Home Tag Elezioni politiche 2018

Elezioni politiche 2018

Le Elezioni politiche 2018 che si sono svolte il 4 marzo 2018 con la legge Elettorale Rosatellum, hanno premiato la coalizione di centro destra con il 37%, trainata dalla Lega di Matteo Salvini che ha raggiunto lo storico risultato del 17,5% dei consensi. Mentre il Movimento 5 Stelle è stato il partito più votato, superando ben oltre il 32%. Il Partito Democratico, invece, ne è uscito ridimensionato con un risultato al di sotto del 20%.

Ecco chi sono gli eletti in Parlamento.

I risultati elettorali non hanno decretato alcuna coalizione vincitrice con la maggioranza per governare. Il centrodestra, nonostante la vittoria, con questa legge elettorale non avrebbe avuto comunque i numeri per formare un esecutivo e trovare la fiducia in Parlamento.

Tra l’ipotesi di un ritorno alle urne e quella di una trattativa tra le forze politiche per formare un governo, ha prevalso la seconda opzione. Dopo oltre due mesi di stallo politico, Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono riusciti a trovare l’intesa tramite un contratto di governo Lega M5S, accordandosi sulla figura di Giuseppe Conte.

Le principali tappe fino ad oggi sono state:

  • 23 marzo 2018: prima seduta delle Camere ed elezione dei rispettivi Presidenti,
  • 25 marzo 2018: termine per l’iscrizione degli eletti ai gruppi parlamentari,
  • 27 marzo 2018: elezione dei presidenti dei gruppi parlamentari e del proprio rappresentante delle commissioni permanenti,
  • fine marzo-inizio aprile: dimissioni di Gentiloni e consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo,
  • prima settimana di aprile 2018: consultazioni al Quirinale e poi decisione di Mattarella a chi affidare l’incarico per la formazione del nuovo governo.
  • 23 maggio 2018: il Presidente della Repubblica Mattarella affida l’incarico per formare un nuovo governo, sostenuto da Lega e Movimento 5 Stelle, al Prof. Giuseppe Conte che accetta con riserva.
  • 27 maggio 2018: Giuseppe Conte rinuncia all’incarico alla presidenza del Consiglio in seguito al veto applicato dal Presidente Mattarella all’economista Paolo Savona.
  • 28 maggio 2018: il Presidente della Repubblica Mattarella affida l’incarico alla presidenza del Consiglio a Carlo Cottarelli che accetta con riserva.

Legge elettorale per le Elezioni politiche 2018

Con quale sistema elettorale si è votato? Dopo il “Legalicum” uscito dalle sentenze della Corte costituzionale, il 26 ottobre 2017 ha ottenuto il via libera il Rosatellum, che prevede un sistema misto tra proporzionale (con 2 sbarramenti) e maggioritario:

  • 1/3 dei parlamentari sarà eletto nei collegi uninominali con un solo candidato per ogni coalizione, e sarà eletto il più votato,
  • 2/3 di deputati e senatori saranno eletti con un sistema proporzionale.

Vai allo speciale: Legge elettorale

Scopri come si vota con la nuova scheda elettorale

La scheda elettorale per le Elezioni politiche 2018 è uguale sia per la Camera, sia per il Senato: di colore giallo per il Senato della Repubblica (per gli elettori che hanno compiuto 25 anni), l’altra di colore rosa per la Camera dei Deputati per i cittadini con 18 anni.

Guarda il Facsimile della Scheda del Senato

Guarda il Facsimile della Scheda della Camera dei Deputati

I modelli contengono il nome del candidato nel collegio uninominale nel rettangolo in alto.  Nella parte sotto, dedicata ai colleghi plurinominali, sono riportati il contrassegno di ciascuna lista o coalizione di liste collegate al candidato del collegio uninominale. Nei collegi plurinominali, accanto ai simboli sono riportati i nominativi dei candidati contenuti in rettangoli vicini.

