Speciale Jobs Act

Urbanistica 24 giugno 2013, 08:30

Abusivismo record in sicilia, ma i comuni non hanno i soldi per le demolizioni

In Sicilia scoperti, nel 2012, tremila nuovi casi di abusivismo edilizio. I Comuni, però, non hanno i soldi per provvedere alle demolizioni ed alla messa in pristino dei luoghi


L’abuso e la disubbidienza alla legge, non può essere impedita da nessuna legge” (Giacomo Leopardi, Zibaldone).
L’abuso edilizio in Sicilia, però, è diventato la norma. In due anni, dal 2011 al 2012, ne sono stati scoperti sette mila. Ad essere stati costruiti illecitamente si presume siano stati più di un milione e mezzo di metri cubi.
I Comuni, rispetto a quest’ampiezza del fenomeno, non sono in grado di dare seguito agli accertamenti delle inottemperanze con l’esecuzione delle ordinanze di demolizione e con la messa in pristino dei luoghi. Quasi mai gli Enti Locali provvedono alla trascrizione delle opere abusive ed a prenderne possesso.
A rivelarlo è lo stesso Dipartimento di Urbanistica dell’Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana, nel suo “Rapporto sull’abusivismo edilizio e sullo stato di definizione delle istanze di sanatoria edilizia”.
Il documento disegna un quadro generale dello stato dell’arte in questo settore e sarà utilizzato come strumento di valutazione e di supporto alle decisioni per quanto concerne gli interventi legislativi e la programmazione regionale.
I Comuni siciliani hanno l’obbligo di trasmettere all’Assessorato regionale Territorio ed Ambiente, ogni quindici giorni, l’elenco delle ordinanze di sospensione dei lavori, delle ingiunzioni alla demolizione, degli accertamenti dell’inottemperanza all’ingiunzione a demolire, delle immissioni nel possesso, nonché delle ordinanze di demolizione, disposti nei quindici giorni.
Il quadro che ne emerge è preoccupante.
Nei 186 Comuni siciliani su 390 (47,6% del totale) presi in esame dal Rapporto, si registra una volumetria abusiva complessiva di mc 500.752,01 di cui 348.531,03 mc per quanto riguarda la cubatura realizzata nelle aree sottoposte a vincolo sismico e per mc 75.072,58 idrogeologico. Seguono mc 32.673,95 realizzati nella fascia dei 150 m dalla battigia e nella zona di limitazione dell’edificabilità costiera, mc 14.389,55 nelle aree d’interesse ambientale e SIC e ZPS, mc 9.429,71 nelle aree d’interesse archeologico e sottoposte a vincolo archeologico.
Al primo posto della non onorevole classifica dei territori provinciali con maggiori abusi si collocata Catania (1.686), seguita da Palermo (1.233) e Messina (1.106). Nella provincia messinese diminuiscono il numero degli abusi (612 nel 2011 e 494 nel 2012) ma cresce la volumetria (63.427 mc nel 2011 e 75.612 mc nel 2012). Meno abusi ma più rilevanti.
I dati del “Rapporto”, tra l’altro, non possono essere considerati esaustivi per descrivere la complessità del fenomeno dell’abusivismo. Essi si basano, infatti, esclusivamente sulle informazioni fornite dai Responsabili degli Uffici Tecnici Comunali.
Rispetto a 3.097 abusi, i Comuni siciliani hanno emesso 1.211 ordinanze di demolizione e rimessa in pristino (pari al 39,1%) ma, poi, solo in 98 casi (0,8%) è stato possibile verificare la reale ottemperanza alle ordinanze di demolizione, mentre le immissioni in possesso sono state in totale sette (tre in provincia di Catania, tre in quella di Palermo ed una in quella di Siracusa).
Molti dei procedimenti penali riguardanti gli illeciti edilizi sono giunti, dopo decine di anni, a sentenza definitiva e, quindi divenuti irrevocabili. Il relativo procedimento amministrativo non risulta più rinviabile.
I Comuni avrebbero dovuto dare seguito alle ordinanze di demolizione e di ripristino dei luoghi nel rispetto dell’ambiente e acquisire le opere abusive al patrimonio comunale, purtroppo così non è avvenuto, in moltissimi casi per gli elevati costi di demolizione.
Il costo stimato per demolire 181 immobili, compreso il trasporto a discarica dei materiali inerti, è di sette milioni di euro.
Un forte impulso a dare esecuzione alle ordinanze è arrivato adesso dalla Regione e dalla Procura della Repubblica attraverso i propri Tribunali distrettuali. Questi, infatti, stanno potenziando il loro intervento nei confronti dei Comuni inadempienti affinché concludano i procedimenti relativi agli illeciti edilizi eseguendo le demolizioni o, in alternativa, le acquisizioni degli immobili abusivi.
In alcuni casi, l’Autorità Giudiziaria (vedi i Tribunali di Barcellona Pozzo di Gotto e Patti), di fronte all’ingente quantità di opere abusive da demolire, ha stipulato appositi protocolli d’intesa con i Comuni per definire le modalità d’intervento e fissare le priorità nelle demolizioni.
Il Tribunale di Trapani ha avviato una ricognizione preliminare per verificare lo stato dell’arte delle esecuzioni delle demolizioni.
Dall’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente è, intanto, partita una circolare indirizzata a tutti i Comuni siciliani che sancisce l’obbligo di accelerare le operazioni di acquisizione al demanio delle strutture abusive. In caso contrario saranno i competenti uffici regionali a denunciare omissioni e inadempimenti all’autorità giudiziaria. Previsto anche il commissariamento per i Comuni che non si rispettano le norme sulla tutela dell’ambiente.
Intanto, il Comune dell’agrigentino che, di concerto con il Ministero delle Infrastrutture e della Difesa, sta perfezionando una convenzione per avviare le procedure per accedere alle risorse finanziarie necessarie per le demolizioni di 181 immobili e per il trasporto a discarica degli inerti che ammonta a circa 7 milioni di euro.


