Elezioni politiche 2013: programma elettorale di Fare di Oscar Giannino

INDICE:

1. Ridurre l’ammontare del debito pubblico
1.1 Ecco come ridurre il debito pubblico

2. Ridurre la spesa pubblica di almeno 6 punti percentuali del PIL nell’arco di 5 anni
2.1 Come e quanto tagliare la spesa pubblica
2.2 Le proposte di Fermare il declino per grandi voci di spesa
2.3 Le proposte di Fermare il declino per classi funzionali

3. Ridurre la pressione fiscale complessiva di almeno 5 punti in 5 anni
3.1 Approfondimento sul Fisco
3.1.1 La situazione attuale
3.1.2 La proposta di Fare per Fermare il declino
3.1.3 Riduzione e riequilibrio del prelievo
3.1.4 Semplificazione e contrasto all’evasione

4. Liberalizzare rapidamente i settori ancora non pienamente concorrenziali
4.1 Approfondimento liberalizzazioni
4.1.1 Ferrovie
4.1.2 Trasporto pubblico locale
4.1.3 Elettricità
4.1.4 Gas
4.1.5 Assicurazioni
4.1.6 Poste
4.1.7 Telecomunicazioni ed editoria
4.2 ApprofondimentoAgricoltura

5. Sostenere i livelli di reddito di chi momentaneamente perde il lavoro anziché tutelare il posto di lavoro esistente o le imprese inefficienti

6. Adottare immediatamente una legislazione organica sui conflitti d’interesse

7. Far funzionare la giustizia

7.1.1 La situazione disastrosa della giustizia: l’Italia tra l’Iraq e l’Afghanistan
7.1.2 L’inondazione di cause pretestuose è la principale causa della inefficienza
7.2 Giustizia civile
7.2.1 Decongestionare i tribunali dalle cause pretestuose o risolubili diversamente
7.2.2 Migliorare l’efficienza delle procedure
7.2.3 Aumentare la produttività a parità di risorse
7.2.4 Creare sezioni e giudici specializzati
7.3 Giustizia penale
7.4 Giustizia tributaria
7.5 Giustizia amministrativa
7.6 Carceri

8. Liberare le potenzialità di crescita, lavoro e creatività dei giovani e delle donne

9. Ridare alla scuola e all’università il ruolo, perso da tempo, di volani dell’emancipazione socio-economica delle nuove generazioni

10. Introdurre il vero federalismo con l’attribuzione di ruoli chiari e coerenti ai diversi livelli di governo

 

1. Ridurre l’ammontare del debito pubblico
E’ possibile scendere rapidamente sotto la soglia simbolica del 100% del PIL anche attraverso alienazioni del patrimonio pubblico, composto sia da immobili non vincolati sia da imprese o quote di esse.

1.1 Ecco come ridurre il debito pubblico

 

  • Per fermare il declino italiano, occorre almeno portare il debito pubblico al di sotto del 100% del prodotto interno lordo (Pil), tagliare la spesa pubblica di 6 punti percentuali in proporzione al Pil, e abbassare la pressione fiscale di 5 punti. Questi obiettivi sono raggiungibili realisticamente nell’arco di una legislatura.
  • In particolare, tagliando debito e spesa nelle misura indicate, la riduzione delle imposte è sostenibile senza compromettere l’equilibrio di finanza pubblica. La riduzione del debito dovrebbe anche tradursi in una riduzione dei tassi di interesse sul debito stesso, rafforzando così il raggiungimento dell’obiettivo di tagliare la spesa.
  • In due articoli pubblicati sul blog noisefroamerika.org (‘Un altro rapporto debito/PIL è possibile’, (1) e (2))  si mostra che questi obiettivi sono realisticamente raggiungibili prendendo a riferimento, per esempio, le previsioni del Fondo monetario internazionale sulle principali variabili macroeconomiche.
  • Nella simulazione non si tiene conto dell’effetto pro-crescita della riduzione del debito, quindi l’analisi rappresenta molto probabilmente una sottostima dei risultati raggiungibili

 

  • La domanda principale, a questo punto, è se e come sia possibile ridurre il debito pubblico, pari oggi a quasi 2000 miliardi di euro, cioè il 126% del Pil;
  • L’obiettivo è attuare, nel periodo 2013-2018, una politica di dismissioni di asset pubblici che generi un gettito dell’ordine dei 35 miliardi di euro/anno;
  • Tale obiettivo è realisticamente raggiungibile purché le privatizzazioni interessino tutti gli asset (sia mobiliari sia immobiliari) e siano condotte con criteri trasparenti;
  • Per quel che riguarda il patrimonio immobiliare:
  •  il patrimonio pubblico alienabile viene stimato in modo conservativo nel range 72-420 miliardi di euro: la differenza dipende dall’inclusione o meno di immobili attualmente occupati ma tecnicamente vendibili;
  •  una stima realistica del gettito ottenibile sta nel mezzo e può essere fissata nell’ordine di 150-250 miliardi di euro;
  • vi sono tuttavia delle difficoltà legate al fatto che la proprietà della maggior parte degli immobili è in mano a enti locali, che difficilmente possono essere costretti a vendere;
  • per questo stimiamo che, nell’orizzonte di tempo considerato, siano raccoglibili 105 miliardi di euro;
  • sono cruciali le modalità di privatizzazione: per ridurre i cattivi incentivi e aumentare la trasparenza, si suggerisce la costituzione di fondi chiusi, omogenei al loro interno, la cui gestione viene affidata a terzi selezionati attraverso gara pubblica.
  • Altri 15 miliardi possono essere raccolti valorizzando meglio le concessioni dello Stato.
  • Gli ultimi 90 miliardi possono essere trovati attraverso la vendita delle società partecipate dal Tesoro (direttamente o attraverso la Cassa depositi e prestiti), in particolare quelle più appetibili quali:
  • le società quotate in borsa (Eni, Enel, Terna, Snam, Finmeccanica, e una piccola partecipazione in StMicroelectronics);
  • le maggiori società non quotate (Poste, Ferrovie dello Stato Italiane, Rai, Inail, Sace, Fintecna, eccetera);
  • Le società partecipate dagli enti locali non vengono qui considerate ma anch’esse rappresentano una potenziale fonte di gettito da destinare all’abbattimento del debito;
  • Va precisato che in alcuni casi può essere necessario procedere preventivamente o a forme di riorganizzazione aziendale (per esempio il breakup di alcune conglomerate quali Ferrovie e Poste) o alla piena liberalizzazione dei relativi mercati (postale, ferroviario, assicurazione sul lavoro, radiotelevisivo,…), o a entrambe le cose.
  • In conclusione, raggiungere un rapporto debito / Pil inferiore al 100% è possibile, senza fare ipotesi eroiche, nell’arco di una legislatura;
  • Il principale strumento per raggiungere tale obiettivo è una seria politica di privatizzazioni e dismissioni.

 

2. Ridurre la spesa pubblica di almeno 6 punti percentuali del PIL nell’arco di 5 anni.
La spending review deve costituire il primo passo di un ripensamento complessivo della spesa, a partire dai costi della casta politico-burocratica e dai sussidi alle imprese (inclusi gli organi di informazione). Ripensare in modo organico le grandi voci di spesa, quali sanità e istruzione, introducendo meccanismi competitivi all’interno di quei settori. Riformare il sistema pensionistico per garantire vera equità inter—e intra—generazionale.