La scheda elettorale contiene un tagliando cartaceo antifrode contenente un codice alfanumerico progressivo in serie. Il meccanismo è stato inserito per contrastare la contraffazione delle schede elettorali.

Consulta le liste dei candidati alle Elezioni 2018

Resta aggiornato sulla pagina Politica 

Governo Lega M5S: manca poco, accordo imminente

La formazione del nuovo governo Lega M5S sembrava essere tramontato dopo le parole del leader della Lega, pronunciate in seguito all’incontro avuto con Mattarella. Di Maio si era mostrato più sicuro sulla realizzazione del nuovo governo, mentre Salvini aveva evidenziato le distanze.

Governo Lega M5S a rischio: distanze su Immigrazione e Unione Europea

Tutto cambia nel giro di poche ore: il governo Lega M5S sembrava cosa ormai fatta, ma chi si aspettava il nome del premier dopo l’incontro tra i due partiti e il Presidente Mattarella, dovrà attendere a lungo, forse in eterno. La trattativa non procede spedita come qualcuno poteva immaginare

Governo Lega M5S: i nomi papabili per i ministri. Paragone premier?

La trattativa tra Salvini e Di Maio è giunta agli sgoccioli. I due leader hanno definito nelle ultime ore il programma del prossimo governo Lega M5S. Ora, oltre alla lista dei ministri, manca solo da presentare la figura del Presidente del Consiglio, che a breve dovrebbe essere comunicata al Colle.

Agenda di governo Lega M5S: Flat tax, immigrazione, abolizione Fornero

Salvo sorprese dell’ultimo minuto, il contratto di governo Lega M5S dovrebbe essere stipulato a giorni. La trattativa è in corso e già vengono snocciolati i punti cardine dell’agenda di governo delle due formazioni politiche. Emergono affinità e punti di contrasto, si cerca di trovare l'intesa.

Ore decisive per un governo Lega-5Stelle: chi sarà il Premier?

Colpo di scena. Fino a poco tempo fa sembrava impossibile scongiurare un imminente ritorno alle urne, ma dopo la concessione di altre 24 ore a Di Maio e Salvini, richieste al Colle per cercare di trovare un’intesa, la trattativa per formare un governo questa volta pare essersi avviata.

L’esecutivo neutrale non s’ha da fare. Salta il Governo auspicato dal...

Da Forza Italia alla Lega, passando per Fratelli d’Italia e arrivando fino al Mov5S. A parte il Partito Democratico, le altre principali forze politiche rifiutano il Governo del Presidente.

Si torna al voto? Stallo politico: è braccio di ferro Di...

Appare sempre più probabile l'ipotesi voto entro la fine dell'estate. Dopo le ultime consultazioni non si arriva a nessun accordo tra i partiti e rimane lo stallo politico. I leader del M5S e lega d'accordo solo sulla data del ritorno alle urne.

Governo Pd-M5S: contratto chiaro o sarà un flop. I leader schiavi...

Pd e M5s cercano un dialogo per dare vita a un governo, Di Maio e Martina temono la reazione della base e il governo rischia di nascere con tre opposizioni. Salvini si frega le mani

Sorpresa: il Molise esiste. Ma alle Camere è vacanza permanente…

Alle regionali in Molise avanti il centrodestra con Fi primo partito. I 5 Stelle avanzano il contratto di governo, ma le Camere riaprono il 7 maggio

Nelle sabbie mobili delle consultazioni, il Pd Ponzio Pilato se ne...

Nessun passo avanti nel secondo giro di consultazioni al Quirinale. E domenica prossima si torna al voto: le regionali, poi le amministrative

Fate piano: perché stare senza governo potrebbe essere un bene

Dopo il primo giro di consultazioni ancora nulla di fatto per la formazione del nuovo governo, ma non potrebbe essere un male

Al via le consultazioni di Mattarella per il nuovo governo. Tutti...

Di Maio, Salvini, il Pd e Berlusconi si giocano il mandato. Tutto nelle mani di Mattarella: ecco cosa può succedere per il nuovo governo

ULTIMI ARTICOLI