Speciale riforma PA

Flash 13 gennaio 2012, 00:05

Al via la privatizzazione dei servizi pubblici locali?

Anche farmacie, semplificazione amministrativa, negozi e demanio marittimo tra le novità per le PA nella bozza di decreto sulle liberalizzazioni


Servizi pubblici locali, farmacie, semplificazione amministrativa, negozi, demanio marittimo: ecco tutte le novità per le pubbliche amministrazioni nella bozza del decreto sulle liberalizzazioni

Servizi pubblici locali

Al via la privatizzazione dei servizi pubblici locali. Lo prevede la bozza del decreto liberalizzazioni circolata in queste ultime ore. “I comuni – si legge nel testo – quando sussistono esigenze di promozione dell’ampliamento dei mercati e di ripianamento delle proprie posizione debitorie hanno facolta’ di cedere le proprie quote di partecipazioni in societa’ secondo procedure aperte nelle quali sia garantita la parita’ di condizioni di gara, la piu’ ampia trasparenza e conoscibilita’ e comunicano l’esito entro il 30 settembre 2012” all’ufficio competente.

Il referendum non si tocca” dichiara il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza sulle ipotesi di liberalizzazione di diversi settori economici al vaglio del governo. “I cittadini italiani hanno detto chiaramente che l’acqua e’ un bene comune e che sulla sua gestione non si possono fare profitti – continua Cogliati Dezza – Sarebbe molto grave se nel decreto in preparazione per il rilancio dell’economia l’esecutivo li inserisse tra servizi pubblici locali di rilevante interesse economico. “Non e’, comunque, con la privatizzazione che si risolvono i problemi della gestione dell’acqua in Italia, le dispersioni, gli sprechi e le difformita’ di ripartizione – aggiunge il presidente di Legambiente -. Piuttosto, il risanamento del sistema idrico italiano e’ una grande opera pubblica che puo’ funzionare da volano per la ripresa economica“. Ma le novità di interesse per le amministrazioni locali non si fermano qui. Eccone una breve disamina.

Farmacie

Una farmacia ogni 3.000 abitanti. “Il numero delle autorizzazioni – si legge nel testo della bozza – e’ stabilito in modo che vi sia una farmacia ogni 3.000 abitanti”.
La popolazione eccedente rispetto a questo parametro “consente l’apertura di un’ulteriore farmacia, qualora sia superiore a 500 abitanti; nei Comuni fino a 9.000 abitanti l’ulteriore farmacia puo’ essere autorizzata soltanto qualora la popolazione eccedente rispetto al parametro sia superiore ai 1.500 abitanti”.

I farmaci di fascia C, quelli cioe’ con obbligo di ricetta ma totalmente a carico del cittadino, potranno essere venduti liberamente anche nelle parafarmacie e nella grande distribuzione, ma solo in quelle Regioni dove entro il primo marzo 2013 non sara’ ampliato il numero di farmacie portandolo a una ogni 3.000 abitanti. “Nelle regioni in cui, alla data del 1 marzo 2013, non sia stato assegnato almeno l’80 per cento delle sedi messe a concorso ai sensi del comma 2 – spiega la bozza – possono essere venduti i medicinali di cui all’articolo 8, comma 10, lettera c) della legge 24 dicembre 1993, n. 537 e successive modificazioni, anche negli esercizi commerciali di cui all’articolo 5, comma 1, del decreto – legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, in possesso dei requisiti tecnologici, strutturali e organizzativi fissati con decreto del Ministro della salute”.

Non rientrano tra i farmaci vendibili nei supermercati “i medicinali di cui all’articolo 45 del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, e successive modificazioni, i medicinali di cui all’articolo 89 del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, i farmaci del sistema endocrino e quelli somministrabili per via parenterale”.

Sconti

Liberta’ di praticare sconti, saldi e svendite straordinarie per i negozi. “Ogni impresa che svolga attivita’ commerciale anche al dettaglio, in qualunque settore merceologico – spiega il testo – puo’ decidere in autonomia il periodo nel quale effettuare sconti, saldi o vendite straordinarie, la durata delle promozioni e l’entita’ delle riduzioni”. Saltano le “norme vigenti che stabiliscono obblighi preventivi di comunicazione all’amministrazione poteri amministrativi o limiti di qualunque tipo”.

Semplificazioni

Via libera alla liberalizzazione delle attività economiche e alla semplificazione amministrativa per le imprese. Vengono abrogate di fatto le autorizzazioni per l’avvio di un impresa. L’articolo 1 della bozza del decreto stabilisce infatti l’abrogazione delle “norme che prevedono limiti numerici, autorizzazioni, licenze, nulla osta o preventivi atti di assenso dell`amministrazione comunque denominati per l`avvio di un`attività economica a far data dal 30 ottobre 2012, con esclusione delle norme che disciplinano il servizio taxi e i servizi professionali”. É il governo ad individuare “quelle attività per le quali permane l`atto preventivo di assenso dell`amministrazione”. Sono esclusi dall`ambito di applicazione i servizi finanziari.

Demanio marittimo

Gare pubbliche per le concessioni del demanio marittimo per attivita’ turistico-balneari. “In conformita’ alla normativa dell’Unione europea a tutela della concorrenza, la selezione del concessionario sui beni del demanio marittimo – si legge nel testo – avviene attraverso procedure a evidenza pubblica trasparenti, competitive e debitamente pubblicizzate, secondo il criterio dell’offerta economicamente piu’ vantaggiosa. A favore dei precedenti concessionari e’ riconosciuto un diritto di prelazione, ove adeguino la propria offerta a quella presentata dal concorrente risultato vincitore della procedura”. Le concessioni non potranno avere durata superiore a quattro anni e non potranno essere automaticamente prorogate. “In ogni caso – precisa il testo – per il rinnovo si ricorre a nuove procedure competitive”.