2.1 Come e quanto tagliare la spesa pubblica

·         Dal punto di vista della finanza pubblica, l’Italia ha oggi due priorità: abbattere il rapporto tra debito pubblico e Prodotto interno lordo (Pil) e ridurre la pressione fiscale;

·         Per conseguire il primo obiettivo, è necessario portare il bilancio strutturalmente in surplus, quindi ridurre le spese e/o aumentare le entrate;

·         Per conseguire il secondo obiettivo, la spesa deve essere ridotta in misura almeno pari al taglio delle imposte;

·         Fermare il declino ritiene che sia necessario e possibile, nell’arco di una legislatura, tagliare la spesa pubblica primaria di 5 punti percentuali rispetto al Pil, allo scopo di tagliare le imposte di altrettanto;

·         Grazie a un serio piano di privatizzazioni si può ridurre la spesa totale di un ulteriore punto percentuale, come illustratoqui;

·         Nel periodo 1990-2010 il Pil nominale è cresciuto del 121%, la spesa primaria del 152%; la maggior parte di tale aumento si è verificato nel decennio 2000-2010;

·         Principale responsabile di tale fenomeno è l’incremento della spesa previdenziale (cresciuta in termini nominali del 183%) mentre il resto della spesa è cresciuto del 132%, in modo significativamente superiore al Pil;

·         La spesa per il personale si è contratta negli ultimi anni; inoltre ogni intervento su tale voce richiede tempo per manifestarsi; di conseguenza, sebbene sia essenziale intervenire sulla qualità e l’efficienza produttiva del pubblico impiego, non ci si possono attendere grandi riduzioni in tale voce;

2.2 Le proposte di Fermare il declino per grandi voci di spesa

·         le spese per redditi da lavoro dipendente rimangono invariate rispetto alle previsioni governative nel 2013 e nel 2014. Nel 2015 vengono ridotte dell’1% rispetto al 2014, principalmente mediante un taglio dei contributi sociali (un taglio delle aliquote di 1,5 punti entro il 2015, da inquadrare in una manovra generale di riduzione del cuneo fiscale, dovrebbe essere sufficiente a raggiungere lo scopo);

·         la spesa per consumi intermedi è già prevista in forte calo nel 2013. Proponiamo di tagliare ulteriormente tale spesa per un miliardo nel 2013 e di continuare poi la riduzione nel 2014 e 2015, tagliando tale spesa del 3,7% annuo;

·         per la spesa pensionistica proponiamo di moderare la crescita al 1,9% annuo, contro una crescita media prevista dal governo di circa 2,6% annuo. Tale moderazione dovrebbe essere effettuata principalmente limitando i tassi di crescita delle pensioni attualmente erogate. Questo si può fare garantendo al tempo stesso il valore reale netto delle pensioni basse e medie (quelle, grosso modo, che pagano fino a 2.500 euro mensili) grazie al taglio dell’Irpef;

·         per le altre prestazioni sociali manteniamo la spesa prevista dal governo senza effettuare alcun intervento addizionale. Questo è un settore in cui la spesa va cambiata e riqualificata per giungere a uno schema universale di assicurazione contro la disoccupazione, ma se si intende raggiungere questo obiettivo non c’è spazio per tagli alla spesa aggregata; infine, la spesa in conto capitale viene ridotta, rispetto alle previsioni governative, di 10 miliardi di euro a regime. Tale riduzione si può ottenere in buona misura mettendo in atto le raccomandazioni del rapporto Giavazzi relative al taglio dei trasferimenti alle imprese, e risulta più che compensata dall’abolizione dell’IRAP;

·         Gli effetti complessivi di questa manovra sono raccolti nella seguente tabella.

2011

2012

2013

2014

2015

Redditi lavoro dipendente

170.052

167.080

166.490

165.485

163.830

Consumi intermedi

136.126

134.740

128.500

123.746

119.167

Pensioni

244.243

249.430

254.169

258.998

263.919

Altre prestazioni sociali

60.879

61.790

64.594

67.275

69.080

Altre spese correnti

61.327

59.225

55.375

51.776

48.411

Spesa corrente primaria

672.627

672.265

669.129

667.280

664.407

Spesa in conto capital

47.917

46.827

39.000

36.000

36.000

Totale netto interessi

720.544

719.092

708.129

703.280

700.407

 

Obiettivi sulle grandi voci di spesa primaria di Fermare il Declino, sentiero appianato. Dati in valori assoluti (milioni di euro)

 

·         Rispetto alle previsioni governative le riduzioni di spesa contenute nella proposta sono pari a 12,2 miliardi di euro nel 2013, 24,5 miliardi nel 2014 e 39,6 miliardi nel 2015. La seguente tabella raccoglie le differenze tra le previsioni governative e la proposta di Fermare il Declino per ciacun anno e per ciascuna voce di spesa, in proporzione al Pil.

2013

2014

2015

Redditi lavoro dipendente

0,00

0,00

-0,14

Consumi intermedi

-0,07

-0,34

-0,72

Pensioni

-0,06

-0,22

-0,34

Altre prestazioni sociali

0,00

0,00

0,00

Altre correnti

-0,20

-0,36

-0,58

Spesa corrente primaria

-0,33

-0,91

-1,78

Spesa in conto capitale

-0,44

-0,59

-0,58

Totale netto interessi

-0,77

-1,50

-2,36

 

 

Riduzione della spesa nel piano Fermare il Declino rispetto alle previsioni governative. Dati in rapporto al PIL.

 

·         Ricordiamo che tra il 1995 e il 2000 la spesa per consumi intermedi è stata in media pari al 6,8% del PIL. Tale rapporto ha raggiunto il 7,2% nel 2000 ed è poi esploso fino all’8,6% nel 2011;

·         La nostra proposta tende quindi semplicemente a eliminare gli incrementi di spesa in questo settore che si sono verificati nell’ultimo decennio.

2.3 Le proposte di Fermare il declino per classi funzionali

·         Secondo i dati Eurostat, nel 2010 (ultimo anno per cui i dati sono disponibili) la spesa primaria risultò in Italia pari al 46% del PIL. La seguente tabella raccoglie da un lato la struttura della spesa per classi funzionali nel 2010 e dall’altro la stessa struttura nel 2001, al fine di avere una idea di quali classi di spesa sono aumentate di più nell’ultimo decennio;

·         Le ultime due colonne rappresentano due possibili modalità per ridurre la spesa primaria di 5 punti di PIL nell’arco della prossima legislatura. La colonna ‘taglio lineare’ prevede che tutte le spese vengano ridotte dello stesso ammontare percentuale (pari a 5/46 della percentuale del 2010). L’ultima colonna invece contiene la nostra proposta di intervento sulla spesa, che poi motiveremo in dettaglio per ogni singola classe funzionale.

%PIL 2010

%PIL 2001

Taglio lineare

Taglio Proposta

F. il D.

1. Servizi generali (no interessi)

3,9

3,4

0,43

1,3

2. Difesa

1,4

1,1

0,16

0,3

3. Ordine pubblico e sicurezza

1,9

1,9

0,21

0,2

4. Affari economici

3,8

4,3

0,42

0,7

5. Protezione ambiente

0,8

0,9

0,09

0,0

6. Abitazioni e territorio

0,7

0,8

0,08

0,1

7. Sanità

7,6

6,3

0,82

0,3

8. Cultura, tempo libero, rel.

0,8

0,9

0,09

0,1

9. Educazione

4,5

4,7

0,48

0,0

10. Pensioni e previdenza

20,4

17,3

2,22

2,0

Totale

46,0

41,6

5,00

5,0

 

Spesa per classi funzionali in rapporto al PIL e possibili interventi di riduzione.

