Speciale riforma PA

Lavoro 23 marzo 2012, 10:02

Roberta B. : vita da call center girl

Cassazione: è lavoratore dipendente l’operatore di call center controllato dal computer e dell’assistente di sala


Serviamo solo se vendiamo”.

Questo lo slogan motivazionale che Roberta deve aver sentito ossessivamente mentre, cuffia fino al mento, scorreva i numeri da chiamare per piazzare il cambio di operatore mentre in sala scoppia il boato di applausi per chi ha raggiunto il bonus in busta paga.

L’azienda fissa obiettivi, mette a disposizione le strumentazioni di sua proprietà e gestisce i turni di presenze ma questo non era fino a qualche giorno fa lavoro dipendente.

Ora le cose cambiano e crolla il “mito” del lavoro “precario” per antonomasia…

Una recentissima sentenza della Cassazione, la n. 4476, ha restituito a tutte le “Roberte” la dignità di un lavoro a tempo indeterminato, libero dagli infingimenti del “co.co…” del caso e dei rituali da villaggio turistico immortalati nel film di Virzì “Tutta la vita davanti”.

Roberta era sottoposta «non tanto a generiche direttive, ma ad istruzioni specifiche, sia nell’ambito di briefing finalizzati a fornire informazioni e specifiche in merito alle prestazioni contrattuali, sia con puntuali ordini di servizio, o a seguito di interventi dell’assistente di sala».

I centralinisti avevano l’obbligo «di utilizzare un linguaggio appropriato ai contenuti dell’attività professionale, con padronanza di dialogo, capacità di persuadere e massima cortesia nei confronti dell’utenza pertanto si trattava di indicazioni che denotavano un generale obbligo di coordinamento con le esigenze aziendali».

E che dire dell’orario di lavoro ristretto nelle sei ore per sei giorni?

La Cassazione ha confermato la decisione della Corte di Appello di Roma che il 15 settembre 2009, aveva dichiarato la natura subordinata del rapporto di lavoro a tempo indeterminato dal 2001 e fino ad oggi condannando il call center a riassumere la lavoratrice, che nel frattempo era stata licenziata, e a pagarle le retribuzioni non corrisposte e la possibilità per tutte le Roberte ed i Roberti dei call-center di poter chiedere il mutuo per l’acquisto di una casa…

Qui il testo integrale della sentenza n. 4476/2012 della Suprema Corte


Pubblicato da il 23 marzo 2012 alle 10:03 in Lavoro
Tags: , ,


2 Commenti per Roberta B. : vita da call center girl

  1. Pingback: CINA – non temo la Cina in sé, ma la Cina in me « Hai sentito di Zig?

  2. Era ora! Finalmente un po’ di dignità laddove ce l’avevano tolta.

    Ma pensiamo che finirà qua?

    Gli U.S.A. e l’U.K. hanno delocalizzato in India i loro addetti al call centre. Fortuna vuole che non si parli italiano in nessun altro paese al mondo. (Ok, Svizzera, San Marino e Vaticano esclusi.)

    Ma voci dicono che qualcuno voglia vedere quanti Albanesi e Maltesi sanno parlare bene al telefono la nostra lingua…

    Un esempio? http://t.co/CXcOBgPS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Maria Giuliana Murianni

avvocato, mediatrice familiare

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Animali 3 ottobre 2014, 14:59

Io sono Daniza

I dubbi su questa storia sono e restano tanti e se ne parlerà ancora a lungo. Resta lo sgomento per un’altra occasione persa.

Società 11 aprile 2014, 09:30

Divorzio breve… La lunga marcia riprende

Il nuovo testo ridurrà drasticamente il tempo di attesa per giungere allo scioglimento o alla cessazione degli effetti civili

Processo Civile Società 31 dicembre 2013, 08:47

Sesso per contratto… Lucia come Frine?

L’assurdo contratto che prevedeva l’obbligo per una segretaria di fare sesso con l’assessore, suo titolare, quattro volte al mese

Civile Professioni 15 novembre 2013, 12:28

Dal 30 novembre il via ai contratti di convivenza… dal notaio!

I notai promuovono i cd “contratti di convivenza” per le famiglie more uxorio

Animali 13 settembre 2013, 08:00

Da ora è l’uomo il miglior amico del cane! In vigore le nuove norme sull’incolumità pubblica

Con le nuove norme i proprietari sono i “responsabili” delle conseguenze civili e penali dei comportamenti del loro cane


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su