Speciale riforma PA

Diritto d'autore 7 febbraio 2012, 00:05

Mega Conspirancy, le ragioni dei Giudici

“Megavideo e Megaupload cospiratori e non intermediari”


Nelle ultime settimane in Rete – e fuori dalla Rete – si è discusso molto della vicenda giudiziaria a stelle e strisce che ha portato all’arresto, da parte dell’FBI – circostanza, quest’ultima di per sé sufficiente, specie nel vecchio continente affezionato alle serie TV americane, a vestire l’intera storia di un appeal mediatico senza eguali – di Kim Dotcom ed alla chiusura di siti come Megaupload e Megavideo.

In questo vivace dibattito, opinione pubblica, giornalisti e professionisti del diritto hanno spesso ipotizzato – talvolta, occorre darne atto con toni catastrofici ed apocalittici – che quanto accaduto era il frutto della reazione dell’industria di Hollywood allo “sciopero della Rete”, proclamato ed attuato dai più grandi fornitori di servizi online per protestare contro l’approvazione del SOPA – il famigerato disegno di legge anti-pirateria la cui approvazione da parte del congresso USA appariva all’epoca imminente – e che si trattava di un segnale forte e chiaro che l’industria audiovisiva stava inviando agli internet Service provider – intermediari della comunicazione – di tutto il mondo per avvertirli che, nulla, dal giorno dopo, sarebbe stato uguale al passato e che la loro attività avrebbe potuto fare la fine di quella del Mega-clan appena smantellato.

Allora anche i servizi come YouTube sono a rischio? Si è persino domandato qualcuno, probabilmente spinto da alcune suggestive profezie secondo le quali il 2012 oltre che l’anno della fine del mondo secondo la profezia Maya, sarebbe anche quello del Copyright, come se gli ultimi dieci anni non abbiano meritato analogo titolo e “riconoscimento”.

La lettura delle oltre settanta pagine del provvedimento [n.d.r. l’indictement è, nella sostanza, un atto di accusa] della Corte distrettuale della Virginia all’origine dell’arresto del Boss della Mega-Conspirancy – per dirla con le parole, di per sé significative dei Giudici – nella quale pochi commentatori si sono, probabilmente, sin qui avventurati, consente, in realtà [n.d.r. a condizione, ovviamente, di sgombrare la mente da ogni preconcetto e di voler resistere alla tentazione di perseguire facili sensazionalismi] di acquisire una visione più chiara di quanto realmente accaduto e di ponderare meglio certe previsioni e profezie sull’impatto che la decisione potrebbe avere sull’universo degli intermediari della comunicazione.
Qui la versione integrale del commento e qui il provvedimento della Corte.


