Speciale riforma PA

Civile 30 marzo 2012, 12:40

La Cassazione apre al danno all’immagine e al prestigio dei Comuni

Condannata al risarcimento l’impresa inadempiente che ha fatto rimediare una “brutta figura” all’amministrazione comunale


Il Comune ha diritto  al risarcimento del danno per “credibilità politica”, a causa dell’inadempimento del fornitore: la risoluzione del contratto impone di ristorare la lesione all’immagine dell’amministrazione presso i cittadini-elettori.

Lo afferma la sentenza 4542/2012, pubblicata il 22 marzo dalla terza sezione civile della Cassazione.

Di conseguenza, l’impresa rivelatasi negligente dopo la stipulazione del contratto, nell’esecuzione della prestazione pattuita, non solo subisce la risoluzione del contratto per inadempimento, ma deve pagare anche i danni patrimoniali e, tra questi,  il pregiudizio arrecato all’immagine dell’amministrazione locale, che viene lesa nella sua credibilità politica presso i cittadini.

La Suprema Corte conferma così la condanna a carico di un’azienda, rea di aver noleggiato al Comune una tensostruttura per degli spettacoli, rivelatasi in seguito fatiscente, e facendo rimediare all’amministrazione comunale una figura tutt’altro che pregevole.

La ditta dovrà pagare 100 mila euro di danni all’Ente locale per aver compromesso lo svolgimento delle manifestazioni, ledendo peraltro l’immagine del committente che, al contrario, oltre a voler rendere un servigio alla collettività, sperava di trarne un beneficio in termini di consenso popolare.

Appare dunque evidente, per la Suprema Corte, che l’esito disastroso delle manifestazioni previste, e pubblicizzate, abbiano arrecato un calo di popolarità e un danno non patrimoniale immediatamente risarcibile.

Secondo l’orientamento ormai consolidato di questa Corte – si legge nella sentenza – poiché anche nei confronti della persona giuridica ed in genere dell’ente collettivo è configurabile la risarcibilità del danno non patrimoniale allorquando il fatto lesivo incida su una situazione giuridica della persona giuridica o del’ente che sia equivalente ai diritti fondamentali della persona umana garantiti dalla Costituzione, e tra tali diritti rientra l’immagine della persona giuridica o dell’ente, allorquando si verifichi la lesione di tale immagine, è risarcibile, oltre al danno patrimoniale, se verificatosi, e se dimostrato, il danno non patrimoniale costituito – come danno c.d. conseguenza – dalla diminuzione della considerazione della persona giuridica o dell’ente nel che si esprime la sua immagine, sia sotto il profilo della incidenza negativa che tale diminuzione comporta nell’agire delle persone fisiche che ricoprano gli organi della persona giuridica o dell’ente e, quindi, nell’agire dell’ente, sia sotto il profilo della diminuzione della considerazione da parte dei consociati in genere o di settori o categorie di essi con le quali la persona giuridica o l’ente di norma interagisca (Cassazione n.12929/2007)”.

Pertanto, i giudici di legittimità spiegano che anche le persone giuridiche, e dunque gli Enti territoriali esponenziali, come per esempio i Comuni, possono essere lesi in quei diritti immateriali della personalità, che sono compatibili con “l’assenza di fisicità”.  Non conta, peraltro, se la lesione scaturisca da una responsabilità contrattuale o aquiliana

Non è un caso se la nostra Costituzione, infatti, tutela i diritti all’immagine, alla reputazione, all’identità storica, culturale, e politica. Il danno alla credibilità politica, quindi, risulta liquidabile come conseguenza della diminuzione della considerazione del Comune da due punti di vista: sotto il profilo dell’incidenza negativa che la diminuzione comporta nell’agire del Sindaco e della Giunta e anche rispetto al calo di popolarità presso i cittadini o presso settori o categorie di essi con le quali l’Ente interagisce.

Inoltre, con riferimento all’inadempimento contrattuale specifico contestato dal Comune alla ditta appaltatrice di tensostruttura per ospitale spettacoli – la Cassazione ha rilevato che “deve ormai considerarsi jus receptum il fatto che un danno non patrimoniale possa configurarsi anche in conseguenza di un inadempimento contrattuale ed è inoltre condivisibile l’affermazione contenuta nella sentenza impugnata secondo cui il danno all’immagine o al prestigio del Comune e della sua amministrazione, quale danno non patrimoniale conseguente ad inadempimento contrattuale, è suscettibile di essere risarcito sulla base del’interpretazione costituzionalmente orientata dell’articolo 2059 Codice Civile che ne ammette l’applicabilità a tutti i danni non patrimoniali a prescindere dalla circostanza che la lesione consegua ad un titolo di responsabilità aquiliana o contrattuale“.

Qui il testo integrale della sentenza della terza sez. civile della Cassazione, n. 4542 del 22 marzo 2012


Pubblicato da il 30 marzo 2012 alle 12:03 in Civile
Tags: , , , , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Edilizia 21 ottobre 2014, 15:19

Decreto sblocca Italia, spunta l’Iva agevolata per chi ristruttura

Bonus Iva a chi effettua lavori di ristrutturazione e sconto Irpef prorogato

Civile 21 ottobre 2014, 12:45

Divorzio breve, c’è l’accordo: emendamento in riforma giustizia

Allargamento della negoziazione assistita anche in caso di figli

Lavoro 21 ottobre 2014, 09:50

Legge di stabilità 2015, bonus lavoro: a chi spetta e come ottenerlo

Un miliardo all’anno di sgravi a chi assume a tempo indeterminato

Welfare 21 ottobre 2014, 07:55

Niente Quota 96 in legge di stabilità 2015: il testo andrà modificato

Verso la pensione i Quota 96 della scuola. Ma serve l’ok alla finanziaria

Fisco 20 ottobre 2014, 15:29

Legge di stabilità 2015, il nuovo regime dei minimi per le partite Iva

Cosa cambia con il nuovo regime agevolato: requisiti e calcolo


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su