Elezioni europee 2014. Risultati finali, commenti, exit poll

Matteo Renzi e il Partito democratico hanno stravinto le elezioni europee 2014. Alle 23 si sono chiusi i seggi della tornata elettorale continentale in Italia e, per la prima volta, a contendersi la vittoria erano tre leader: Silvio Berlusconi, Beppe Grillo e Matteo Renzi. Con lo spoglio ancora in corso al Viminale, però, la tendenza è delineata: il Pd raggiunge un risultato storico abbattendo il muro del 40%, Grillo e i 5 Stelle dovrebbero perdere 2 milioni di voti rispetto alle politiche 2013. La serata è iniziata con gli exit poll, che hanno poi lasciato il passo alle percentuali degli istituti sui voti presi a campione fino a voti veri con i risultati ufficiali. Intanto, anche i dati definitivi sull’affluenza: 58,6%.

Elezioni-europee-2014-risultati-renzi-grillo-berlusconi

 

Ore 02:30 Nichi Vendola commenta il successo della lista Tsipras che ha superato il 4% dei voti per andare al Parlamento europeo: “Era molto difficile, Grillo e Renzi hanno polarizzato. I populismi europei sono figli dell’austerity. Il voto per Renzi è importantissimo, è riuscito a catalizzare una speranza di cambiamento presentandosi come argine verso chi usava le parole per lapidare gli avversari.” 

Ore 02:00 “Rimandiamo a domani per avere un dato certo per fare tutte le considerazioni sul voto” questa la dichiarazione congiunta dei gruppi parlamentari del M5S

Ore 01:50 Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi: “Sarà rifatta la segreteria del Partito democratico, verranno inclusi anche elementi dell’area Cuperlo. Sulle riforme c’è stata una fase di pausa pre elettorale, ora ripartiamo a pieno ritmo”

Ore 01:30 Tutta la segreteria del Pd esce di fronte ai giornalisti, meno Matteo Renzi “Risultato straordinario – dice Debora Serracchiani – che premia il programma del Pd sull’Europa. Siamo consapevoli della grande responsabilità ch questo risultato affida al nostro partito e che le iniziative di riforma possono contare su una legittimazione straordinaria. Ringraziamo tutti i nostri militanti e tutti coloro che hanno creduto e credono al Partito democratico affidandoci questa grande responsabilità”

Ore 01:15 parla il ministro Marianna Madia: “Risultato emozionante, oltre ogni attesa, che aumenta la nostra responsabilità e ci fa capire la maturità degli italiani. Siamo riusciti a fare arrivare un messaggio di speranza e concretezza. Questo risultato ci rafforza nelle riforme ma anche in Europa”

Ore 01:00 Terza proiezione Ipr per Rai: Pd 41,2%, M5S 21,9%, Forza Italia 16%, Lega Nord 6,5%, Ncd 4%, Tsipras 4%, Fratelli d’Italia 3,5%

Ore 00:45 Secondo le proiezioni per il Parlamento europeo, il Ppe sarebbe in vantaggio sul Pse 212 seggi a 185

Ore 00:30 Parla il segretario della Lega Nord Matteo Salvini: “Siamo il quarto partito del Paese, ora dovremo raddoppiare le forze. A vedere i risultati delle elezioni all’estero, l’euro è la moneta del passato”

Ore 00:25 Nuova proiezione, confermato il trend: Partito democratico al 39,7%, M5S al 22% e Forza Italia al 17%. Se confermato un risultato di queste proporzioni avrebbe un profilo storico per il Pd e il centrosinistra italiano

Ore 00:10 Prime proiezioni su piccole percentuali del campione: il Partito democratico sarebbe al 39%, con MoVimento 5 Stelle al 22% e Forza Italia al 15%. Ma l’attendibilità di questi dati resta bassa.

Ore 23:55 La ex capogruppo alla Camera del MoVimento 5 Stelle Roberta Lombardi “Dati aleatori, impossibile esprimere una valutazione sugli exit poll”

Ore 23:45 Secondo exit poll di Emg per La7. Partito democratico 34,5%, MoVimento 5 Stelle 25,5%, Forza Italia 17%, Lega Nord 6,5%, Tsipras 4,5%, Ncd 4,5%, Fratelli d’Italia 3,5%

Ore 23:40 Instant poll Tecné per Tgcom: Partito democratico  27-34% M5S 24-31% Forza Italia 16-21% Ore 23:35 Debora Serracchiani, governatore del Friuli e componente della segreteria nazionale del Pd, ha rilasciato una breve dichiarazione sui dati dei primi exit poll “Un risultato assolutamente importante e straordinario, un risultato che ci dà grande responsabilità, anche nel cambiamento europeo. Un risultato importante anche rispetto alle elezioni europee del 2009 e alle politiche del 2013. Un risultato che premia il lavoro del governo. Siamo il primo partito del socialismo europeo. Un risultato importante che speriamo sia confermato”

Ore 23:17 in Spagna, in difficoltà sia i socialisti che i popolari del premier Rajoy

Ore 23:13 proiezioni youtrend.it sui primi exit poll – Pd 26 seggi, M5S 21 seggi, Forza Italia 14, Lega Nord 5, L’Altra Europa con Tsipras 3, Ncd 3

Ore 23.01 Primi exit poll ufficiali di Emg per La7 Partito democratico 33%, MoVimento 5 Stelle 26,5%, Forza Italia 18%, Lega Nord 6%, L’Altra Europa con Tsipras 4,2%, Nuovo centrodestra 4%, Fratelli d’Italia 3,8%

Ore 23: i seggi stanno chiudendo in tutta Italia, via via si smaltiscono progressivamente le file dei vacanzieri o dei ritardatari che hanno raggiunto le urne negli ultimi minuti a disposizione

Ore 20:35 dalla Francia arrivano risultati clamorosi per il Front Nationale di Marine Le Pen, che sarebbe il primo partito in termini assoluti con il 25% dei voti, superando il partito socialista del presidente in carica Francois Hollande

Ore 19: l’affluenza per le europee è ferma al 42,14%, più alta per le comunali dove si supera il 53%

Ore 18: arrivano i primi exit poll dal’estero. Risultato super per Tsipras in Grecia con il suo partito Syriza, che oscilla tra il 26 e il 30%. In Germania, tiene la cancelliera Merkel, con la sua Cdu in testa, ma si registra l’avanzata degli euroscettici di Alternative fuer Duetschland, vicini al 7%. Anche in Inghilterra il partito antieuro Ukip dovrebbe ottenere percentuali a due cifre. Al 20% in Austria il conglomerato dei critici verso Bruxelles.

Ore 12: Affluenza parziale al 16,7%