Pubblicato da il 7 febbraio 2012 alle 00:02 in Diritto d'autore
Tags: , ,


5 Commenti per Mega Conspirancy, le ragioni dei Giudici

  1. Pingback: Mega: Kim Dotcom e la nuova ‘sfida globale’? |

  2. Pingback: Guido Scorza | Internet, diritto e politica dell'innovazione

  3. Pingback: Mega: il cloud sharing di Kim Dotcom regala 50 Gb a tutti -Kestoria.it

  4. Pingback: Mega: Kim Doctom e la nuova ‘sfida globale’? | PoliticFeed.it

  5. Fino a quando si è utilizzato solo e soltanto il P2P, sistema di scambio e condivisione di files musicali, video, software, ebook, ecc… (come emule, gnutella winmix bittorrent ed altri), il problema del diritto d’autore veniva affrontato con i c.d. filtri. Youtube, infatti, ha attivato un software in grado di “identificare” il brano coperto da copyright eliminando il contenuto tutelato non appena viene caricato. Una cosa simile fece, ad esempio, Tele2 anni fa, mettendo dei filtri in grado di impedire il download mediante emule (uno dei maggiori e piu’ diffusi sistemi di P2P ). MA…. l’AGCOM con delibera del 2008 ed altre del 2009 sanziona Tele2 per aver attivato tali filtri senza informare i propri clienti (sanzione di 90.000 euro). Non sembra un controsenso? Scaricare, condividere files in rete mediante questi programmi è reato, se però un ISP come Tele2 utilizza strumenti tali da impedire la commissione di reati (pensiamo alla rete internet intestata ad uno dei genitori ignari che i propri figli utilizzino tali software per l’illecito uso) senza preavviso allora è passibile di multa!!!
    Altra osservazione: finché la condivisione avveniva tramite P2P , e quindi senza possibilità di “compenso” per chi forniva contenuti tutelati sulla base della semplice memorizzazione sul proprio pc (hard disk), mai l’FBI e/o la GdF hanno pensato di incriminare/sanzionare i “singoli” ( eppure si trattava dello stesso reato, ovvero la diffusione di opere tutelate, salvo per lo scopo di lucro per il quale la l. 633/41 prevede la reclusione fino a tre anni – presumo una simile pena nel DMCA).
    La situazione cambia da quando inizia a diffondersi il Direct Download, ovvero la possibilità di depositare i PROPRI contenuti (film, musica, software) non sul proprio pc (come prima) ma su un hard disk (server ) esterno. Questa possibilità dava piu’ vantaggi: al downloader di scaricare senza doversi mettere “in coda” (come con emule, winmix ecc…) e all’uploader la possibilità di ricevere un compenso per ogni effettivo download (detto altrimenti “PAY per DOWNLOAD”). Una cosa non molto diversa da quella prevista da Youtube, attualmente. Ovvero gli YOUTUBERS che caricano un qualsiasi video, anche protetto dal diritto d’autore, ma che per varie ragioni non è stato segnalato da chi ne possiede i diritti di sfruttamento economico, come contenuto da rimuovere automaticamente, GUADAGNANO in base al numero di visualizzazioni. Una sorta di “pay per view”. Non solo, agli utenti che caricano video molto “visualizzati”, Youtube offre la possibilità di vendere spazi pubblicitari (negli stessi video e nel proprio canale).
    Insomma, una “pratica” non molto diversa da quella attuata dai siti di file saring…eppure Kim Doctom ed il gruppo Mega sono stati i soli ad avere la peggio…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Guido Scorza

avvocato, docente universitario, vicedirettore di Leggi Oggi

Rss Feed Facebook LinkedIn Twitter Google Plus


Articoli dello stesso autore

Privacy 29 aprile 2013, 09:04

Privacy: il Garante detta le istruzioni per l’adempimento agli obblighi di segnalazione

Ecco quali sono i principali obblighi contenuti nel recente provvedimento del Garante privacy, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 24 aprile

Politica 10 aprile 2013, 08:06

Governodelturismo.it: l’ultima eredità del Governo del Professore?

Evidentemente non sono bastati i 45 milioni di euro buttati dalla finestra per lo sviluppo del famoso portale del turismo italiano, “italia.it” del quale restano solo inchieste e macerie, né […]

Politica 17 febbraio 2013, 22:26

AGCOM: sondaggi per molti ma non per troppi

E’ uno di quei casi in cui la sconfitta precede il fischio di inizio, la partita che, nei prossimi mesi vedrà contrapposte, dinanzi ai giudici, la SWG, società di indagini […]

Diritto d'autore 30 ottobre 2012, 17:12

Opere orfane in digitale e online, al via direttiva Parlamento UE

Tutta una serie di istituti potranno riprodurre, digitalizzare indicizzare, catalogare e mettere a disposizione del pubblico tutte le opere orfane ovvero quelle in relazione alle quali nessuno dei titolari è stato individuato o rintracciato

Internet e responsabilità 29 agosto 2012, 15:25

Intermediari non vigilantes

La libertà fondamentale di ricevere e comunicare informazioni può essere limitata solo ove ciò risulti necessario e proporzionato rispetto al fine perseguito


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su