Speciale riforma PA

Amministrativo 6 luglio 2011, 12:19

Manovra correttiva e contributo unificato: una questione di democrazia

Il controllo di legalità sull’attività della pubblica Amministrazione messo al servizio di ricchi e di potenti


Dal testo della manovra correttiva, pubblicato sul nostro sito, si apprende che una parte di essa, contenuta nell’art. 37, comma 6, consiste in aumenti del contributo unificato.

A me pare che queste norme pongano una questione di democrazia, perché di fatto rendono molto difficile il controllo di legalità sull’attività della pubblica Amministrazione, in quanto scoraggiano oltre ogni ragionevole misura la tutela giurisdizionale.

Particolarmente grave, e direi brutale, è il raddoppio del contributo per i giudizi amministrativi in materia di appalti, fino alla misura di 4.000 euro.

Tale importo è dovuto qualunque sia il valore della controversia, da quella per un piccolo appalto della manutenzione di un tratto di strada rurale a quello per il ponte sullo Stretto di Messina.

Già nell’importo di 2.000 euro aveva suscitato il dubbio di legittimità costituzionale, per essere questo scollegato dal valore della controversia; ma la Corte Costituzionale se n’era uscita con una pronunzia d’inammissibilità, invocando anche (secondo me a sproposito) la discrezionalità del legislatore (n. 164 del 6 maggio 2010).

Appare chiaro che una somma così elevata è pari o superiore al guadagno che può ricavarsi da piccoli appalti, e comunque tale da scoraggiare un investimento così elevato le imprese di dimensioni non rilevanti.

Ciò significa che, negli appalti di valore non elevatissimo, le stazioni appaltanti potranno commettere tutte le illegittimità, sicure che nessuno avrà la forza economica di contestarle.

D’altronde all’attribuzione di una vasta autonomia agli enti locali è seguita la soppressione di ogni controllo esterno, sicché è precluso il reclamo a qualsiasi altra autorità.

Parimenti scoraggiante la tutela giurisdizionale nei casi minori, è l’introduzione del contributo di ben 600 euro per i ricorsi straordinari, che invece erano sino a ieri un mezzo di tutela economico, per quanto lentissimo nei risultati.

Sulla stessa linea si pone l’introduzione del contributo unificato per i giudizi in materia di pubblico impiego, sia pure col contentino della riduzione a metà.

Pure in questo campo si apre la porta agli abusi ed alle vessazioni, chiudendola alla possibilità pratica di farle valere in giudizio.

Si afferma sempre più il principio che la tutela giurisdizionale è un fastidio per i manovratori, ma solo quando proviene dai cittadini per così dire più piccoli, e non certo quando è collegata ai grossi affari: insomma questa manovra completa l’attuazione dell’idea che la giustizia sia un servizio per i ricchi ed i potenti.

Ed invece sono proprio i “piccoli” coloro che hanno più bisogno del servizio della giustizia, perché non possono tutelare i propri interessi con la forza del denaro o delle conoscenze influenti o con lo scambio di favori.

Si pone realmente una questione di democrazia, oltre che un serio attentato alla possibilità di lavorare per la maggiore parte degli avvocati amministrativisti.

Mi pare che la classe forense non interverrà, proprio perché la questione riguarda una fascia marginale degli iscritti, e peraltro essa non ha la forza sociale di imporre i propri interessi, come mostra la vicenda della mediazione.

Solo un movimento dal basso attraverso la Rete potrebbe avere qualche possibilità di successo: invito il nostro Direttore ad organizzare da par suo una raccolta di firme.


Pubblicato da il 6 luglio 2011 alle 12:07 in Amministrativo
Tags: ,


5 Commenti per Manovra correttiva e contributo unificato: una questione di democrazia

  1. Roberto

    passi per il contributo unificato sulla giurisdizione tributaria (che costa meno dei bolli, per piccole cifre) ma quelli sugli appalti e sul pubblico impiego sembrano proprio fatti apposta per “non disturbare il manovratore”. Analisi correttissima e battaglia da condividere. A proposito, una domanda, se l’Agenzia delle Entrate appella una Sentenza della Commissione Tributaria, paga il contributo unificato con l’F23 oppure il Direttore va dal tabaccaio? secondo me se ne guarderanno bene, ulteriore ingiustizia (peraltro non pagavano neanche il bollo).

  2. Pingback: Appalti pubblici, ovvero quando il contributo unificato si sdoppia

  3. Pingback: Al via la campagna “Fermiamo l’aumento del contributo unificato”

  4. luisetta

    stiamo raschiando il fondo del barile…. e che dire del contributo unificato in materia di volontaria giurisdizione?
    Ha ragione Sammartino a dire che è una questione di democrazia… che forse non esiste più da un pezzo!

  5. maria

    collaboro con un piccolo studio legale. proprio oggi ho depositato per conto dello studio una richiesta di decreto ingiuntivo per un lavoratore che dal mese di dicembre non ha ricevuto lo stipendio. adesso bisogna dirgli che deve pagare il contributo unificato.
    E’ proprio un’ingiustizia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Dario Sammartino

avvocato amministrativista, esperto in pubblico impiego

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Economia 26 giugno 2014, 12:04

Il rating di legalità come premio per le imprese virtuose

Cos’è il rating di legalità per le imprese e quali elementi lo costituiscono. Cosa è richiesto alle imprese e il ruolo delle banche nell’erogazione del credito

Religione 10 luglio 2013, 08:00

Pluralismo religioso, Sezioni unite: uguale libertà a tutte le confessioni

Il «pluralismo confessionale e culturale» e l’«eguale libertà delle confessioni religiose» sono valori costituzionali che devono essere assicurati e garantiti. E tale compito non può che spettare al giudice amministrativo

Amministrativo 15 maggio 2013, 16:06

Il diritto d’accesso diventa un po’ più democratico, ecco l’accesso civico

Il decreto legislativo n. 33/2013 ha riconosciuto un diritto di accesso più ampio sull’attività amministrativa

Lavoro 10 aprile 2013, 08:00

Demansionamento: scatta il risarcimento danni pari al 20% della retribuzione

Il TAR Liguria ha condannato il Ministero dell’Interno a risarcire il danno arrecato a un vigile del fuoco a causa dell’assegnazione a mansioni inferiori

Amministrativo 21 marzo 2013, 14:00

Il Consiglio di Stato allarga l’accesso ai documenti

Accesso ai documenti. Il Consiglio di stato tutela i cittadini


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su