Speciale Jobs Act

Penale 16 marzo 2012, 13:24

Orrore, orrore!! L’ennesima legge ad personam!!

Pronta ad uscire dal cantiere del Legislatore l’assoluzione dalla “concussione” di Silvio Berlusconi


… che occhi grandi che hai cara nonnina … per guardati meglio nipotina mia !

…. e che orecchie lunghe che hai nonnina cara … per sentirti meglio dolcezza mia !

… e che bocca grande che hai nonnina mia … per mangiarti meglio cappuccetto rosso !!!

 Ma pensavate davvero che il buon Silvio Berlusconi fosse andato realmente in pensione? Che non avesse lasciato al suo angelo Angelino la comanda di risolvergli il problema Ruby? Che avesse deciso di affidarsi ossequiosamente alla Giustizia Italiana come un normale metalmeccanico di Porto Marghera?

Sciocchini miei ….

Il nostro amato lupetto s’era fatto bene bene i conti e ha preparato zitto zitto la vendetta sotto banco: tutte le rogne agli altri, ivi compresa la donazione di un patrimonio statuale indebitato sino all’ultimo scantinato delle fognature pubbliche; tutti i regali a lui, primo fra tutti la risoluzione del bubbone processuale della nipotina Ruby.

Meraviglia di teste: di gran furboni, Silvio ed il suo piccolo Angelo; di veri …., noi e la nostra lucida ingenuità !

Oggi, il gioco è definitivamente scoperto. L’accordo notturno del 15/16 marzo 2012 felicemente concluso e quatto quatto – tra l’art.18, la riforma del lavoro, l’inseguimento fiscale e la riconquista della fiducia internazionale – il colpaccio è venuto finalmente a galla: l’abrogazione del reato di concussione !!!
Per chi non lo ricordasse, è il reato previsto dall’art. 314 del codice penale; è quello di cui oggi Silvio Berlusconi deve rispondere a Milano nel processo che riguarda Ruby e l’allegra comitiva del Bunga Bunga; è quello sanzionato con la “lieve” reclusione da quattro a dodici anni !!!!

Nella confusione della fame generale e – perché no? zucchero non guasta bevanda! – nel fumo degli occhi di varie e molteplici ipotesi di fattispecie corruttive (“vedete quanto siamo bravi e severi?” proclamano soddisfatti i nostri amati tecnici) – passa la bomba che interessa veramente e data via libera all’approvazione del DDL sulla Giustizia :

ABROGAZIONE DEL REATO DI CONCUSSIONE !!!!
ERGO, ASSOLUZIONE DI SILVIO BERLUSCONI PERCHE’ “IL FATTO NON E’ PIU’ PREVISTO COME REATO DALLA LEGGE PENALE “!!!

Nessun Pubblico Ministero al mondo riuscirà ad evitare questo sciagurato epilogo:

  1.  perché la concussione per induzione non è minimamente “scambiale” con alcun ipotizzabile reato di corruzione;
  2.  perché l’abolitio criminis è immediatamente applicabile e nessuna legge di tutto l’universo potrà mai fissarne la non retroattività in ragione del fondamentale principio sancito dall’art. 2 del nostro codice penale (la legge penale più favorevole all’imputato si applica sempre, da subito e integralmente).

Chapeau Silvio, è proprio vero che sei un geniale paraculo ….

P.S. A chi volesse gioire della lettura della proposta di legge su cui è stato raggiunto il provvidenziale accordo, ne offriamo l’integrale documento parlamentare.


Pubblicato da il 16 marzo 2012 alle 13:03 in Penale
Tags: , , ,


9 Commenti per Orrore, orrore!! L’ennesima legge ad personam!!

  1. Pingback: Ddl corruzione? Ci stanno prendendo in giro!!!

  2. Ho letto la proposta di legge e sono annichilito.
    Ha perfettamente ragione l’avv. Bilardo.
    E’ uno scandalo e la gente sta continuando a non capirlo !

  3. Lino Sastri

    @Angelo Bruno
    Infatti è in quell’inno, evangelicamente camuffato, al Marxismo, ideologia che Corradini ancor oggi con forza sostiene e ne rivendica l’appartenenza, che scaturiscono le parole “ragioniamo alla Corradini”.
    Sig. Bruno forse non se ne è accorto ma siamo nel 2012 e il Marxismo con i suoi profeti e le loro anacronistiche visioni è stato rifiutato da tutti i paesi, Cina per prima, per i danni economici , gli orrori e i crimini contro l’umanità che in suo nome ha generato.
    Da nessun signore, nessun servo.

