Home Tag Lavoratori precoci

lavoratori precoci

In questa categoria rientranoono quei lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima della maggiore età, arrivando a maturare una contribuzione particolarmente elevata cioè pari o superiore a 40 anni di contributi ad un’età anagrafica relativamente bassa, spesso intorno ai 60 anni.

A loro è stato concesso un particolare beneficio, cioè quello di andare in pensione anticipata con un requisito contributivo ridotto. In particolare, l’articolo 1, comma 199 della Legge di bilancio 2017, ha stabilito che i lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del compimento dei 19 anni, possono andare in pensione anticipata, in presenza di determinate condizioni. Ecco quali:

  • lavoratori dipendenti in stato di disoccupazione per cessazione del rapporto di lavoro a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e che non percepiscono più da almeno tre mesi la prestazione per la disoccupazione loro spettante;
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che assistono al momento della richiesta e da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104);
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che hanno una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, superiore o uguale al 74%;
  • lavoratori dipendenti addetti a lavori usuranti (articolo 1, commi 1, 2 e 3, del decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67);
  • lavoratori che svolgono da almeno sei anni in via continuativa una delle seguenti attività:
    • operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
    • conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
    • conciatori di pelli e di pellicce;
    • conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
    • conduttori di mezzi pesanti e camion;
    • personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
    • addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
    • insegnanti della scuola dell’infanzia ed educatori degli asili nido;
    • facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati;
    • personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
    • operatori ecologici ed altri raccoglitori e separatori di rifiuti.

Pensioni: Renzi “Siamo agli sgoccioli”. Lavoratori precoci rimasti esclusi

Flessibilità in uscita già nella legge di Stabilità 2016 ma non a costo zero

ULTIMI ARTICOLI

Rimani sempre aggiornato

iscrivendoti alle nostre newsletter

  • resta aggiornato sulle novità in tema lavoro, risparmio, pensioni e sussidi sociali
  • ricevi le novità su nuovi bandi di concorso, esami di abilitazione e scarica i materiali di studio
  • acquista con lo sconto libri, e-book, manuali/kit e i corsi online di preparazione

Iscriviti alle newsletter di LeggiOggi e LeggiOggi Concorsi e: