Speciale riforma PA

Amministrativo 2 aprile 2012, 10:22

Riforma delle province, quando una proposta organica?

La “saga” della riforma delle Province si arricchisce di un nuovo tassello


Gli organi di stampa ed i comunicati sull’attività parlamentare annunciano che è stata presentata alla Camera, il 27 marzo scorso, una proposta di riforma costituzionale per il riordino delle Province italiane dal Presidente della Commissione Affari Costituzionali Donato Bruno, che vedrebbe il riassetto dell’organo intermedio tra Regioni e Comuni basato su due parametri, uno impostato sul numero di abitanti l’altro sull’estensione territoriale.

Secondo la proposta sarebbero abolite le Province con meno di 400mila abitanti e un’estensione inferiore a 3500 chilometri quadrati.

Il testo lascia comunque alle Regioni il potere di stabilire i confini delle nuove province e stabilisce che i consigli provinciali sono eletti dai consiglieri dei Comuni che compongono ciascuna provincia.

La proposta di modifica costituzionale è composta di soli due articoli e sostituirebbe l’articolo 133 della Costituzione.

Il testo prevede che “l’istituzione e la soppressione delle province nell’ambito di una regione e il mutamento delle loro circoscrizioni sono stabiliti con legge regionale, sentiti i comuni interessati, senza oneri per lo Stato. Non possono essere istituite province con popolazione inferiore a 400 mila abitanti e/o con territorio inferiore a 3.500 chilometri quadrati”. “I consigli provinciali – stabilisce – sono eletti dai componenti dei consigli comunali dei Comuni del relativo territorio, secondo criteri stabiliti dalla legge dello Stato”.

Il testo dispone inoltre l’istituzione con legge regionale delle città metropolitane, che esercitano “le funzioni della vincia”, “in territori con popolazione superiore a un milione di abitanti”. La Regione ha anche il potere di istituire nuovi comuni e modificarne circoscrizioni e denominazioni. Infine, l’articolo 2 della proposta di legge prevede che le Regioni provvedano ad adeguare le proprie province secondo i criteri stabiliti dalla riforma, entro 6 mesi dalla sua entrata in vigore. Se la Regione non provvedesse, sarebbe lo Stato a intervenire.

La “proposta Bruno” dovrebbe far sintesi di tutte le proposte oggi in discussione. Il cosiddetto “comitato ristretto” della commissione ha avviato ieri l’esame del testo, che proseguirà nei prossimi giorni.

Ma occorre riepilogare quanto sta accadendo all’interno della Commissione.

 


Pubblicato da il 2 aprile 2012 alle 10:04 in Amministrativo
Tags: ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Carlo Rapicavoli

Direttore Generale della Provincia di Treviso

Rss Feed Twitter


Articoli dello stesso autore

Politica 19 marzo 2014, 12:34

L’euforia del cambiamento

Viviamo un periodo storico caratterizzato dalla voglia di “cambiamento” rafforzata dalla crisi economica e dall’inadeguatezza della politica a dare risposte

Salute 12 marzo 2014, 09:09

I costi assicurativi insostenibili per le aziende sanitarie e le prime esperienze di autoassicurazione

La crescita esponenziale dei contenziosi e gli incrementi consistenti dei risarcimenti per i casi di responsabilità sanitaria, cosiddetta medical malpractice, hanno fatto esplodere i premi assicurativi di Responsabilità Civile a livelli non più sostenibili dalle Aziende Sanitarie.

Amministrativo Politica 11 gennaio 2014, 11:27

Sentenza Tar Piemonte: annullata l’elezione del Presidente e dei consiglieri della Regione

Il Tar Piemonte annulla le elezioni regionali del 2010. Si riandrà al voto?

Amministrativo 23 dicembre 2013, 12:00

La Camera del Deputati approva il disegno di legge su Province e Città Metropolitane

Tutte le novità di rilievo riguardanti le “Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni”

Costituzionale Politica 9 dicembre 2013, 09:01

Porcellum a corte e parlamento delegittimato?

La sentenza della Corte, che ha dichiarato l’incostituzionalità della legge elettorale vigente (il Porcellum) assume portata storica per l’oggetto del sindacato e per le ripercussioni nella vita politico-istituzionale italiana


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su