Speciale Jobs Act

Amministrativo 4 maggio 2011, 10:06

Elezioni comunali, voto disgiunto e diritto di non voto del sindaco

Di dubbia legittimità costituzionale i meccanismi di voto che impongono la scelta di un sindaco, anche impedendo il diritto di astensione


Elezioni amministrative. Il 15 e 16 maggio si vota in 1344 comuni e in 11 province. Interessate, tra le città più grandi, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Trieste, Ravenna, Cagliari, Rimini, Salerno, Latina, Novara. Arezzo, Barletta, Catanzaro (qui l’elenco completo).

E’ utile  fare il punto sulle regole della competizione elettorale. La normativa di riferimento è sempre il TUEL 267/2000.

Proviamo a sintetizzare i sistemi in vigore in Italia nelle Regioni a statuto ordinario; possiamo per comodità ripartirli in tre diversi modelli.

Elezioni provinciali

Ciascun elettore può votare un solo candidato alla carica di Presidente.

Per le elezioni provinciali non è consentito il voto disgiunto, cioè non é possibile votare per un candidato alla carica di Presidente della Provincia diverso da quello collegato al gruppo di candidati prescelto mentre é possibile esprimere il solo voto al candidato a Presidente.

Elezioni nei Comuni fino a 15.000 abitanti

La candidatura alla carica di Sindaco nei Comuni fino a 15.000 abitanti é collegata ad una sola lista.

Il voto si esprime tracciando un segno sul contrassegno o sul nominativo del Sindaco.

Non é possibile votare per un candidato alla carica di Sindaco diverso da quello collegato alla lista.

I voti conseguiti dal candidato alla carica di Sindaco sono attribuiti alla lista ad esso collegata.

Non é consentito votare per una lista diversa da quella collegata al candidato alla carica di Sindaco.

Elezioni nei Comuni superiori a 15.000 abitanti

Si può votare un solo candidato alla carica di Sindaco.

Per l’elezione del sindaco nei comuni con più di 15000 abitanti è consentito il voto disgiunto, cioè è possibile votare per un candidato sindaco diverso da quello collegato con la lista prescelta.

È possibile votare in diversi modi:

a) tracciando un segno sul rettangolo in cui è scritto il cognome ed il nome del candidato prescelto; in questo caso il voto sarà attribuito solo al candidato sindaco.

b) tracciando un segno sul contrassegno della lista prescelta; il voto va alla lista prescelta e al candidato sindaco cui la lista è collegata.

c) tracciando un segno sul nome e cognome del candidato sindaco prescelto e sul simbolo della lista scelta non collegata al candidato sindaco; è possibile esprimere il voto di preferenza per uno dei candidati della lista votata.

Mentre nelle elezioni amministrative in comuni con popolazione inferiore a 15 mila abitanti è impossibile ricorrere al voto disgiunto. quest’ultimo è consentito nei Comuni oltre i 15 mila abitanti.

La Corte Costituzionale ammette la piena legittimità costituzionale del principio del voto disgiunto, anzi da atto che l’adozione di tale principio tra i modelli elettorali che il legislatore può, nell’esercizio della sua discrezionalità, disegnare.

In altri termini, la governabilità dell’ente locale non è assunta come valore assoluto, ma è apprezzata come valore specificamente tutelabile (giustificandosi l’alterazione del criterio proporzionale) soltanto nel caso, di maggior allarme, della frammentazione dei consensi espressi, che è quello del sindaco “debole” collegato ad una o più liste “deboli”.

D’altra parte, che la governabilità non sia un valore assoluto è dimostrato proprio dall’ipotesi, che può verificarsi e della cui legittimità non si dubita, della maggioranza assoluta conseguita (al primo turno) dalla lista contrapposta, o comunque non collegata, al candidato eletto sindaco.

In questo caso (in cui il rischio della c.d. “ingovernabilità” è massimo) il sindaco, salva la facoltà di dimettersi, così provocando lo scioglimento del consiglio, deve convivere con una maggioranza a sé contrapposta; ma ciò è conseguenza della divaricazione del consenso espresso dall’elettorato con il voto disgiunto, divaricazione, che il legislatore intende rispettare per non premiare (se non proprio penalizzare) il sindaco che si è collegato alla lista che non riscuote sufficienti consensi” (sent. Corte Cost. n. 107/1996).

Sembra dunque costituzionalmente discutibile la mancata previsione quantomeno del diritto di astensione per la scelta del sindaco, col risultato di condizionare la scelta dell’elettore che non apprezzi alcuno dei candidati contemplati nella scheda.

Si profila un contrasto del sistema elettorale vigente con i principi di cui agli articoli 3, 48, 51 e 97 Costituzione, posto che la previsione (art. 72, co. 3 del TUEL 267/2000) secondo la quale “ciascun elettore puo’, con un unico voto, votare per un candidato alla carica di sindaco e per una delle liste ad esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste. Ciascun elettore può altresi’ votare per un candidato alla carica di sindaco, anche non collegato alla lista prescelta, tracciando un segno sul relativo rettangolo” incide negativamente – menomandola – sulla libertà di voto (o di non-voto) dell’elettore, per il fatto che la preferenza espressa per una lista al Consiglio comunale si traduce necessariamente anche in attribuzione di voto al candidato Sindaco a quella lista collegato, anche nelle ipotesi in cui tale candidato potrebbe non essere gradito all’elettore, e questi vorrebbe quindi limitare la sua espressione di voto (ad esempio) alla sola composizione del Consiglio comunale senza esprimere preferenza alcuna per la carica di Sindaco.

E’ auspicabile l’introduzione di un sistema che preveda due distinte schede (una per il Sindaco e una per il Consiglio) o almeno il c.d. voto confermativo nei confronti del candidato sindaco, eliminando così l’effetto trascinamento operato dalle liste nei confronti dei candidati a Sindaco. Il voto espresso in favore di una lista collegata al Sindaco non si estenderebbe automaticamente ad esso e viceversa, garantendo al tempo stesso il “diritto di non voto” all’elettore, soluzione recentemente adottata nel sistema elettorale per gli enti locali dalla Regione Siciliana.


Pubblicato da il 4 maggio 2011 alle 10:05 in Amministrativo
Tags: , , , ,


1 Commento per Elezioni comunali, voto disgiunto e diritto di non voto del sindaco

  1. Pingback: Elezioni amministrative 2011, come ha funzionato il voto disgiunto?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ignazio Lo Monaco

consulente legale

Rss Feed Facebook


Articoli dello stesso autore

Penale 19 settembre 2011, 12:56

La Procura di Napoli e l’interrogatorio di Berlusconi come persona offesa… chi ha ragione?

Il reato di estorsione e la competenza territoriale del Giudice penale

Varia 21 maggio 2011, 09:05

Elezioni amministrative 2011, come ha funzionato il voto disgiunto?

Argine efficace contro gli eccessi dei partiti, ma attendiamo doppia scheda e primarie

Amministrativo 4 maggio 2011, 10:06

Elezioni comunali, voto disgiunto e diritto di non voto del sindaco

Di dubbia legittimità costituzionale i meccanismi di voto che impongono la scelta di un sindaco, anche impedendo il diritto di astensione

Amministrativo 17 aprile 2011, 00:45

L’Antitrust in materia di appalti pubblici, un ruolo da ridefinire

I rimedi nei casi in cui la concorrenza sia ostacolata o impedita nelle procedure di gara


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su