Speciale riforma PA

Flash Processo Civile 9 gennaio 2012, 15:15

Opposizione a decreto ingiuntivo: dal 20 gennaio stop ai termini dimezzati

Cancellato il recente orientamento delle Sezioni Unite civili. Soppresso il riferimento alla dimidiazione dei termini nella nuova formulazione dell’art. 645 c.p.c.


Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 4 gennaio 2012 la legge 29 dicembre 2011 n. 218 recante “Modifica dell’articolo 645 e interpretazione autentica dell’articolo 165 del codice di procedura civile in materia di opposizione al decreto ingiuntivo”.

Il provvedimento entrerà in vigore il prossimo 20 gennaio.

Il testo normativo in questione cancella di fatto il recente orientamento espresso dalle Sezioni unite civili della Corte di cassazione con la sentenza n.19246 del 2010 in tema di opposizione a decreto ingiuntivo e segna un deciso ritorno al sistema vigente anteriormente alla citata sentenza.

L’orientamento costante ed uniforme della Suprema Corte, fatta eccezione per un unico risalente precedente contrario, rimasto assolutamente isolato (Cass. 10 gennaio 1955 n. 8) prevedeva che, in caso di opposizione a decreto ingiuntivo, quando l’opponente si fosse avvalso della facoltà di indicare un termine di comparizione inferiore a quello ordinario, il termine della sua costituzione veniva automaticamente ridotto a cinque giorni dalla notificazione dell’atto di citazione in opposizione, pari alla metà del termine ordinario.

Le Sezioni unite avevano invece concluso che non solo i termini di costituzione dell’opponente e dell’opposto sono automaticamente ridotti alla metà in caso di effettiva assegnazione all’opposto di un termine a comparire inferiore a quello legale, ma che tale effetto automatico è conseguenza del solo fatto che l’opposizione sia stata proposta, in quanto l’art. 645 c.p.c. prevede che in ogni caso di opposizione i termini a comparire siano ridotti a metà.

La conseguenza di tale innovativo orientamento non era di poco conto ed aveva seminato un certo timore tra i pratici del diritto dal momento che, per consolidato orientamento degli ermellini, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo la tardiva costituzione dell’opponente va equiparata alla sua mancata costituzione e comporta l’improcedibilità dell’opposizione.

La nuova legge sterilizza però gli effetti della sentenza.

Ai procedimenti successivi all’entrata in vigore della legge 218/2011 si applica infatti il nuovo art.645 c.p.c. nel quale viene soppresso ogni riferimento alla dimidiazione dei termini per la costituzione dell’opponente. Per effetto di tale modifica il nuovo articolo 645 è il seguente: “Art. 645 Opposizione – L’opposizione si propone davanti all’ufficio giudiziario al quale appartiene il giudice che ha emesso il decreto con atto di citazione notificato al ricorrente nei luoghi di cui all’articolo 638. Contemporaneamente l’ufficiale giudiziario deve notificare avviso dell’opposizione al cancelliere affinche’ ne prenda nota del decreto. In seguito all’opposizione il giudizio si svolge secondo le norme del procedimento ordinario davanti al giudice adito.“.

L’articolo 2 è destinato ad applicarsi ai giudizi instaurati nel vigore della precedente normativa. Con norma interpretativa si stabilisce che: “Nei procedimenti pendenti alla data di entrata in vigore della presente legge, l’articolo 165, primo comma, del codice di procedura civile si interpreta nel senso che la riduzione del termine di costituzione dell’attore ivi prevista si applica, nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo, solo se l’opponente abbia assegnato all’opposto un termine di comparizione inferiore a quello di cui all’articolo 163-bis, primo comma, del medesimo codice“.

Di seguito il testo:

 LEGGE 29 dicembre 2011 , n. 218 – Modifica dell’articolo 645 e interpretazione autentica dell’articolo 165 del codice di procedura civile in materia di opposizione al decreto ingiuntivo

 

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Promulga

la seguente legge:

Art. 1

Modifica all’articolo 645 del codice di procedura civile

1. Al secondo comma dell’articolo 645 del codice di procedura civile, le parole: «; ma i termini di comparizione sono ridotti a metà» sono soppresse.

Art. 2

Disposizione transitoria

1. Nei procedimenti pendenti alla data di entrata in vigore della presente legge, l’articolo 165, primo comma, del codice di procedura civile si interpreta nel senso che la riduzione del termine di costituzione dell’attore ivi prevista si applica, nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo, solo se l’opponente abbia assegnato all’opposto un termine di comparizione inferiore a quello di cui all’articolo 163-bis, primo comma, del medesimo codice. La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara’ inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.


Pubblicato da il 9 gennaio 2012 alle 15:01 in Flash Processo Civile
Tags: ,


2 Commenti per Opposizione a decreto ingiuntivo: dal 20 gennaio stop ai termini dimezzati

  1. Domenico

    LAVORI PREPARATORI
    Senato della Repubblica (atto n. 2380): Presentato dal sen. Caruso ed altri il 14 ottobre 2010

    Sen. Caruso: http://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Attsen/00003847.htm

  2. FRANK

    Qualcuno mi sa dire chi ha proposto questa Legge e a quale partito appartiene ?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Consumatori 27 agosto 2014, 16:49

Vacanza rovinata: ecco la guida completa per farsi risarcire

I diritti del viaggiatore e le responsabilità dei tour operator

Giustizia 27 agosto 2014, 15:03

Riforma giustizia 2014, torna la prescrizione: le novità nel ddl

Taglio prescrizione, falso in bilancio, cambiano Csm e responsabilità

27 agosto 2014, 12:10

Papa Francesco, il discorso completo all’udienza del 27 agosto

Il discorso completo di papa Francesco all’udienza generale del 27 agosto. Video e discorso della catechesi del pontefice in piazza San Pietro

Welfare 27 agosto 2014, 11:48

Riforma pensioni, esodati, Quota 96: tutti fuori dal prossimo Cdm

Dopo le polemiche, zero misure per pensionati, Quota 96 o esodati

Edilizia 27 agosto 2014, 09:40

Sblocca-Italia 2014, le novità su fisco ed edilizia nel testo in arrivo

Conferma detrazioni e bonus mobili, più sconto Iva per gli acquisti


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su