    La proprietà privata, «cardine intorno al quale ruota tutta la legislazione, ed a cui si riattaccano quasi tutti i diritti del cittadino», è una delle fonti principali dell’ingiustizia legale

    .Il possesso è lo specchio della mediocrità dello spirito.

    Il sistema dei bisogni, l’economia politica della società industriale, a cui è legata la compravendita come il primo tra i contratti di scambio, il contratto più tipico tra tutti i contratti tipici: ancora l’esperienza di un’ingiustizia legale, perché il sinallagma tra prestazione e controprestazione sin dall’origine non tiene e sin dall’origine genera un’eccessiva onerosità per il lavoratore, un’onerosità tanto eccessiva che il lavoratore è costretto a vendersi, più che a vendere la propria forza-lavoro, . (Se la Camusso leggesse queste parole sarebbe la prima a riderne oggi)

    Dalle sue radici ebraiche, e da Hegel che al Cristianesimo aveva ricondotto la prima e più severa rivendicazione dei diritti dell’uomo, Marx trae l’affermazione, struggente nel suo sapore evangelico,……

  4. Angela Bruno

    @ Lino Sastri
    Si, ragioniamo alla Corradini, cominciamo con il leggere “Nessun Signore, nessun servo“:

  5. Nuccio

    La cosa più grave è il silenzio di tutti, l’accordo di tutti, il compiacimento di tutti!
    Siamo in mano a dei venduti ….
    Brava Franzina. Se il nostro mito!

  6. Francesco Esposito 1

    In Italia abbiamo perso i lumi della ragione ! Il mister bunga bunga non la finirà mai affinchè esisteranno gente come AL- FANO ed accoliti !

  7. Fabiola

    Vergogna! Si stanno vendendo il ….!

  8. Cristiano

    Cosa????????????????????????????????????????????
    Non è possibile!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Non ci posso credere !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. Lino Sastri

    eh certo, ragioniamo alla Corradini.
    Rimandiamo tutto, non aboliamo la concussione per trasformarla in corruzione, non adeguiamoci alle normative più severe degli altri Paesi, non elimiamo le incertezze di un reato nelle certezze di un altro. Tutti fermi perché ci sono tante persone accusate di concussione e tra queste Silvio che potrebbero averne vantaggi. E allora si blocchi tutto, stiamo fermi fino a quando ci sarà anche un solo accusato di concussione per cui sarà una legge ad personam. Ergo stiamo fermi per sempre per non fare regali a nessuno. E sprattutto ricordiamoci che la vera sfida del Paese è riuscire a bruciare Berlusconi, unico modo di uscire dalla crisi economica. Tutto si fa in tuo nome Silvio, che puoi volere di più?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Franzina Bilardo

avvocato, docente, consulente “legalità multidisciplinare”

Rss Feed Facebook LinkedIn


Articoli dello stesso autore

Amministrativo 7 febbraio 2014, 12:13

Anticorruzione è…? Costituirsi parte civile contro Berlusconi!

Qualche tempo fa – esattamente il   7 giugno 2012 – avevo scritto su questa rivista la vergogna, tutta italiana, dell’omonimo orgoglio italiano di nome Sergio De Gregorio. La notizia sconcertante dell’epoca era che […]

Europa 5 febbraio 2014, 17:31

Anticorruzione e atto di accusa Commissione Europea? Servono sanzioni penali!

Anticorruzione e atto di accusa Commissione Europea? Servono sanzioni penali!

Amministrativo 3 febbraio 2014, 08:55

Piani anticorruzione: si parte!

Dal I febbraio ha formalmente inizio l’operazione anticorruzione. Dubbi e risposte sull’eventuale sforamento della scadenza del 31 gennaio

Amministrativo 20 gennaio 2014, 08:20

Anticorruzione: l’indifferenza dei politici è vergognosa!

Miliardi e miliardi di spreco di denaro pubblico non sono sufficienti a smuovere la politica. Silenzio completo sulla riforma anticorruzione in tv e nei giornali

Amministrativo 8 gennaio 2014, 08:30

Anticorruzione, allarme costruttivo Anac con il rapporto 2013

L’Autorità Nazionale Anticorruzione bacchetta chi crede sia sufficiente sfornare nuove leggi: il bilancio del primo rapporto annuale dopo la legge Severino 2012


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su