 

·         La manovra da noi proposta non incide invece per nulla sulla spesa per l’educazione, che a nostro avviso andrebbe invece aumentata dopo una opportuna riqualificazione,  e abbastanza poco sulle spese per la sanità. In questo senso riteniamo di poter tranquillamente affermare che la proposta non scalfisce per nulla le fondamenta dello stato sociale;

·         La manovra di riduzione della spesa proposta da Fermare il declino si concentra sulle due voci di spesa che hanno subito gli aumenti più vistosi nell’ultimo decennio, ossia affari generali e spesa previdenziale;

·          Per quanto attiene gli affari generali, Fermare il declino crede sia necessaria una drastica riduzione dei costi della politica, limitare le spese di tutti gli organismi legislativi ed esecutivi, a cominciare dalla presidenza della repubblica, a sfoltire ed accorpare vari uffici di ricerca economica, dello stato o finanziati dallo stato, ridurre le spese per consulenti, semplificare la rete di ambasciate e consolari, ridurre con maggiore decisione auto blu e voli di stato ed eliminare i rimborsi elettorali;

·         Per quanto riguarda la spesa previdenziale, nell’ultimo decennio la spesa per protezione sociale è aumentata di 3 punti di PIL. Occorre intervenire per rovesciare questo incremento. Dato che al tempo stesso è opportuno aumentare la spesa che va in aiuto ai disoccupati e alle famiglie a basso reddito, riteniamo che l’obiettivo sull’arco della legislatura dovrebbe essere una riduzione di 2 punti di Pil.

3. Ridurre la pressione fiscale complessiva di almeno 5 punti in 5 anni, dando la priorità alla riduzione delle imposte sul reddito da lavoro e d’impresa.
Semplificare il sistema tributario e combattere l’evasione fiscale destinando il gettito alla riduzione delle imposte.

3.1 Approfondimento sul Fisco

 

  • La pressione fiscale italiana è esplosa tra il 1973 e l’inizio degli anni Novanta, e da allora non è mai scesa al di sotto del 40%;
  • Nel 2012 essa ha raggiunto il livello record del 45%, ed è destinata a crescere ulteriormente – per esempio a causa dell’aumento programmato e automatico dell’Iva dal 21 al 22% – in assenza di forti interventi di riduzione della spesa pubblica;
  • Fare per Fermare il declino ritiene che, attraverso i tagli descritti qui ,si possano creare le condizioni per una riduzione di 5 punti percentuali di pressione fiscale – dal 45 al 40% del Pil – nell’arco della prossima legislatura.

3.1.1 La situazione attuale

  • Nel confronto internazionale, l’Italia concentra il proprio prelievo fiscale in particolare su lavoro e impresa:
  • Il cuneo fiscale, a seconda del reddito e della situazione famigliare del lavoratore, è superiore di 11-13 punti percentuali alla media Ocse;
  • L’aliquota fiscale totale per un’impresa media è pari al 68,3%, contro una media Ocse del 43,1%;
  • Inoltre il fisco italiano si distingue per la sua complessità: pagare le imposte richiede mediamente 15 adempimenti per un totale di 269 ore-uomo, contro una media Ocse di 12 adempimenti per 176 ore-uomo;
  • Il gettito da imposte indirette è sotto la media europea, nonostante un’aliquota ordinaria relativamente alta (21%), a causa dell’effetto dell’ampia platea di beni a cui si applicano aliquote ridotte.

3.1.2 La proposta di Fare per Fermare il declino

  • Riteniamo che l’imposizione fiscale debba essere oggetto di quattro riforme radicali:
  • Riduzione della pressione fiscale aggregata di 5 punti in 5 anni;
  • Riequilibrio del prelievo sgravando, in particolare, lavoro e impresa. Questo obiettivo viene raggiunto concentrando le riduzioni d’imposta sulla tendenziale abolizione dell’Irap e sulla significativa riduzione dell’Irpef;
  • Semplificazione del sistema, sia limitando il numero di adempimenti, sia eliminando le eccezioni fiscali, per esempio con un riordino delle deduzioni e detrazioni e con l’eliminazione di aliquote speciali quale, per esempio, la Robin Hood Tax;
  • Ripensamento degli strumenti per il contrasto all’evasione fiscale a partire dall’abolizione del redditometro.
  • Rispetto alle previsioni governative attuali, la manovra proposta è leggermente più espansiva nel 2013 per circa 0,2 punti di PIL, ed è leggermente più restrittiva nel 2014 e 2015, quando il ciclo dovrebbe essere più favorevole;
  • Nel biennio conclusivo della legislatura – 2016-2017 – prevediamo una ulteriore riduzione delle imposte allo scopo di raggiungere l’obiettivo del taglio di 5 punti percentuali rispetto al Pil, consolidando l’avanzo primario su un valore attorno al 5% del Pil.

3.1.3 Riduzione e riequilibrio del prelievo

  • Per quanto riguarda l’Irap, l’obiettivo nell’arco della legislatura è quello di eliminare completamente questa tassa. L’eliminazione deve procedere di pari passo alla riduzione della spesa. L’Irap ha un gettito che è approssimativamente uguale a 35 miliardi annui, di cui circa 10 sono pagati da enti pubblici e i restanti 25 da privati. Il nostro obiettivo più immediato e di ridurre di 15 miliardi il gettito di tale imposta nel periodo 2013-2015, per poi completare l’eliminazione dell’imposta nel resto della legislatura;
  • Per quanto riguarda l’Irpef, l’obiettivo e quello di ridurla di almeno il 30% nell’arco della legislatura, raggiungendo l’obiettivo di eliminare completamente questa imposta per la metà più povera dei contribuenti. Al tempo stesso tale imposta necessita di una razionalizzazione per renderla meno dannosa per gli incentivi a cercare lavoro, soprattutto per le donne e i giovani. La nostra proposta è quella di aumentare progressivamente le detrazioni per redditi da lavoro autonomo, lavoro dipendente e pensione e al tempo stesso eliminare progressivamente la detrazione per coniuge a carico. I dettagli sono descritti nella sezione successiva; essenzialmente l’obiettivo è quello di rendere esenti da imposte i redditi inferiori a 12.000 euro entro il 2015, e i redditi inferiori a 15.000 euro entro la fine della legislatura;
  • Per quanto riguarda l’Iva, riteniamo vada eliminato l’aumento automatico dell’aliquota dal 21 al 22% previsto per il 2013;
  • Per quanto riguarda l’Imu, riteniamo che l’imposta vada rivista in due direzioni:
  • Dal punto di vista istituzionale, l’Imu deve diventare il pilastro della fiscalità locale: il suo gettito deve rimanere interamente nelle mani degli enti locali;
  • Per quel che riguarda le imprese, intendiamo operare per una riduzione dell’aliquota per i beni strumentali delle imprese e riformare la tassazione patrimoniale sui fabbricati agricoli, anche allo scopo di far venire meno gli aumenti sconsiderati degli ultimi anni.

3.1.4 Semplificazione e contrasto all’evasione

  • Il nostro sistema tributario è complesso, incerto ed imprevedibile
  • Semplificare le norme. Ridurre gli adempimenti. Reimpostare il rapporto tra amministrazione finanziaria e contribuenti;
  • Il reddito di impresa è quello determinato applicando i criteri IAS/IFRS;
  • Riformare il pagamento dell’Iva rendendo possibile, a tendere, il pagamento del dovuto interamente sulla base della cassa, anziché della competenza;
  • Istituire organo di confronto preventivo tempestivo ed efficace tra amministrazione e categorie rappresentative dei contribuenti per uniformare l’interpretazione delle norme;
  • Disciplinare il contenuto di evasione, elusione e legittimo risparmio di imposta e abuso dei diritto;
  • Riformare il sistema sanzionatorio, amministrativo e penale, concentrando le sanzioni sui fatti più gravi e le frodi;
  • Favorire l’emendabilità delle dichiarazioni fiscali;
  • Eliminare gli adempimenti inutili;
  • Ridurre la discrezionalità dell’Amministrazione negli accertamenti con adesione  entro determinati parametri;
  • Ridurre drasticamente i numeri del contenzioso fiscale. Accorciare i tempi della giustizia tributaria. Inserire il giudice tributario professionale;
  • Aumentare i limiti in cui è ammesso il procedimento di reclamo-mediazione. Prevedere che i giudici delle Commissioni tributarie siano giudici professionisti, adeguatamente formati. Giudice monocratico nel giudizio di primo grado entro determinati limiti di valore. Riformare le norma sulla soccombenza e sulla condanna alle spese anche dell’Amministrazione. Consentire la conciliazione giudiziale anche in secondo grado:
  • No all’inizio della riscossione fino alla sentenza della CT Provinciale. Consentire il tempestivo rimborso dei crediti  fiscali anche  in presenza di contestazioni non accertate;
  • Uniformare i tempi di incasso delle imposte e di pagamento da parte dell’Erario soccombente. Innalzare significativamente i limiti per la compensazione di crediti e debito fiscali per i contribuenti virtuosi;
  • Mai più condoni fiscali, sotto qualsiasi forma e denominazione;
  • Dare piena attuazione allo Statuto del Contribuente.

