Che cosa c’è di male se un giovane professionista vede in internet uno spiraglio per farsi largo?”. Questo ha dichiarato Boris Hageney, CEO di Groupon Italia in un’intervista a Panorma Economy in risposta alle polemiche che negli ultimi tempi stanno frenando le collaborazioni tra professionisti e il famoso sito internet.

Chi naviga spesso tra le pagine di Groupon alla ricerca di abbonamenti in palestra convenienti, cene scontate o tagli e pieghe a prezzi stracciati, è ormai abituato a leggere annunci di dentisti, medici estetici e, addirittura, chirurghi plastici che offrono visite specialistiche e prestazioni di vario genere con sconti fino al 70%. Difficilmente, invece, capiterà in futuro di leggere offerte proposte da avvocati, se non altro quelli iscritti presso l’Ordine degli Avvocati di Firenze.

Circa due mesi fa, infatti, lo studio di infortunistica Giusto Risarcimento di Pistoia ha pubblicato un annuncio del seguente tenore: “Una trattazione di un procedimento stragiudiziale senza ricorrere alle vie legali a 39 € invece di 500 oppure 2 procedimenti a 69 € invece di 1000″. Come evidente, la prestazione professionale veniva offerta con uno sconto del 92% ma, nonostante questo, ha ottenuto solo 2 adesioni a riprova della diffidenza dei consumatori nei confronti di certe offerte.

A seguito di una segnalazione, l’Ordine degli Avvocati di Firenze ha prontamente aperto un’istruttoria per verificare se nell’episodio fossero coinvolti avvocati iscritti all’albo. L’indagine per fortuna ha avuto esito negativo e la vicenda, come dichiarato da Samuele Baroncelli, titolare dello studio di infortunistica, si è trasformata solo in una pubblicità molto negativa.

In attesa di appurare che nessun legale fiorentino fosse coinvolto, il Consiglio dell’Ordine ha comunque ritenuto necessario adottare la delibera n. 5 del 2011, facendo così il punto sui risvolti deontologici del caso e avvisando i professionisti delle conseguenze cui potrebbero incorrere partecipando ad iniziative come quelle promosse da Groupon.

In sintesi, il Consiglio dell’Ordine ha qualificato i coupon non nominativi come titoli di credito al portatore e come  “prevalentemente commerciale” l’attività professionale dell’avvocato che si serve di questo sistema di diffusione dei propri servizi, elencando come segue tutte le norme deontologiche violate:

– articolo 17 bis numero 3: “L’avvocato può utilizzare esclusivamente i siti web con domini propri e direttamente riconducibili a sé, allo studio legale associato o alla società di avvocati alla quale partecipa, previa comunicazione tempestiva al Consiglio dell’Ordine di appartenenza della forma e del contenuto in cui è espresso”.

– articolo 19 canone primo e secondo: “È vietata ogni condotta diretta all’acquisizione di rapporti di clientela a mezzo di agenzie o procacciatori o con modi non conformi alla correttezza e decoro. L’avvocato non deve corrispondere ad un collega, o ad un altro soggetto, un onorario, una provvigione o qualsiasi altro compenso quale corrispettivo per la presentazione di un cliente“.

articolo 22: “L’avvocato deve mantenere sempre nei confronti dei colleghi un comportamento ispirato a correttezza e lealtà“. In questo caso il Consiglio ha sottolineato anche l’applicazione dell’art. 2598 c.c. in tema di concorrenza sleale intesa, nello specifico, come applicazione di prezzi non concorrenziali e inferiori ai costi sostenuti.

articolo 35: “Il rapporto con la parte assistita è fondato sulla fiducia“. Nell’ipotesi di Groupon, invece, è evidente come la scelta del professionista dipenda esclusivamente dallo sconto applicato sul prezzo della prestazione.

articolo 36 canone secondo: “L’avvocato, prima di accettare l’incarico, deve accertare l’identità del cliente e dell’eventuale suo rappresentante“.

In conclusione, il Consiglio dell’Ordine di Firenze ha “suggerito” agli avvocati iscritti all’albo, così come ai praticanti, di “astenersi dalla stipulazione di convenzioni” del genere. Personalmente ho molto apprezzato questo modo di agire in quanto il Consiglio, chiarendo la propria posizione senza margini di interpretazione, ha voluto tutelare i propri iscritti preventivamente, evitando errori che avrebbero poi comportato ovvi provvedimenti disciplinari.

