertamento e riscossione delle proprie entrate (locali) tramite gara ad evidenza pubblica.

    Risultavano quindi vietati dalla legge (almeno già dal 1° gennaio 1998) gli affidamenti diretti ai concessionari d’ambito provinciale (ora confluiti in Equitalia S.p.A.).

  2. Pingback: Scacco matto a Equitalia: nel bellunese non scherzano – Comuni.it - Servizi al cittadino e alle pubbliche amministrazioni

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Lavoro 23 aprile 2014, 17:01

Jobs Act, sì alla fiducia sul decreto lavoro per i precari. Il testo

Il governo Renzi ottiene la fiducia alla Camera sul decreto lavoro

Flash 23 aprile 2014, 14:37

Papa Francesco, testo e video dell’udienza generale dopo Pasqua 2014

Ecco il testo e video integrale dell’udienza in piazza San Pietro di papa Francesco, del 23 aprile 2014, a tre giorni dalla Pasqua. Il saluto in arabo

Ambiente 23 aprile 2014, 11:42

Mud 2014: dopo il via del Sistri, rimane l’obbligo di invio sui rifiuti

Il 30 aprile scade il termine. Commercianti e altri soggetti obbligati

Fisco 23 aprile 2014, 08:06

Spesometro 2013-2014, finestra fino al 30 aprile. Le regole

Da ieri, obbligo di invio acquisti per tutti i contribuenti

Università 22 aprile 2014, 16:42

Università 2014, ecco i risultati del test di ammissione di Medicina

Il Miur ha pubblicato online i risultati del test di medicina


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su