4. Liberalizzare rapidamente i settori ancora non pienamente concorrenziali quali, a titolo di esempio: trasporti, energia, poste, telecomunicazioni, servizi professionali e banche (inclusi gli assetti proprietari).
Privatizzare le imprese pubbliche con modalità e obiettivi pro-concorrenziali nei rispettivi settori. Inserire nella Costituzione il principio della concorrenza come metodo di funzionamento del sistema economico, contro privilegi e monopoli d’ogni sorta. Privatizzare la RAI, abolire canone e tetto pubblicitario, eliminare il duopolio imperfetto su cui il settore si regge favorendo la concorrenza. Affidare i servizi pubblici, incluso quello radiotelevisivo, tramite gara fra imprese concorrenti.

4.1 Approfondimento liberalizzazioni

Liberalizzare l’economia è uno degli strumenti per fermare il declino italiano e tornare a tassi di crescita economica sostenuti. Liberalizzare un mercato significa rimuovere gli ostacoli di varia natura, in particolare di natura normativa e fiscale che impediscono la libertà di ingresso, organizzazione dell’attività imprenditoriale, e uscita dal mercato.

Uno studio della Banca d’Italia ha mostrato che la piena liberalizzazione del settore dei servizi – grazie alla quale il margine convergerebbe verso i livelli medi europei – consentirebbe una crescita, nel lungo periodo, dell’11% del Pil, dell’8% dell’occupazione e del 18% degli investimenti, mentre i salari reali salirebbero del 12%. In generale noi vogliamo aumentare la concorrenza perché:

  • fa calare i prezzi, in quanto uno degli strumenti attraverso cui le imprese possono accrescere la loro quota di mercato è conquistare nuovi clienti offrendo occasioni più convenienti;
  • spinge le aziende a investire per migliorare e differenziare i loro prodotti o servizi, incrementandone l’efficienza e la produttività;
  • incentiva l’innovazione, consentendo di creare nuovi mercati e ampliare la libertà di scelta dei consumatori;

Esistono diversi indicatori indiretti che confermano come l’Italia sia un paese poco esposto alla concorrenza. Per esempio, nel periodo pre-crisi (quando tale osservazione non era influenzata dalla recessione) il numero di nuove imprese create in Italia era inferiore a quello osservato in altri paesi simili, mentre il tasso di uscita è analogo. Nel settore dei servizi, a differenza di quello manifatturiero esposto alla concorrenza internazionale, il mark up (ricarico sul costo) delle imprese italiane (tra cui vari monopolisti pubblici)  tende a essere significativamente superiore ad altre nazioni europee.

Spesso liberalizzare significa semplicemente abrogare norme esistenti che servono unicamente a proteggere lo status quo, ma in altri casi occorre tener conto delle specificità dell’industria:

  • nei settori caratterizzati da infrastrutture fisiche che devono essere utilizzate da tutti i concorrenti (reti elettriche, gas, ferrovie, ecc.) tali infrastrutture devono essere assoggettate a una regolamentazione stringente e, dove possibile, essere separate dalle società che vendono i servizi per evitare conflitti di interesse;
  • dove è necessaria una regolamentazione di settore (energia, trasporti, banche, ecc.) tale compito dovrebbe essere assegnato a organismi tecnici indipendenti e non politicizzati;
  • le imprese a controllo pubblico che operino su mercati concorrenziali devono essere privatizzate, facendo precedere tale operazione da una riorganizzazione interna che ne limiti il potenziale monopolistico;
  • nel caso dei servizi pubblici per cui si ritiene socialmente desiderabile che la collettività sussidi la produzione (trasporto pubblico, gestione rifiuti, illuminazione stradale, ecc.) è opportuno che il gestore del servizio venga individuato attraverso gare tali che il risultato della gara sia contendibile (cioè non sia scontato il vincitore). Gli esiti della gare devono essere legati a criteri i più oggettivi possibili e l’affidamento deve avere durata la più breve possibile.

L’opera di liberalizzazione deve essere estesa ovunque sia possibile. A titolo di esempio, ecco una lista assolutamente non esclusiva di settori in cui è urgente intervenire, e cosa va fatto.

4.1.1 Ferrovie

  • Rendere immediatamente operativa l’Autorità per i trasporti, assumendo personale adeguato non di provenienza ministeriale e individuando un collegio di elevato profilo tecnico.
  • Completare la separazione proprietaria della rete ferroviaria (Rfi) da Ferrovie dello Stato Italiane Spa.
  • Separare le varie componenti di Trenitalia (passeggeri, regionale e cargo) e privatizzarle separatamente.
  • Abrogare immediatamente tutte le norme anticompetitive, in particolare quelle relative al trasporto regionale contenute nella legge 99/2009 (per esempio la possibilità di negare ai nuovi entranti  il permesso di effettuare fermate intraregionali qualora questo comprometta l’equilibrio economico del titolare del servizio pubblico).
  • Bandire entro la fine della legislatura gare realmente contendibili in tutte le regioniGarantire la massima trasparenza e accessibilità dei dati relativi a bilanci, performance e qualità del servizio per tutti i servizi in affidamento.

 

4.1.2 Trasporto pubblico locale

  •  Introdurre in via ordinaria il principio per cui nel trasporto pubblico locale è ammessa la concorrenza nelmercato.
  • Ammettere per i comuni e le regioni la possibilità di affidare servizi in esclusiva solo a fronte della dimostrazione che non è possibile affidare il servizio (o parte di esso) a privati in concorrenza e che i benefici sono superiori ai costi, fermo restando che tale motivazione deve essere sottoposta a parere vincolante dell’Autorità per i trasporti e, nelle more della sua operatività, dell’Antitrust.
  • Laddove i servizi siano affidati attraverso gare, adottare una rigorosa standardizzazione di bandi e disciplinari ed eliminare clausole che non siano strettamente attinenti all’obiettivo di garantire il miglior servizio al minimo costo per i contribuenti. Tali compiti andranno svolti dall’Autorità per i trasporti e, nelle more della sua operatività, dall’Antitrust.
  • Garantire la massima trasparenza e accessibilità dei dati relativi a bilanci, performance e qualità del servizio per tutti i servizi in affidamento.
  • Privatizzare tutte le società di trasporto pubblico locale.

