Speciale riforma PA

Fisco 17 maggio 2013, 15:35

Imu 2013: c’è il decreto. Ecco il testo ufficiale

Il Cdm ha approvato il decreto legge sulla sospensione dell’acconto Imu per giugno e la Cig in deroga


Il decreto sul blocco della rata d’acconto dell’Imu di giugno sulla prima casa e sul rifinanziamento della cassa integrazione in deroga (Cig) è stato approvato dal Consiglio dei ministri. Dunque il Cdm ha varato i provvedimenti su Imu e Cig, insieme ai tagli previsti per gli stipendi dei ministri – parlamentari e al rinvio della scadenza dei contratti dei precari della pubblica amministrazione da luglio a 31 dicembre 2013.

Come primo intervento viene sospesa la rata Imu che le famiglie dovevano pagare e non dovranno più pagare a giugno”, ha dichiarato il presidente del Consiglio Enrico Letta alla conclusione del Cdm, confermando che entro il 31 agosto governo e maggioranza faranno la riforma dell’Imu.

Sono fiducioso che l’Unione europea coglierà gli sforzi che l’Italia sta facendo per rimanere virtuosa”, ha detto il premier, Enrico Letta, al termine del Cdm. Il decreto varato oggi “ci da 100 giorni di tempo per articolare la riforma dell’Imu che è fondamentale perchè c’è bisogno di fiducia e di calo della pressione fiscale”. Per Lettac’è bisogno di fiducia e di far calare la pressione fiscale, ma serve anche uno stimolo all’economia reale” a partire dal mercato dell’edilizia che “è crollato” ma che è anche “un volano fondamentale”.

Lo stop dell’acconto Imu di giugno per la prima casa varrà per le abitazioni principali con le pertinenze, le cooperative edilizie a proprietà indivisa, gli Iacp e gli immobili rurali.Sono rimasti esclusi, invece, gli immobili di pregio, dunque ville, castelli e anche gli immobili signorili. “Dentro il testo c’è un’attenzione molto forte alle imprese perchè si indica fra le priorità” della riforma dell’Imula previsione di forme di deducibilità dell’imposta pagata sugli immobili” per attività produttive, ha detto il premier Enrico Letta nel corso della conferenza stampa al termine del Cdm.

Il decreto Imu-Cig approvato oggi dal Consiglio dei ministri non altera i saldi e “consentirà di guardare con ottimismo alla chiusura della procedura di disavanzo eccessivo”, ha detto il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, spiegando che sarà “un’ulteriore occasione per aprire nuovi spazi di erogazione all’economia”.

Entro la fine di agosto, poi, il Governo dovrà riformare tutte le tasse sul mattone, altrimenti tutti i contribuenti dovranno pagare l’Imu sospesa a giugno entro il 16 settembre 2013. La riforma della tassazione degli immobili potrebbe far nascere la service tax, un’imposta unica che unirebbe Imu e Tares.

Un miliardo per rifinanziare la cassa integrazione in deroga. Il provvedimento approvato dal Cdm “consente di avvicinare il fabbisogno” per il 2013, ha sottolineato il premier Letta. Nella bozza di decreto inizialmente c’erano solo 496 milioni: 250 milioni dal Fondo sociale per l’occupazione e la formazione e altri 246 milioni versati dall’Inps. Poi durante la riunione di governo la cifra è salita a un miliardo di euro.

Nel decreto varato oggi ci sono “passaggi molto importanti, come la norma che fa ripartire la logica dei contratti di solidarietà, altro strumento importante per venire incontro a lavoratori e imprese”, ha sottolineato il premier, Enrico Letta al termine del Cdm.

 

Leggi il testo del decreto legge su Imu e Cig.

Letta ha anche annunciato che il governo ha rinviato la scadenza dei contratti dei precari della pubblica amministrazione da luglio 2013 al 31 dicembre 2013. “La scadenza al 31 luglio 2013 avrebbe rappresentato per moltissimi lavoratori un’oggettiva e molto forte difficoltà”, ha detto Letta. “Il nostro primo atto è la riduzione dei costi della politica”, ha detto il premier, ricordando la misura adottata dall’Esecutivo, annunciata negli scorsi giorni, che taglia gli stipendi dei ministri e sottosegretari parlamentari.


Pubblicato da il 17 maggio 2013 alle 15:05 in Fisco
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,


9 Commenti per Imu 2013: c’è il decreto. Ecco il testo ufficiale

  1. nicoletta

    ma la cosa piu’ triste e’ che il CAF acui mi sono rivolta per la compilazione del 730 mi ha chiesto 30 euro pr la compilazione dell ‘IMU……..che a giugno non ho pagato essendo prima casa.
    alla mia disapprovazione mi hanno risposto……NOI IL LAVORO DEL CALCOLO LO ABBIAMO FATTO E POI LO STATO HA DECISO DI SOSPENDERLO…E IL OSTRO LAVORO CHI LO PAGA?

    NATURALMENTE NOI??????????????????
    NEANCHE PER SOGNO…INDECENTE!!!!

  2. domenico

    ho una piccola casetta in un paese per motivi di lavoro mi sono trasferito di residenza perche devo pagare la casetta come seconda casa?

