Speciale riforma PA

Commerciale 11 luglio 2011, 09:14

Informazione sui prodotti alimentari: nuove regole dal Parlamento Europeo

“Regolamento in materia di etichettatura e di diritto all’informazione dei consumatori”, Strasburgo 6 luglio 2011


Nella seduta del 6 luglio scorso il Parlamento Europeo ha approvato una bozza di Regolamento in materia di etichettatura e di diritto all’informazione dei consumatori sui generi alimentari che si accingerà a modificare la normativa comunitaria attualmente in vigore.

Il Regolamento in questione si rivolgerà a tutti gli operatori della filiera alimentare, nessuno escluso, laddove siano in qualche misura coinvolti nell’attività di fornitura ai consumatori finali di informazioni riguardanti i prodotti alimentari.

Qualunque alimento destinato ad essere immesso sul mercato per la commercializzazione diretta ai consumatori finali così come per il suo consumo da parte della collettività per il tramite di operatori alimentari intermedi (mense, ristoranti e via dicendo) dovrà essere sempre accompagnato dalle informazioni prescritte dal Regolamento.

In particolare, secondo quanto disposto dall’art. 9 del provvedimento in questione, gli imballaggi e le etichette apposte sugli alimenti dovranno contenere, in modo preciso, chiaro e facilmente comprensibile, l’indicazione delle seguenti informazioni obbligatorie:

i) la denominazione dell’alimento (da intendersi come denominazione usualmente utilizzata nel Paese in cui l’alimento viene commercializzato oppure, in mancanza, come denominazione di tipo descrittivo);

ii) l’elenco degli ingredienti (secondo la loro denominazione specifica ed in ordine decrescente di peso);

iii) le sostanze che possono provocare allergie o intolleranze (mediante l’utilizzazione di un carattere differente per dimensione, stile o colore rispetto a quello impiegato per indicare gli altri ingredienti);

iii) la quantità degli ingredienti (ogni qual volta in cui l’ingrediente figuri anche nella denominazione dell’alimento e rappresenti una sostanza essenziale per caratterizzare l’alimento stesso);

iv) la quantità netta dell’alimento (espressa, a seconda dei casi, in litri, centilitri, millilitri, chilogrammi o grammi);

v) la durata minima di conservazione o la data di scadenza (per tutti gli alimenti altamente deperibili nei casi in cui l’indicazione del termine minimo di conservazione non sia sufficiente a scongiurare eventuali rischi per la salute umana);

vi) le condizioni di conservazione (per quegli alimenti che richiedono particolari condizioni di conservazione e/o di utilizzo);

vii) il Paese d’origine o il luogo di provenienza (oltre agli alimenti per i quali è già previsto da particolari disposizioni di legge, l’obbligo viene esteso anche alle carni ed a tutti i casi in cui le indicazioni contenute nell’etichetta potrebbero indurre il consumatore in errore circa la provenienza dell’alimento);

viii) le istruzioni per l’uso (al fine di consentire un utilizzo adeguato del alimento);

ix) la quantità alcolica effettiva (per le bevande che contengono più del 1,2% di alcol in volume);

x) la dichiarazione nutrizionale (contenente i valori energetici e le quantità espressi per 100g o 100ml di grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale, fatte salve le dovute deroghe e prescrizioni specifiche per alcuni tipi di alimenti).

L’esattezza e la precisione con cui tali informazioni dovranno essere fornite dal produttore faranno sì che il consumatore non potrà essere indotto in errore circa la sussistenza di particolari caratteristiche, proprietà e/o effetti dell’alimento, nemmeno per il tramite dello strumento pubblicitario.

Anche le modalità di presentazione di tali informazioni sugli imballaggi e sulle etichette apposte sugli alimenti hanno trovato concreta espressione nel provvedimento che sembrerebbe invocare a più riprese il principio della “chiara leggibilità” delle informazioni, principio in forza del quale i caratteri stampati sulle etichette e/o sugli imballaggi non potranno avere un’altezza inferiore ad 1,2 mm e nessun’altra immagine o elemento dovrà oscurare od impedire in qualche modo la lettura di dette informazioni.

Le disposizioni sin qui descritte troveranno diretta applicazione anche nelle ipotesi di vendita a distanza dei generi alimentari, ove le informazioni obbligatorie dovranno essere portate a conoscenza del consumatore finale, non solo al momento della consegna del bene, ma anche prima della conclusione del contratto di vendita e senza che ciò comporti costi aggiuntivi per il consumatore.

E’ bene specificare che i responsabili per la corretta applicazione di tutte le disposizioni contenute nel provvedimento che il Parlamento Europeo si accingerà a pubblicare nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea saranno tanto i produttori quanto gli importatori dei beni, nel caso in cui il produttore non sia stabilito nell’Unione Europea.

Il provvedimento contiene, inoltre, numerose deroghe e disposizioni speciali applicabili in presenza di particolari tipi di alimenti ed a fronte delle loro differenti modalità di immissione nel mercato.

Ebbene, è innegabile che il rigoroso rispetto delle nuove disposizioni da parte degli operatori del settore alimentare sarà particolarmente importante specie se si considera che ad essere perseguite dall’Unione Europea sono principalmente la protezione della salute dei consumatori e la possibilità per questi ultimi di effettuare delle scelte consapevoli e sicure al momento dell’acquisto; all’indomani dell’emergenza sanitaria scaturita dal diffondersi in Europa del batterio E.coli non rimane, quindi, che domandarsi se non sia il caso di inasprire quanto prima anche la normativa comunitaria in materia di qualità, prevenzione e sicurezza alimentare.

Federica Busetto


Pubblicato da il 11 luglio 2011 alle 09:07 in Commerciale
Tags: ,


1 Commento per Informazione sui prodotti alimentari: nuove regole dal Parlamento Europeo

  1. Personalmente, da consumatore, presto poca attenzione alle etichette ed al loro contenuto.
    Il consumatore spesso non ha le competenze per valutare e controllare gli alimenti.
    Per questo ritengo che il controllo debba essere effettuato, più che dal consumatore attraverso l’etichetta, dagli organi competenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Federica Busetto

avvocato

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Tecnologia 29 settembre 2011, 12:45

Licenze Creative Commons: cosa sono? A cosa servono?

Sei diverse tipologie di licenze Creative Commons per condividere direttamente con gli utenti la circolazione dei contenuti

Commerciale 11 luglio 2011, 09:14

Informazione sui prodotti alimentari: nuove regole dal Parlamento Europeo

“Regolamento in materia di etichettatura e di diritto all’informazione dei consumatori”, Strasburgo 6 luglio 2011

Processo Civile 24 giugno 2011, 17:25

Un pachiderma chiamato giustizia civile

La durata media di un processo di primo grado è di 533 giorni, ma spendiamo per la giustizia lo 0,20% del PIL, più di Francia e Regno Unito

Civile 13 giugno 2011, 16:53

Privacy e banche: che fine fanno i dati dei clienti?

Prescrizioni per banche e Poste Italiane sulla circolazione delle informazioni relative alla clientela (Garante Privacy 192 del 2011)

Tecnologia 25 maggio 2011, 19:10

Banda larga e accesso a Internet, ancora sui requisiti per installare router Wi-fi domestici

Il documento di sintesi della consultazione sulla bozza di D.M. prevista dal d.lgs. 198/2010


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su