 

4.1.3 Elettricità

  • Rivedere le norme esistenti finalizzate al perseguimento di obiettivi di politica industriale attraverso interventi nel settore elettrico. Tra questi:
  • I sussidi alle imprese grandi consumatrici di energia elettrica (in particolare Trenitalia).
  • I sussidi alle imprese di generazione – tra cui qualsiasi forma di sussidio della capacità produttiva non utilizzata.
  • Le modalità di incentivazione all’installazione di pannelli fotovoltaici su piccola scala.
  • Rivedere i meccanismi che disciplinano la realizzazione di impianti di generazione da fonti rinnovabili. In particolare, sarebbe possibile provvedere all’introduzione di:
  • Un meccanismo di selezione operante attraverso aste delle iniziative da incentivare senza limite inferiore.
  • Prevedere meccanismi che assicurino la localizzazione efficiente degli impianti di generazione da fonti rinnovabili.
  • Allocare correttamente, anche agli impianti a fonti rinnovabili, i costi che essi causano al sistema dovuti a sbilanciamento, congestioni, etc.
  • Accelerare il decalage degli incentivi rinnovabili con un obiettivo pari a zero a partire dalla capacità installata dal 1 gennaio 2015 (compatibilmente col raggiungimento degli obiettivi europei). Rinegoziare i sussidi concessi nel passato laddove diano luogo a extraprofitti.
  • Ridefinire con più precisione i compiti del regolatore, includendo per esempio la regolazione degli incentivi rinnovabili, impedendo decisioni che si traducano nel sussidio a specifiche categorie di consumatori, e incrementare il grado di trasparenza sul processo decisionale.
  • Rivedere la governance del settore riducendo il numero di enti e limitandone il perimetro di intervento. In particolare:
  • Spingere sul mercato la produzione di energie rinnovabili, in sostituzione dell’attuale ritiro da parte del Gestore dei servizi energetici (Gse).
  • Razionalizzare i soggetti esistenti, raggruppandoli e affidando a esterni con aste le attività attualmente svolte da Gse e Acquirente Unico.
  • Privatizzare il Gestore dei mercato energetici.
  • Riformare la borsa elettrica in modo tale da passare gradualmente dal prezzo unico nazionale a prezzi zonali per incentivare il potenziamento delle reti.
  • Prevedere in tempi ragionevoli il totale switch off anche per i consumatori domestici e abolizione di ogni prezzo di riferimento.
  • Terminare l’attuale socializzazione dei costi della morosità.
  • Privatizzazione totale di tutte le società del settore in mani pubbliche (incluse le reti).

 

4.1.4 Gas

  • Completare la separazione tra rete e distribuzione con la cessione di Snam e/o Eni, da parte di Cassa depositi e prestiti, ad azionisti diversi.
  • Valutare l’opportunità di dividere Eni in almeno due parti, separando la parte utility dalla parte petrolifera tradizionale e cederle ad azionisti diversi.
  • Assicurare il pieno utilizzo della capacità di importazione esistente garantendo: (a) che siano emessi e assegnati al mercato tutti i diritti di trasporto compatibili con la capacità fisica disponibile; (b) l’introduzione obbligatoria di clausole use or lose (si perde il diritto se non lo si utilizza) per i diritti di transito.
  • Rimuovere la priorità del gas di stoccaggio per gli usi domestici ed eliminare ogni forma di discriminazione di prezzo di origine normativa o regolatoria tra diverse tipologie di consumatori.
  • Il meccanismo di sussidio dei grandi consumatori attraverso l’allocazione a titolo gratuito delle capacità di stoccaggio incrementale create da Eni è complicato e potenzialmente distorsivo: valutare se eliminarlo totalmente o riformarne contenuto e modalità di copertura.
  • Se sarà possibile individuare adeguata copertura finanziaria, ridurre l’accisa sul gas almeno al livello medio europeo.
  • Reintroduzione, se necessario, dei tetti antitrust.
  • Riforma distribuzione locale gas per rendere più contendibili le gare.
  • Prevedere in tempi ragionevoli il totale switch off anche per i consumatori domestici e abolizione di ogni prezzo di riferimento.
  • Privatizzazione totale di tutte le società del settore in mani pubbliche (incluse le reti)

 

4.1.5 Assicurazioni

  • Superare l’attuale processo di mediazione obbligatoria introducendo la possibilità di risolvere il contenzioso in modo definitivo attraverso la possibilità dell’assicurato di richiedere un arbitrato vincolante.
  • Semplificare la regolamentazione distributiva in relazione alle categorie (riducendole a 2 dalle attuali 5) e deregolamentare le forme di collaborazione ammessa.
  • Incentivare la diffusione della ‘scatola nera’ per le automobili;
  • Incentivare la diffusione di forme di assicurazione contro le calamità naturali, anche allo scopo di allocare più correttamente i rischi e consentire un più adeguato finanziamento degli interventi nei casi di emergenza.
  • Garantire la piena portabilità dei fondi pensione, anche per la parte spettante al datore di lavoro.
  • Liberalizzare l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro.

 

4.1.6 Poste

  • Ridurre il perimetro del servizio universale alla dimensione minima prescritta dalle direttive europee.
  • Rimuovere ogni residua riserva legale (in particolare le notifiche degli atti giudiziari).
  • Assegnare il servizio universale secondo gare distinte per categorie merceologiche e lotti geografici e a condizioni realmente contendibili, affidando al regolatore il compito di individuare perimetro, ampiezza e durata degli affidamenti.
  • Dividere Poste Italiane secondo le linee di business esistenti – in particolare separando societariamente Bancoposta dai servizi postali in senso stretto – e privatizzarli separatamente.

 

4.1.7 Telecomunicazioni ed editoria

  • Privatizzare la Rai e abolire il canone.
  • Rimuovere i tetti alla raccolta pubblicitaria.
  • Applicazione rigorosa delle norme antitrust e delle norme relative al conflitto di interesse.
  • Valutare l’opportunità di mantenere un canale per il servizio pubblico, nel qual caso il servizio andrebbe affidato tramite procedura a evidenza pubblica.
  • Abolire ogni forma di finanziamento pubblico all’editoria.

4.2 Approfondimento Agricoltura

 

  • La superficie media dell’impresa agricola italiana è di 7,9 ettari a fronte dei  53 di quella francese, i 56 di quella tedesca, i 65 di quella danese, i 79 di quella del Regno Unito e i 152 di quella Ceca. E’ la fotografia di un sistema produttivo che sconta inefficienze decennali, frutto prima di tutto di una eccessiva frammentazione fondiaria e di un utilizzo delle risorse della Politica Agricola Comune finalizzato prevalentemente a sostenere lo status quo piuttosto che a superare le cause profonde di queste inefficienze.

 

  • E’ necessario rimuovere tutti gli ostacoli, prevalentemente di natura burocratica, che ostacolano l’accorpamento fondiario, e riformulare il sistema di erogazione degli aiuti diretti della PAC secondo criteri che incentivino la piccola impresa a cercare forme innovative di aggregazione dell’offerta fin dalle fasi di produzione. Va ripristinata la norma, abrogata dal Governo Monti, che consentiva anche alle società di capitali di poter optare per la tassazione su base catastale.

 

  • Il sostegno al reddito dovrebbe essere ripensato come una forma di welfare a termine, teso ad accompagnare l’impresa improduttiva senza traumi fuori dal mercato, piuttosto che un sistema di erogazione ed intermediazione di microrendite, e un modo per sostenere in eterno attività produttive inefficienti e decotte.

 

  • La tassazione patrimoniale sui terreni e fabbricati rurali deve essere oggetto di una profonda riforma, che includa in un’unica voce anche i contributi generali di bonifica, e che consideri la vocazione strumentale dei fabbricati rurali. Gli aumenti sconsiderati dell’IMU agricola vanno rivisti, così come vanno superati gli astrusi regimi di deroghe ed esenzioni su base territoriale. I consorzi di bonifica vanno sottoposti a una severa valutazione delle performances, che preveda la possibilità di soppressione di quegli enti che non rispettino elementari rapporti tra costi per i contribuenti e benefici per la collettività.

 

  • I criteri attraverso i quali vengono erogati gli aiuti allo sviluppo, attraverso i Piani di Sviluppo Rurale redatti dalle regioni, devono essere fondati su una rigorosa analisi scientifica che riconosca il contributo positivo dell’innovazione tecnologica e dell’intensificazione agricola per la biodiversità e la salvaguardia ambientale. Oggi una grossa fetta di questi aiuti vengono elargiti a realtà associative, consortili, sindacali, politiche, nonché agli stessi enti locali, che non hanno nulla a che fare con l’agricoltura. Un modo attraverso il quale la politica, mediante la PAC, contribuisce a finanziare sé stessa e uno spreco di risorse al quale va posto rimedio al più presto.

