Home Tag Matrimonio

matrimonio

Leggere chat o Sms dal telefonino altrui è rapina. La sentenza

Testo integrale della sentenza: sbirciare i messaggi altrui è reato

Divorzio breve approvato in Senato. Sei mesi per lasciarsi

Ma dovrà essere consensuale. Modifiche a Codice civile e legge 1970

Divorzio breve: perché non c’è ancora un testo definitivo

Si cerca una sintesi oltre i sei mesi per la separazione

Divorzio breve, il testo finalmente in Senato. Sei mesi per l’addio

Figli, separazione, divorzio e le altre novità nel ddl

Separazione personale dei coniugi

Cos'è la separazione personale dei coniugi e quando matura il diritto all'assegno di mantenimento

Addebito della separazione

Cassazione sugli atteggiamenti prevaricatori tra marito e moglie in corso di separazione

La convivenza more uxorio fra vecchi doveri e nuovi diritti. L’azione...

La convivenza more uxorio fra vecchi doveri e nuovi diritti. L’azione generale di arricchimento senza causa nell’ambito delle unioni di fatto

Divorzio breve, ok del Senato: in sei mesi separazione completa

Novità sulla comunione dei beni: ok alla riforma. Maggioranza spaccata

Divorzio breve, c’è l’accordo: emendamento in riforma giustizia

Allargamento della negoziazione assistita anche in caso di figli

In Sicilia amore non fa rima con assessore

Nel comune di Solarino un consigliere d'opposizione sposa l'assessore e, subito dopo, è costretto a dimettersi. La L.r. n. 6/2011, infatti, prevede che non possano far parte della giunta il coniuge, gli ascendenti ed i discendenti, i parenti e gli affini sino al secondo grado, del sindaco (o del presidente della provincia) di altro componente della giunta e dei consiglieri comunali. La causa di incompatibilità avrebbe determinato la decadenza della moglie-assessore ma lo sposino ha deciso di darne la "prova d'amore" rinunciando al proprio ruolo politico.

Consigliere sposa vicesindaco e si dimette per incompatibilità

E' accaduto a Solarino, in Sicilia: dimissioni obbligate. A Roma, invece...

Scioglimento della comunione

Il creditore non può far valere il regime della comunione per vedere soddisfatta la propria pretesa se ne è intervenuto lo scioglimento

ULTIMI ARTICOLI