  3. pensionato deicindizzato

    GENTILI INTERNAUTI CELESTINO – BEATRICE – CIAFARDO – ALESSIO ECC. – AVETE PERFETTAMENTE RAGIONE.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    MA AI POLITICI E TECNCI CHE NELLA PASSATA LEGISLATURA HANNO APPROVATO L’IMU IMPOSTA INCOSTITUZIONALE PER EFFETTO DEL MECCANISMO APPLICATIVO CON CUI E’ STATA CONGEGNATA ED APPROVATA IN TUTTA FRETTA CON DECRETO LEGGE N.201/2011 ( c.d. SALVA ITALIA ) E DIFFERENZIATA – PRESENTA PROFILI D’INCOSTITUZIONALITA’ PER CONTRASTO CON GLI ARRT. 3 ( principio d’uguaglianza ) 53 ( principio di capacità contributiva ) e
    47 ( tutela del risparmio e della proprietà privata ) DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. – NON INTERESSA PERCHE’ ORA LE DECISIONI LE PRENDONO PER DISTINGUERSI GLI UNI DAGLI ALTRI – NON RENDENDOSI CONTO CHE LA CORDA SI SPEZZA O MEGLIO IL CONSENSO VIENE MENO.
    HANNO DIMOSTRASTO DI NON CONOSCERE LE NORME BASILARI DEL DIRITTO
    TRIBUTARIO E CONTINUANO RIMANDANDO A SETTEMBRE IL PROBLEMA.
    AL MINISTRO SACCOMANNO – UOMO SAGGIO CHIEDO:
    COME HA FATTO IL LEGISLATORE A STABILIRE A 160 IL MOLTIPLICATORE
    PER LIQUIDARE L’IMU????????????????????
    OCCORREVA SUBITO CONSIDERARE PRIMA CASA – CHI NE HA UNA SOLA – MA PER MOTIVI DI LAVORO O ALTRO NON PUO’ ABITARLA, PERCHE’ VI E’ GENTE
    CHE DEVE FARE DEBITI PER PAGARE IMU – IMPOSTA VESSATORIA. .
    I NOTABILI CI ASCOLTERANNO????????????????????????????????????”

  4. Mele Augusto

    Ho una casa in comproprietà con mia moglie, siamo andati ad abitare in casa di mio figlio,
    cambiando residenza, causa problemi di salute.
    Mio figlio è andato ad abitare nella nostra casa, cambiando la residenza.
    Ora formulo una domanda?
    Io e mio figli abbiamo una sola casa di proprietà, abbiamo cambiato solo la residenza,
    perchè dobbiamo pagare la tassa IMU come seconda casa.

  5. TOMMASO CELESTINO

    Possiedo un unica casetta nel comune di LIGONCHIO (RE) con una rendita catastale di 144,61 € e sono residente in REGGIO EMILIA in un appartamento in affitto (550 €). Devo pagare l’IMU come seconda casa?

  6. Beatrice

    Secondo me la riforma dovrebbe essere molto più incisiva nel valutare il reddito dei contribuenti, anche per la seconda casa. Io ho due porzioni di casa ereditate dai genitori e un reddito da lavoro che non raggiunge i 20.000 euro all’anno (con mutuo per la prima casa da estinguere).
    Già con la denuncia del 730 mi viene addebitata una ricchezza (il possesso del 33% di due appartamenti) che di fatto non è tale, e per questo motivo devo pagare. Se poi compilo l’ISEE, risulta che non ho diritto a nessun beneficio economico, sempre a causa del possesso degli immobili. Aggiungiamo anche l’IMU!
    Non credo di essere un caso isolato. Cosa intende fare il Governo per queste persone che pagano, pagano, pagano?

  7. Nicola CIAFARDO

    Si sono dimenticati degli appartamenti concessi in uso gratuito ai figli, costituenti prima casa degli stessi.
    Mah!
    Nicola Ciafardo

  8. Alessio

    Per coprire il mancato gettito di liquidità dei Comuni a giugno dovuto alla sospensione dell’IMU sulla prima casa hanno stabilito l’anticipo da parte della tesoreria dello Stato calcolata però sulle aliquote del 2012, solo che molti Comuni hanno già deliberato in questi giorni l’aumento per riuscire a fa quadrare i conti in vista dell’approvazione dei bilanci.
    La differenza chi la mette? Prevedo voragini nei conti degli enti locali.

  9. Anna Lisa Fontanarosa

    Ok,va bene,ma come funziona se un italiano,pensionato,risiede all’estero,paga l’affitto,all’estero,ma è usufruttuario di una casa in Italia? Pagherà comunque a giugno perchè risulta seconda casa,anche se in realtà è l’unica!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Fisco 17 settembre 2014, 16:31

Legge di stabilità 2015, rischio aumento tassa di successione

Parenti, fratelli, estranei: così cambieranno aliquote e franchigie

Flash 17 settembre 2014, 14:40

Papa Francesco, udienza del 17 settembre 2014. Testo e catechesi

La catechesi di papa Francesco nell’udienza generale del 17 settembre 2014 in piazza San Pietro. Il testo del discorso pronunciato da Bergoglio

Amministrativo 17 settembre 2014, 12:47

Armonizzazione contabile, rivoluzione alle porte negli enti locali

Intervista a Cinzia Simeone, dirigente Mef. Come attuare la riforma dei bilanci

Welfare 17 settembre 2014, 10:13

Jobs Act, parte l’attacco all’articolo 18. Neo assunti senza tutele

Presentato l’emendamento sul contratto a tutele crescenti

Politica 17 settembre 2014, 09:12

Roberto Benigni a Ballarò: “Renzi fa cose incredibili, vince col Pd”

Benigni a tutto campo nella prima puntata di Ballarò


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su