Speciale riforma PA

Diritto d'autore 4 marzo 2012, 12:39

L’equo compenso è un balzello legittimo ma non per gli imprenditori

Il Tar Lazio ha respinto tutti i ricorsi e ha sancito la legittimità del decreto Bondi. Ma con qualche precisazione…


Non è esattamente quello che ci si attendeva l’esito della pioggia di ricorsi che ha investito la nuova disciplina italiana in materia di equo compenso per copia privata, ovvero il famigerato decreto Bondi con il quale l’allora Ministro dei beni e delle attività culturali aveva fatto un regalo di Natale multimilionario all’industria dell’audiovisivo con i soldi dell’industria ICT.

Dopo la Sentenza con la quale la Corte di Giustizia dell’Unione europea aveva definitivamente chiarito che l’equo compenso per copia privata deve necessariamente essere ancorato all’effettivo utilizzo – ancorché identificato solo su base presuntiva – del supporto o del dispositivo per la realizzazione di una copia privata e le decisioni assunte dal Consiglio di Stato e dal Governo francese, ci si attendeva che anche i giudici italiani facessero la loro parte ed accertassero la palese illegittimità della disciplina italiana almeno nella parte in cui legittima esose richieste di pagamento in relazione alla compravendita di supporti e dispositivi destinati all’utenza business.

Non è andata così.

Il TAR Lazio ha respinto tutti i ricorsi e stabilito che il decreto Bondi è legittimo.

E’ andata male, ma non malissimo come, da domani, ci racconterà SIAE e i compagni di merenda dell’equo compenso.

Innanzitutto, con buona pace delle ipocrite posizioni della SIAE e degli autori, infatti, i Giudici amministrativi hanno messo nero su bianco che l’equo compenso per copia privata è una prestazione patrimoniale imposta ovvero un balzello e non già il corrispettivo – ancorché forfetario – dell’utilizzo delle altrui opere dell’ingegno.

Ecco quanto scrivono i giudici amministrativi al riguardo: “non può che giungersi alla conclusione che il pagamento dell’equo compenso per copia privata, pur avendo una chiara funzione sinallagmatica e indennitaria dell’utilizzo (quanto meno potenziale) di opere tutelate dal diritto di autore, deve farsi rientrare nel novero delle prestazioni imposte, giacché la determinazione sia dell’an che del quantum è effettuata in via autoritativa e non vi è alcuna possibilità per i soggetti obbligati di sottrarsi al pagamento di tale prestazione fruendo di altre alternative”.

Nonostante il rigetto del ricorso, quindi, il TAR ha, almeno chiarito, che l’equo compenso è un autentico balzello.

Ma non basta.

I Giudici amministrativi, infatti, pur avendo respinto la tesi dei ricorrenti secondo la quale il Decreto Bondi sarebbe illegittimo in quanto impone il pagamento dell’equo compenso anche in relazione alla vendita di supporti e dispositivi destinati a clienti professionali, hanno chiarito che tale conclusione deriva non già dalla legittimità di tale pretesa ma, al contrario, dalla circostanza che la vigente disciplina italiana escluderebbe alla radice la possibilità per chicchessia di pretendere un equo compenso a fronte della vendita di supporti e dispositivi destinati all’utenza business.

Eccolo il secondo principio che consente di essere meno severi nel giudicare la decisione dei Giudici amministrativi: nessun equo compenso è dovuto – anche nel vigore del Decreto Bondi – a fronte della commercializzazione di supporti e dispositivi destinati ad un’utenza professionale.

La disciplina contenuta nel decreto impugnato, infatti, in linea con le disposizioni del diritto comunitario e nazionale, non impone alcuna prestazione patrimoniale con riguardo all’uso professionale del prodotto ma, al contrario, stabilisce espressamente la necessità di prevedere esenzioni con riguardo all’uso professionale dell’apparecchio”.

E’ questo quanto scrivono i Giudici.