Del resto, a sentire le parole dell’Avv. Sergio Paparo, non si tratta nemmeno di un atteggiamento di chiusura verso le nuove forme di promozione dei servizi legali. Il Presidente dell’Ordine, intervistato sul punto, si è infatti detto preoccupato soprattutto per i giovani i quali, alla ricerca dei primi clienti, potrebbero offrire prestazioni professionali a prezzi bassissimi senza avere una struttura solida alle spalle per sostenerne i costi e togliendo valore alla propria preparazione.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGod save the Euro
Articolo successivoPubblicato in Gazzetta il decreto sui rimpatri volontari e assistiti
Silvia Surano
Umbra di nascita ma non di origini, ho conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l'Università di Perugia. Il titolo di avvocato, conquistato con forte determinazione, è stato per me un punto di partenza, una grande responsabilità e, soprattutto, un onore che ogni giorno devo dimostrare di aver meritato con lo studio costante, l’impegno, la dedizione. Mi occupo di diritto civile ed amministrativo, coltivando la passione per i profili giuridici legati all'uso di internet e delle nuove tecnologie. Amo il lavoro di squadra e la collaborazione. La mia felicità è la consapevolezza di avere qualcosa di prezioso: sani principi, entusiasmo, una famiglia meravigliosa a sostenere il mio cammino, persone importanti e luoghi più o meno lontani dove sentirmi a casa.

15 COMMENTI

  1. Chiaro esempio di LOBBY….violata.
    In Italia, delle caste, fanno parte sempre…”gli altri”.
    Vergognatevi!

  2. Mi associo ai commenti precedenti, critici verso questa arrogante e ipocrita posizione dellOrdine degli avvocati di Firenze (ma sono sicuro che la pensano tutti allo stesso modo).
    E’ necessario che questa bigotta categoria (oddio, anche le altre categorie cc.dd. intellettuali non scherzano mica) si renda conto che tra gli avvocati e gli altri “normali lavoratori” non c’è tutta questa grande differenza.

  3. Che brutta figura che ci stai facendo, ordine degli avvocati di Firenze. Con questo comportamento vecchio e ingessato dai adito a chi pensa “Lontani dagli avvocati!!”. Che vergogna…
    Ritieni non dignitoso un coupon su internet e chiudi gli occhi di fronte a giovani avvocati schiavizzati dagli studi a pochi euro l’ora. Vergogna, vergogna… Vergogna!

  4. Finalmente qualcuno si è mosso. Ed era ora.
    Solo con qualificazione si può entrare in libero mercato e, comunque, vanno sempre rispettate le norme deontologiche, fino a che le stesse esisteranno in aggiunta e supporto alle norme codicistiche, civili e penali.. La deontologia professionale è norma etica esplicativa di condotte morali. Gli avvocato dovrebbero conoscerla bene giacchè sulla detta materia sostengono l’esame di abilitazione alla professione; che poi, il legislatore abbia voluto derogare ai minimi tariffari e altra cosa. In ogni caso, non si può accaparrare clientela su ribassi del minimo della tariffa che, comunque, da dignità alla prestazione professionale.

  5. “Che cosa c’è di male se un giovane professionista vede in internet uno spiraglio per farsi largo?”
    Appunto, cosa c’è di male??

  6. …..soprattutto per i giovani i quali, alla ricerca dei primi clienti, potrebbero offrire prestazioni professionali a prezzi bassissimi senza avere una struttura solida alle spalle per sostenerne i costi e togliendo valore alla propria preparazione….

    Meglio rimanere praticanti e/o impiegati in studi a 7 euro lordi l’ora per otto ore al giorno … a prescindere da quante ore si faccia realmente al giorno…..

  7. per il bene che voglio agli avvocati spero che al più presto vengano aboliti gli ordini.
    anzi no. che venga abolito solo il loro.

  8. Meno male che gli ordini saranno presto aboliti. Solo così potremo smettere di essere bloccati da anacronistiche norme redatti dai soliti burocrati che nulla hanno ancora capito dell’era di internet e che pensano solo a proteggere le loro rendite di posizione anzichè al bene della cittadinanza tutta.

SCRIVI UN COMMENTO