 

  • Non si può continuare a negare, alle imprese agricole italiane, il diritto di avvalersi delle tecnologie che migliorano le rese unitarie o garantiscono rese analoghe con minori imputs produttivi. Il bando all’uso delle varietà geneticamente modificate iscritte al catalogo comune europeo, per le quali nessuna evidenza scientifica ha mai dimostrato pericoli per la salute umana e per l’ambiente, deve essere rimosso. Allo stesso tempo va rimosso l’anacronistico bando alla ricerca in campo aperto sulle biotecnologie agrarie, che potrebbe rappresentare un fondamentale strumento per il recupero e la difesa di importanti varietà tradizionali italiane.

 

  • Anche le norme che impongono agli agricoltori limiti all’utilizzo di semente autoprodotta sono in contraddizione con i più elementari principi di libertà di impresa, e vanno superate.

 

  • I consorzi che tutelano le Denominazioni di Origine hanno lo scopo di garantire al consumatore che un determinato prodotto provenga da un determinato luogo e sia stato fatto secondo un determinato disciplinare di produzione. Qualsiasi altra funzione, pur riconosciuta dalla legge, di controllo dell’offerta e di stabilizzazione del mercato rappresenta una violazione dei principi della libera concorrenza, oltre a un disincentivo agli investimenti proprio nei settori a più alto valore aggiunto. La fine del sistema di contingentazione delle superfici viticole e la liberalizzazione dei diritti di reimpianto dei vigneti, prevista per il 2015, va vista come un’opportunità di sviluppo e di rilancio per il settore vinicolo italiano.

 

  • Una riforma strutturale delle norme che regolano l’attività venatoria, in un senso più rispettoso dei diritti di proprietà, potrebbe condurre a nuove opportunità di reddito per l’impresa agricola, a una maggiore salvaguardia della fauna selvatica e a consistenti risparmi per lo Stato e gli Enti Locali.

 

  • L’art. 62 del decreto liberalizzazioni, che impone una contrattualizzazione forzata di tutte le transazioni commerciali che abbiano come oggetto prodotti agroalimentari, costituisce un’intollerabile intromissione dell’autorità pubblica nei rapporti tra soggetti privati. Se l’intenzione dichiarata del decreto, che impone un termine massimo di 30 giorni per il pagamento di prodotti deperibili e 60 per tutti gli altri, sarebbe quella di riequilibrare il peso del piccolo produttore di fronte alla GDO, si può dire che l’obbiettivo viene mancato clamorosamente. In primo luogo perché quello che non si riflette sui tempi di pagamento si rifletterà inevitabilmente sul prezzo o sulla scelta di diversi fornitori, specialmente esteri. In secondo luogo perché i primi a fare le spese di questo sistema sono proprio gli agricoltori, che non possono più liberamente scegliere di pagare “a raccolto” i loro fornitori, finendo costretti a dover ricorrere al credito (in un periodo di feroce stretta creditizia) per finanziare gli acquisti.

 

  • Numerose evidenze supportate dalle risultanze di indagini investigative hanno portato alla luce tali e tante incongruenze nella gestione delle anagrafi bovine e dell’intero sistema di gestione delle quote latte e delle erogazioni in agricoltura, da suggerire la possibilità, tutt’altro che remota, che l’Italia non abbia mai sforato la quota nazionale ad essa assegnata, e che di conseguenza i prelievi sugli allevatori siano di fatto illegittimi. Qualsiasi decisione in merito alla riscossione dei tributi agli allevatori deve essere subordinata alla piena chiarezza su queste vicende.

5. Sostenere i livelli di reddito di chi momentaneamente perde il lavoro anziché tutelare il posto di lavoro esistente o le imprese inefficienti.
Tutti i lavoratori, indipendentemente dalla dimensione dell’impresa in cui lavoravano, devono godere di un sussidio di disoccupazione e di strumenti di formazione che permettano e incentivino la ricerca di un nuovo posto di lavoro quando necessario, scoraggiando altresì la cultura della dipendenza dallo Stato. Il pubblico impiego deve essere governato dalle stesse norme che sovrintendono al lavoro privato introducendo maggiore flessibilità sia del rapporto di lavoro che in costanza del rapporto di lavoro.

6. Adottare immediatamente una legislazione organica sui conflitti d’interesse.
Imporre effettiva trasparenza e pubblica verificabilità dei redditi, patrimoni e interessi economici di tutti i funzionari pubblici e di tutte le cariche elettive. Instaurare meccanismi premianti per chi denuncia reati di corruzione. Vanno allontanati dalla gestione di enti pubblici e di imprese quotate gli amministratori che hanno subito condanne penali per reati economici o corruttivi.

7. Far funzionare la giustizia.
Riformare il codice di procedura e la carriera dei magistrati, con netta distinzione dei percorsi e avanzamento basato sulla performance; no agli avanzamenti di carriera dovuti alla sola anzianità. Introdurre e sviluppare forme di specializzazione che siano in grado di far crescere l’efficienza e la prevedibilità delle decisioni. Difendere l’indipendenza di tutta la magistratura, sia inquirente che giudicante. Assicurare la terzietà dei procedimenti disciplinari a carico dei magistrati. Gestione professionale dei tribunali generalizzando i modelli adottati in alcuni di essi. Assicurare la certezza della pena da scontare in un sistema carcerario umanizzato. Ecco come:

·         La giustizia è un servizio fondamentale che lo Stato deve assicurare ai cittadini e alle imprese. Una giustizia inefficiente costituisce un fattore di disgregazione per la società e ne limita la crescita economica.

·         Una giustizia civile inefficiente, in particolare, si riflette in una riduzione degli investimenti, soprattutto dall’estero; fa sì che il mercato del credito e, più in generale, della finanza siano poco sviluppati e che vi siano asimmetrie nei tassi d’interesse tra diverse regioni del paese, a seconda della durata dei processi; comporta rigidità nel mercato del lavoro; limita la concorrenza nei settori produttivi, nei servizi, e nelle professioni; provoca una distorsione della struttura delle imprese; ingessa il mercato immobiliare; ecc.

·         Il malfunzionamento conclamato della giustizia civile costa agli italiani, secondo la Banca d’Italia, l’1% del PIL, rallenta la crescita del sistema imprenditoriale e ostacola l’attrazione di investimenti stranieri, poiché genera sfiducia nel sistema Paese.

·         Il Centro Studi di Confindustria stima che smaltire l’enorme mole di cause pendenti  frutterebbe alla nostra economia il 4,9% del Pil ma basterebbe abbattere anche del 10% i tempi di risoluzione delle cause per guadagnare lo 0,8% del Pil l’anno.

7.1.1 La situazione disastrosa della giustizia: l’Italia tra l’Iraq e l’Afghanistan

·         Il problema fondamentale dell’inefficienza della giustizia in Italia consiste nell’eccessiva durata dei procedimenti. La media della durata dei processi civili di primo grado nei paesi aderenti al Consiglio d’Europa è di 287 giorni contro i 493 giorni in Italia.

·         Secondo la classifica “Doing Business 2013” della Banca Mondiale, l’Italia si colloca al 160° posto, sui 185 paesi analizzati, per la durata di una normale controversia di natura commerciale. Ci superano abbondantemente paesi come l’Iraq, il Togo e il Gabon, mentre riusciamo a stento a battere in classifica l’Afghanistan.

·         A fronte della situazione disastrosa, il rapporto 2012 del Cepej, European Commission for the Efficiency of Justice del Consiglio d’Europa certifica che la spesa per la giustizia civile in Italia è superiore alla media degli altri paesi. Lo Stato italiano spende per il funzionamento dei tribunali 50,3 euro per abitante, il 36% in più della media europea, ossia 37 euro per abitante

·         La spesa pubblica per la giustizia civile è di € 3.051.375.987 (se si escludono i pubblici ministeri, il gratuito patrocinio e le carceri), pari allo 0,20% rispetto alla spesa pubblica complessiva e di poco inferiore alla media europea dello 0,24%. Di contro, l’erario incassa, tramite il contributo unificato, solo il 10,7% della spesa pubblica per la giustizia civile, contro una media europea del 28,3%.