Taxi

Aumento del numero delle licenze dei taxi ma accompagnato da “adeguate compensazioni da corrispondere una tantum” per chi gia’ detiene una licenza, e una “maggiore liberta’ nella fissazione delle tariffe”. Si prevede inoltre la possibilita’ di rilasciare licenze part-time e di consentire a chi gia’ ne ha una “una maggiore flessibilita’ nella determinazione degli orari di lavoro” salvo l’obbligo di garanzie di un servizio minimo.

Professioni

Scatta l’obbligo di comunicazione del preventivo per le prestazioni professionali. “Tutti i professionisti concordano in forma scritta con il cliente il preventivo per la prestazione richiesta – si legge nella bozza di decreto che dovrebbe essere varato entro il 20 gennaio prossimo – la redazione del preventivo e’ un obbligo deontologico e costituisce illecito disciplinare”. Al momento di determinare il preventivo il professionista “ha l’obbligo di indicare l’esistenza di una copertura assicurativa, se stipulata, per i danni provocati nell’esercizio dell’attivita’ professionale, la sua durata e il suo massimale”. Le misure non si applicano alle professioni nell’ambito del servizio sanitario nazionale. Entro novanta giorni dall’entrata in vigore del decreto i codici deontologici devono quindi essere adeguati.

Bonus elettrico

Ampliamento della platea dei beneficiari del bonus elettrico e del gas. “Al fine di ampliare la platea dei soggetti beneficiari dell’applicazione delle tariffe agevolate previste per i soggetti economicamente svantaggiati – si legge nel testo – il Ministero dello sviluppo economico, d’intesa con il Ministero dell’economia e delle finanze e con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dispone la revisione, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, dei criteri per l’applicazione delle tariffe agevolate nel settore dell’energia elettrica e del gas naturale”.

Fortunato Laurendi


Pubblicato da il 13 gennaio 2012 alle 00:01 in Flash
Tags: , ,


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli dello stesso autore

Flash 20 novembre 2014, 17:34

Fatturazione Elettronica per Avvocati

Da giugno c’è l’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione, con conseguente necessità di adeguarsi dei professionisti

Fisco 20 novembre 2014, 15:15

Abuso del diritto: evasione, condono di Renzi nel nuovo decreto

Entro i mille euro, zero sanzioni per fatture false. Effetto retroattivo

Civile 20 novembre 2014, 09:07

Divorzio breve, ok del Senato: in sei mesi separazione completa

Novità sulla comunione dei beni: ok alla riforma. Maggioranza spaccata

Politica 20 novembre 2014, 07:51

Elezioni regionali Calabria 2014: candidati e scheda elettorale

In Calabria debutta il nuovo sistema elettorale. Scheda e candidati

Economia 19 novembre 2014, 12:21

Referendum per l’abolizione dell’euro: parte la raccolta firme

Via libera della Cassazione alla raccolta firme pro referendum


LeggiOggi.it

Ogni settimana il meglio di LeggiOggi.it nella tua E-mail



Ho letto l'informativa e acconsento al trattamento dei dati



NOTA INFORMATIVA SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI EX ART 13 D.LGS. 196/2003 E RICHIESTA DI CONSENSO AL TRATTAMENTO

Maggioli SpA, titolare del trattamento, si propone di gestire il servizio nel rispetto della normativa vigente in materia di tutela dei dati personali. Al proposito intende con questa nota, fornire a tutti gli utenti un'informativa sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali in conformità a quanto previsto dall'art. 13 del D.Lgs n. 196 del 30.06.2003. I dati personali forniti dagli utenti verranno trattati elettronicamente e/o manualmente da Maggioli SpA, Via del Carpino 8 - 47822 Santarcangelo di Romagna (RN), titolare del trattamento, per tutte le finalità correlate alla prestazione del servizio. Inoltre, previo suo consenso, i suoi dati saranno trattati dalla nostra società e dalle società del Gruppo Maggioli per l'invio di materiale promozionale inerente i nostri prodotti o servizi o quelli di società clienti del Gruppo Maggioli. L'indicazione della email deve essere fatta con cura in quanto necessaria per ricevere il servizio, i dati a corredo vengono chiesti per targettizzare gli invii informativi. I suoi dati non saranno diffusi. I suddetti dati potranno essere comunicati a soggetti pubblici, in aderenza ad obblighi di legge e a soggetti privati per trattamenti, funzionali all'adempimento del contratto, quali: nostra rete agenti, società di informazioni commerciali, professionisti e consulenti. I suoi dati potranno essere comunicati a soggetti terzi nostri clienti, che li tratteranno in qualità di autonomi titolari del trattamento secondo la definizione contenuta nel D.lgs 196/2003. Tali dati saranno trattati dai nostri dipendenti e/o collaboratori, incaricati al trattamento, preposti ai seguenti settori aziendali: editoria elettronica, mailing, marketing, CED, servizi Internet, fiere e congressi. L'utente potrà esercitare ogni ulteriore diritto previsto dall'art. 7 del D.Lgs 196 del 30.06.2003 che di seguito integralmente si riporta: "1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5 comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione, in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettera a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di colori ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento di rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorchà pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento dei dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. "Compilare il form con i propri dati con conseguente dichiarazione espressa di aver letto e accettato questa informativa, autorizza la Maggioli spa e le società del Gruppo Maggioli al trattamento dei suoi dati per le finalità correlate alla prestazione del servizio e per l'invio di materiale promozionale, anche da parte di soggetti terzi nostri clienti, secondo le modalità illustrate nell'informativa. L'utente potrà esercitare ogni diritto previsto dal citato art. 7 con la semplice risposta alla e-mail ricevuta.

Chiudi questa finestra
Torna Su