Ciò che non può essere condiviso della decisione – che sotto tale profilo andrà, probabilmente, impugnata – è che secondo il TAR Lazio, tale principio sarebbe sufficientemente garantito da una disciplina – quale quella contenuta nel Decreto Bondi – che affida la determinazione delle modalità di attuazione del principio medesimo non già ad un soggetto terzo ed indipendente ma ad un soggetto, come la SIAE, portatore di un rilevante interesse proprio nell’esazione dell’equo compenso, interesse dato dagli ingenti profitti – a titolo di commissioni – che essa percepisce.

In attesa di provare a far comprendere ai Giudici del Consiglio di Stato tale profilo, allo stato, non rimane che agire, senza ritardo, sulla SIAE perché perfezioni il più alto numero possibile di esenzioni generali dall’obbligo di pagamento dell’equo compenso per tutte le tipologie di vendita di supporti o dispositivi ad utenza professionale.

In tale prospettiva andrà, peraltro, ricordato che “esenzione” non significa “rimborso” e che SIAE, pertanto, dovrà stabilire con proprie convenzioni con tutte le categorie di soggetti interessati che l’equo compenso non è dovuto e non già, semplicemente, che può essere recuperato attraverso l’adempimento di complessi oneri burocratici.

I Giudici amministrativi oggi hanno detto che nessun imprenditore deve versare un euro – né direttamente né indirettamente – a titolo di equo compenso per copia privata e che tocca a SIAE garantire che ciò accada davvero.


Pubblicato da il 4 marzo 2012 alle 12:03 in Diritto d'autore
Tags: , , ,


5 Commenti per L’equo compenso è un balzello legittimo ma non per gli imprenditori

  1. Pingback: Copia privata, l’On. Ribaudo confessa: tassa mascherata da indennizzo | Notizie italiane in tempo reale!

  2. Pingback: Copia privata, l’On. Ribaudo confessa: tassa mascherata da indennizzo - Il Fatto Quotidiano

  3. Pingback: Copia privata, l’On. Ribaudo confessa: una tassa mascherata da indennizzo - Il Fatto Quotidiano

  4. Pingback: L’equo compenso è una tassa iniqua ma va pagata: non ci resta che piangere? « L'angolo di Pierani

  5. Pingback: L’equo compenso è un balzello legittimo ma non per gli imprenditori. – GBLOG

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guido Scorza

avvocato, docente universitario, vicedirettore di Leggi Oggi

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Privacy 29 aprile 2013, 09:04

Privacy: il Garante detta le istruzioni per l’adempimento agli obblighi di segnalazione

Ecco quali sono i principali obblighi contenuti nel recente provvedimento del Garante privacy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 24 aprile

Politica 10 aprile 2013, 08:06

Governodelturismo.it: l’ultima eredità del Governo del Professore?

Evidentemente non sono bastati i 45 milioni di euro buttati dalla finestra per lo sviluppo del famoso portale del turismo italiano, “italia.it” del quale restano solo inchieste e macerie, né […]

Politica 17 febbraio 2013, 22:26

AGCOM: sondaggi per molti ma non per troppi

E’ uno di quei casi in cui la sconfitta precede il fischio di inizio, la partita che, nei prossimi mesi vedrà contrapposte, dinanzi ai giudici, la SWG, società di indagini […]

Diritto d'autore 30 ottobre 2012, 17:12

Opere orfane in digitale e online, al via direttiva Parlamento UE

Tutta una serie di istituti potranno riprodurre, digitalizzare indicizzare, catalogare e mettere a disposizione del pubblico tutte le opere orfane ovvero quelle in relazione alle quali nessuno dei titolari è stato individuato o rintracciato

Internet e responsabilità 29 agosto 2012, 15:25

Intermediari non vigilantes

La libertà fondamentale di ricevere e comunicare informazioni può essere limitata solo ove ciò risulti necessario e proporzionato rispetto al fine perseguito


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su