·         Di fronte ad una spesa pubblica in linea con le medie internazionali, abbiamo circa il 50% in meno dei giudici e del personale amministrativo e, prima dei recenti accorpamenti, il 21% in più di tribunali. Quindi spendiamo molto male.

7.1.2 L’inondazione di cause pretestuose è la principale causa della inefficienza

·         Tutti gli studi di analisi economica della giustizia convergono sulla conclusione che in Italia i tempi dei processi civili sono straordinariamente lunghi a causa di un eccesso di domanda di giustizia, a fronte di una offerta e di investimenti in linea con le medie europee.

·         Fino a quando ricorrere o resistere in giudizio sapendo di avere torto conviene, i tribunali continueranno ad essere polo d’attrazione per cause pretestuose, o facilmente risolubili diversamente, a danno di quelle serie e che invece richiedono l’intervento del magistrato. In Italia vengono iscritte a ruolo 3.958 cause per 100.000 abitanti, il doppio della Germania e il 43% in più della Francia. L’obiettivo è di  avvicinarsi alla media dei Paesi aderenti al Consiglio d’Europa di 2.738 cause per 100.000 abitanti.

·         L’abuso dello strumento processuale non solo rallenta le cause reali ma ingolfa tutto il sistema rendendo inefficienti le procedure e poco produttivi i magistrati sommersi di fascicoli.

·         Negli ultimi anni il dibattito politico (ma anche tra tecnici) ha prevalentemente toccato temi di rilievo costituzionale che avrebbero comportato una ristrutturazione della macchina della giustizia con riforme di rango costituzionale. Rimandiamo ad uno studio di quelle riforme sulle quali ci proponiamo di aprire anche un dibattito con tutti gli aderenti, senza con ciò sottostimare questi problemi (anche se riteniamo che in molti casi le riforme proposte dai governi nel passato recente sottendessero piuttosto interessi personali e non della collettività). Il nostro programma ha una prevalente attenzione ai temi economici, con l’obiettivo dichiarato di fermare il declino nel quale versa il nostro paese. Per questo, per il momento almeno, vogliamo concentrare la nostra azione su interventi concreti, di urgente attuazione e che siano in grado di rimettere in moto rapidamente la macchina della giustizia.

Vogliamo iniziare a far funzionare la giustizia civile attraverso azioni prettamente organizzative, che possono essere realizzate entro breve tempo, lungo quattro direttrici: decongestionare i tribunali dalle cause pretestuose o risolubili diversamente, migliorare l’efficienza delle procedure, aumentare la produttività e creare sezioni e giudici specializzati.

7.2 Giustizia civile

7.2.1 Decongestionare i tribunali dalle cause pretestuose o risolubili diversamente 

  • Disincentivare l’abuso dello strumento processuale prevedendo automaticamente la piena condanna per le spese processuali sostenute dalla controparte; in caso di mala fede, le sanzioni potrebbero essere estese agli avvocati. Gli avvocati dovrebbero essere disincentivati economicamente a promuovere cause futili o prolungare la durata dei processi.

·         Adeguare il tasso di interesse legale al tasso di mercato. L’applicazione di un tasso legale (attualmente al 2,5%) inferiore al tasso di mercato favorisce il debitore, cui conviene resistere in giudizio pur sapendo d’avere torto.

  • Introdurre la segnalazione obbligatoria all’Autorità Giudiziaria da parte del Ministero della Giustizia, in caso di statistiche anomale in particolari aree geografiche o settori di contenzioso.
  • Migliorare la normativa sui filtri all’appello e al ricorso in Cassazione.
  • Incentivare la sottoscrizione delle polizze di tutela legale a copertura dei costi del processo. Come in Germania e Olanda, esiste una relazione positiva tra la diffusione delle polizze di tutela legale e la riduzione del contenzioso perché gli accordi stragiudiziali, quando opportuni e convenienti per entrambi, vengono favoriti.
  • Introdurre una nuova e seria disciplina della mediazione e dell’ADR (Alternative Dispute Resolution). Attraverso il ricorso alle procedure di ADR (negoziazione diretta con valore di titolo esecutivo in presenza degli avvocati, tavoli paritetici, mediazione e arbitrato) si amplia l’offerta degli strumenti di risoluzione delle controversie a disposizione dei cittadini e delle imprese, senza gravare sulla spesa pubblica, affiancando i tribunali che con meno carico di lavoro potranno essere più efficienti.
  • Realizzare un piano straordinario di smaltimento delle cause pendenti assumendo più giudici dalle entrate provenienti dalle sanzioni per l’abuso del processo e incentivando fiscalmente il ricorso a transazioni e procedure di ADR per le cause in corso.

7.2.2 Migliorare l’efficienza delle procedure

  • Estendere con grande celerità il processo telematico con un sistema di incentivi per i tribunali che li adotteranno più rapidamente.
  • Generalizzare la possibilità, ancora poco utilizzata, di pronunciare la sentenza con lettura immediata del dispositivo, con concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto, riducendo i tempi della stesura della sentenza.
  • Semplificare la fase di conferimento dell’incarico ai consulenti tecnici d’ufficio, che devono poi essere incentivati anche economicamente per quanto riguarda i tempi di deposito della perizia.

7.2.3 Aumentare la produttività a parità di risorse

  • Come sta accadendo per il servizio sanitario, occorre una profonda spending review che identifichi ed elimini inefficienze. Occorre spendere meglio e incassare di più erogando il servizio giustizia per avere risorse finanziarie da reinvestire nel sistema.
  • Promuovere una riorganizzazione della struttura degli uffici giudiziari, da ottenersi, se necessario, anche con l’inserimento di figure manageriali scelte dagli operatori di giustizia in loco attraverso una selezione professionale, che contribuiscano a velocizzare le procedure interne agli uffici e ne riducano i costi, liberando altresì il tempo a disposizione dei magistrati.
  • Introdurre metodi di lavoro finalizzati allo smaltimento dei carichi pendenti e all’accorciamento della durata dei processi. Si vedano i risultati molto positivi ottenuti dal Tribunale e dalla Corte d’Appello di Torino sotto la presidenza di Mario Barbuto che ha stilato un decalogo per lo smaltimento dell’arretrato, partendo dalle cause più vecchie a seguito di una catalogazione dei procedimenti pendenti. Ciò peraltro consentirebbe una maggiore trasparenza sull’operato dei giudici e consentirebbe una migliore valutazione della loro performance.
  • Generalizzare metodi di lavoro che riducano la quantità di procedimenti che ciascun giudice gestisce contemporaneamente, per ridurre la frammentarietà dei procedimenti. Si vedano i risultati molto positivi di sperimentazione ottenuti dalla Corte d’Appello Sezione Lavoro di Roma e dalla già citata Corte d’Appello di Torino. Si vedano anche gli studi di Decio Coviello, Andrea Ichino, e Nicola Persico che, sulla base dei risultati delle Sezioni Lavoro dei Tribunali di Torino e Napoli,  hanno illustrato come una migliore organizzazione del lavoro che eviti la proliferazione in parallelo delle cause e comporti una riassegnazione delle cause dei giudici assenti (ad esempio per gravidanza) possa portare ad un accorciamento significativo dei tempi del giudizio.
  • Dotare il giudice togato di un ufficio costituito da giovani laureati selezionati secondo criteri qualitativi, dotati di una borsa di studio, che coadiuvino il giudice. La pratica dei giovani nell’Ufficio del giudice deve essere inserita a regime nel normale meccanismo concorsuale di accesso alla magistratura e ammessa come  tirocinio abilitante agli esami per l’avvocatura. Si vedano i risultati molto positivi di sperimentazione ottenuti dal Tribunale di Milano.
  • Per generalizzare tali comportamenti virtuosi è necessario, pur garantendo la massima indipendenza della magistratura,  valorizzare la performance dei giudici anche in termini di efficienza e produttività, in termini sia di remunerazione sia di responsabilità. In particolare, nel giudicare la performance, al fine dei passaggi di carriera a posizioni direttive o che comunque comportino responsabilità di uffici, il CSM deve necessariamente avvalersi di tecnici specializzati nella valutazione delle risorse umane.