Pubblicato da il 24 giugno 2013 alle 08:06 in Urbanistica
Tags: , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Luciano Catania

segretario comunale, giudice tributario

Rss Feed


Articoli dello stesso autore

Amministrativo 26 maggio 2015, 09:15

Cambio sesso, ma il Comune non lo deve saper

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 9785/2015 (depositata il 13 maggio scorso) ha rigettato il ricorso del comune di Comiso, contro la sentenza che lo condannava al risarcimento dei danni determinati da illegittima divulgazione di dati attinenti al mutamento dell’identità sessuale di una cittadina, già cittadino

Amministrativo 7 maggio 2015, 14:26

I segretari comunali lasciano l’anticorruzione?

In seguito all’approvazione al Senato della riforma della Pubblica Amministrazione (ddl S1577) i segretari comunali e provinciali hanno deciso di rimettere nelle mani del Presidente della Repubblica e delle più alte cariche dello Stato, i provvedimenti di nomina a responsabili dell’Anticorruzione. Sono già centinaia le adesioni alla comunicazione collettiva di dimissioni dall’incarico. Nel clima di discredito che si è voluto creare attorno alla figura, per i segretari comunali diventa impossibile proseguire tale delicata attività. Le dimissioni, al momento simboliche, potrebbero, se confermate, creare problemi ai sindaci ed all’Anac.

Amministrativo 10 aprile 2015, 14:37

Non abolite il segretario degli enti locali

La legge n. 190/2012 (Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione) prevede che, di norma, il Responsabile della prevenzione dei fenomeni corruttivi, negli Enti Locali, sia il segretario comunale. Una scelta non casuale, ma motivata e frutto di un’attenta analisi. A fronte degli auspici della commissione Garofolo sull’anticorruzione di riduzione del tasso di fiduciarietà della nomina e di rafforzamento del ruolo, il Governo ha propostola soppressione del ruolo di segretario comunale.

Amministrativo 17 marzo 2015, 11:33

Gettoni d’oro per i consiglieri comunali

In Sicilia è scoppiato lo scandalo del costo dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali. Coinvolti diversi comuni: da Milazzo a Priolo, da Agrigento a Siracusa a Messina. In alcuni casi a fare scandalo è l’entità del gettone, in altri il numero di sedute annue svolte. In quasi tutti gli episodi la segnalazione parte dal segretario generale dell’ente. Il governo regionale prova ad inserire nella prossima legge finanziaria delle forti limitazioni ai compensi, generando proteste diffuse. L’Anci Sicilia teme che alimentare i sentimenti di sfiducia nei confronti degli amministratori locali rischia ancora di più di compromettere l’incolumità degli unici rappresentanti che si confrontano ogni giorno con i cittadini e che nelle scelte amministrative ci mettono sempre la loro faccia.

Internet 24 febbraio 2015, 09:28

Il tweet non è atto amministrativo

Il comune di La Spezia ha impugnato un provvedimento di sospensione dei lavori, emesso dalla Soprintendenza dei beni culturali, dopo che lo stesso era stato annunciato con un tweet del Ministro. Secondo il comune il cinguettio del Ministro (e le sue dichiarazioni a mezzo stampa) integravano un’inammissibile usurpazione di funzioni amministrative di esclusiva competenza dirigenziale. Il Tar riteneva il tweet non impugnabile ma solo spia di eccesso di potere. Il Consiglio di Stato ha ribadito che che gli atti dell’autorità politica, debbono pur sempre concretarsi nella dovuta forma tipica dell’attività della pubblica amministrazione, anche, e a maggior ragione, nell’attuale epoca di comunicazioni di massa, messaggi, cinguettii ed altro.


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su