 

7.2.4 Creare sezioni e giudici specializzati

  • Introdurre maggiore competenza (che si traduce in rapidità e equità delle sentenze) nei tribunali attraverso la creazione di sezioni e giudici specializzati, come già avviene nei tribunali maggiori; in particolare, potrebbero esser create sezioni specializzate in diritto commerciale, del lavoro, fallimentare, di famiglia, delle locazioni, e della proprietà industriale e intellettuale (queste ultime di recente sono state incorporate nelle sezioni in materia di impresa, facendo venir meno la competenza specifica). Ove opportuno, le sezioni potrebbero essere concentrate presso uno o più tribunali all’interno di una regione, con un limitato aggravio per le parti, a fronte di molteplici vantaggi.

*****

Molti degli interventi di rapida attuazione indicati per la giustizia civile, specie quelli riguardanti la produttività, sono possibili e desiderabili in forma opportunamente modificata anche per gli altri settori. Si vedano, ad esempio, i risultati molto positivi ottenuti dalla Procura di Bolzano diretta da Cuno Tarfusser che ha tagliato i costi del 70 per cento in tre anni, ottenuto la certificazione di qualità Iso 9000, e redatto annualmente il bilancio sociale. In termini più generali, coerentemente con gli interventi sopra delineati per la giustizia civile, ha proposto la distinzione degli aspetti gestionali da quelli giurisdizionali. Di seguito, sono indicate talune ulteriori proposte più specifiche.

7.3 Giustizia penale

·         Prevedere ulteriori incentivi alla scelta dei riti alternativi, a fronte del rischio che in caso di condanna nel dibattimento si incorra in una pena certa e assai più severa.

·         Assicurare certezza ed effettività della pena riformando in profondità la disciplina della prescrizione e della concessione dei benefici ai carcerati.

·         Limitare la carcerazione preventiva affinché non sia, come oggi è, anticipazione di pena nei confronti di presunti innocenti. Incentivare il ricorso a misure cautelari meno afflittive, pur previste dal Codice di procedura penale, incluso il braccialetto elettronico, già in vigore in altri paesi

·         Semplificare il meccanismo delle notifiche, con particolare riguardo all’ipotesi degli irreperibili, responsabilizzando l’imputato rispetto alla conoscenza e all’andamento del processo.

·         Le notifiche ai difensori devono inoltre poter essere fatte con i normali mezzi telematici esistenti.

·         Limitare il principio d’immediatezza, consentendo al giudice che si sostituisca in un processo pendente di utilizzare i verbali delle testimonianze assunte dal predecessore e, eventualmente, di risentire quei testimoni che reputi necessari.

·         Utilizzare al meglio i beni confiscati alle organizzazioni mafiose, liberando altri cespiti dei comuni e utilizzando i proventi per migliorare le condizioni economiche degli uomini delle Forze dell’Ordine.

7.4 Giustizia tributaria:

·         Aumentare gli strumenti per la sospensiva che oggi, a causa della lunghezza dei procedimenti, non è in grado di proteggere il contribuente dal recupero forzato delle somme.  E’ necessario prevedere che l’azione esecutiva rimanga sospesa fino a quando il giudice non si sia pronunciato sull’eventuale istanza di sospensiva, assicurando al contempo che ciò debba avvenire in tempi brevi per evitare abusi dello strumento.

·         Ripensare la composizione delle commissioni tributarie per accrescerne la competenza, data la sempre maggiore complessità delle problematiche tributarie.

·         Garantire la necessaria specializzazione in materie tributarie dei giudici anche presso la Cassazione, posto che con il sistema attuale si tratta di magistrati che per definizione hanno percorso una carriera in settori affatto diversi.

7.5 Giustizia amministrativa

  • Il giudice amministrativo può essere mantenuto come giudice speciale dell’amministrazione, ma è necessaria una regolamentazione più puntuale, severa e restrittiva, della disciplina degli incarichi extragiudiziali, a tutela della sua posizione di terzietà e a garanzia della continuità e professionalità della carriera giurisdizionale.
  • E’ opportuno introdurre rispetto al processo amministrativo delle forme di Alternative Dispute Resolution, sia nella forma dei ricorsi amministrativi preventivi sia in quelle già presenti in altri ordinamenti dell’Unione Europea, al fine di deflazionare il processo amministrativo e fornire alla pubblica amministrazione nei casi controversi una indicazione autorevole e imparziale preventiva.
  • E’ opportuno favorire la maggiore specializzazione anche del giudice amministrativo, creando sezioni specializzate, specie in materia di energia e nei vari settori del diritto pubblico dell’economia.
  • Per affrontare il problema delle inerzie e dei ritardi della pubblica amministrazione non è sufficiente utilizzare gli strumenti del silenzio assenso e delle denunce di inizio attività. Le imprese hanno bisogno di un provvedimento per avere certezza. Bisogna pertanto anche favorire percorsi alternativi che consentano di pervenire a una decisione unica e definitiva, riducendo le contrapposizioni tra i diversi enti pubblici interessati. Si potrebbe anche intervenire sulla disciplina dei reati commessi dalla pubblica amministrazione al fine di incentivare la dirigenza amministrativa ad assumersi i poteri decisionali che le competono.

7.6 Carceri:

  • Affidamento tramite appalti pubblici dei servizi di gestione degli istituti di pena con esclusione dei servizi di sorveglianza. Incentivare la costruzione di penitenziari in  concessione di lavori e project finance.
  • Introduzione di pene alternative per condannati non pericolosi.

8. Liberare le potenzialità di crescita, lavoro e creatività dei giovani e delle donne, oggi in gran parte esclusi dal mercato del lavoro e dagli ambiti più rilevanti del potere economico e politico.
Non esiste una singola misura in grado di farci raggiungere questo obiettivo; occorre agire per eliminare il dualismo occupazionale, scoraggiare la discriminazione di età e sesso nel mondo del lavoro, offrire strumenti di assicurazione contro la disoccupazione, facilitare la creazione di nuove imprese, permettere effettiva mobilità meritocratica in ogni settore dell’economia e della società e, finalmente, rifondare il sistema educativo.

9. Ridare alla scuola e all’università il ruolo, perso da tempo, di volani dell’emancipazione socio-economica delle nuove generazioni.
Non si tratta di spendere di meno, occorre anzi trovare le risorse per spendere di più in educazione e ricerca. Però, prima di aggiungere benzina nel motore di una macchina che non funziona, occorre farla funzionare bene. Questo significa spendere meglio e più efficacemente le risorse già disponibili. Vanno pertanto introdotti cambiamenti sistemici: la concorrenza fra istituzioni scolastiche e la selezione meritocratica di docenti e studenti devono trasformarsi nelle linee guida di un rinnovato sistema educativo.Va abolito il valore legale del titolo di studio.

10. Introdurre il vero federalismo con l’attribuzione di ruoli chiari e coerenti ai diversi livelli di governo.
Un federalismo che assicuri ampia autonomia sia di spesa che di entrata agli enti locali rilevanti ma che, al tempo stesso, punisca in modo severo gli amministratori di quegli enti che non mantengono il pareggio di bilancio rendendoli responsabili, di fronte ai propri elettori, delle scelte compiute. Totale trasparenza dei bilanci delle pubbliche amministrazioni e delle società partecipate da enti pubblici con l’obbligo della loro pubblicazione sui rispettivi siti Internet. La stessa “questione meridionale” va affrontata in questo contesto, abbandonando la dannosa e fallimentare politica di sussidi seguita nell’ultimo mezzo secolo.