Circolare INPS 12 settembre 2011, n.118

    Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

    Coordinamento Generale Medico Legale

    Direzione Centrale Organizzazione

    Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

    Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione

    Coordinamento Generale Legale

    Roma, 12/09/2011

    Circolare n. 118

    Ai Dirigenti centrali e periferici

    Ai Direttori delle Agenzie

    Ai Coordinatori generali, centrali e

    periferici dei Rami professionali

    Al Coordinatore generale Medico legale e

    Dirigenti Medici

    e, per conoscenza,

    Al Presidente

    Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di

    Indirizzo e Vigilanza

    Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci

    Al Magistrato della Corte dei Conti delegato

    all’esercizio del controllo

    Ai Presidenti dei Comitati amministratori

    di fondi, gestioni e casse

    Al Presidente della Commissione centrale

    per l’accertamento e la riscossione

    dei contributi agricoli unificati

    Ai Presidenti dei Comitati regionali

    Ai Presidenti dei Comitati provinciali

     

    OGGETTO:  Decreto Legge n. 78 del 31 maggio 2010, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 122 del 30 luglio 2010. Determinazioni presidenziali n.75 del 30 luglio 2010, “Estensione e potenziamento dei servizi telematici offerti dall’Inps ai cittadini” e n. 277 del 24 giugno 2011, “Istanze e servizi – Presentazione telematica in via esclusiva – decorrenze. Modalità di presentazione telematica delle Visite Mediche di Controllo da parte dei datori di lavoro.

    Aspetti organizzativi e prime istruzioni operative.

    SOMMARIO: Premessa

    Destinatari del servizio e abilitazioni

    Istruzioni per la richiesta di visita medica di controllo

    Periodo transitorio. Esclusività del canale telematico

    PREMESSA

    Con circolare n. 169 del 31.12.2010 sono state fornite le disposizioni attuative della determinazione del Presidente dell’Istituto n.75 del 30 luglio 2010 “Estensione e potenziamento dei servizi telematici offerti dall’Inps ai cittadini”, la quale prevede, a decorrere dall’1/01/2011, l’utilizzo graduale del canale telematico per la presentazione delle principali domande di prestazioni/servizi.

    Le decorrenze per la presentazione telematica in via esclusiva sono state successivamente stabilite con la determinazione n.277 del 24 giugno 2011 “Istanze e servizi Inps – Presentazione telematica in via esclusiva – Decorrenze”, cui si è data attuazione con circolare n.110 del 30.08.2011.

    In relazione a quanto sopra, a decorrere dal 1° ottobre 2011, viene attivata, per i datori di lavoro, la modalità di presentazione telematica della richiesta del servizio di controllo dello stato di salute dei propri dipendenti in malattia, in ottemperanza del disposto ex lege 30 luglio 2010, n.122, art. 38, comma 5.

    La presentazione della richiesta dovrà, quindi, essere effettuata attraverso il portale WEB dell’Istituto – servizio di “Richiesta Visita Medica di controllo”, con accesso tramite PIN.

    DESTINATARI DEL SERVIZIO E ABILITAZIONI

    Il servizio di richiesta, in modalità telematica, delle visite mediche di controllo domiciliare e/o ambulatoriale riguarda i datori di lavoro pubblici e privati, compresi quelli i cui dipendenti non sono tenuti al versamento della contribuzione di finanziamento dell’indennità economica di malattia all’Istituto.

    Per l’utilizzo del servizio occorre essere abilitati all’accesso.

    A partire dalla data di pubblicazione della presente circolare, tutti i soggetti già dotati di PIN ed attualmente in grado di consultare gli attestati di malattia di cui alla circolare INPS n. 60 del 2010, saranno automaticamente abilitati al servizio.

    I datori di lavoro o loro incaricati, non ancora abilitati ai servizi di consultazione degli attestati di malattia, per poter acceder al servizio, devono presentare presso una Sede Inps i seguenti documenti:

    – modulo di richiesta, compilato e sottoscritto dallo stesso datore di lavoro privato o dal legale rappresentante (ove il datore di lavoro sia pubblico o organizzato in forma associata o societaria), con

    l’elenco dei dipendenti per i quali si chiede il rilascio del PIN per l’accesso agli attestati di malattia del personale con allegata copia del documento d’identità del sottoscrittore;

    – modulo di richiesta “individuale” compilato e firmato da ogni dipendente autorizzato, con allegata la fotocopia del documento d’identità del sottoscrittore.

    I moduli richiesti sono forniti in allegato alla presente.

    I datori di lavoro o loro incaricati che intendano affidare il servizio di “Richiesta Visita Medica di controllo” ad un soggetto diverso da quello attualmente dotato di abilitazione per la consultazione degli attestati di

    malattia, dovrà tempestivamente comunicarlo all’INPS, che provvederà a modificare i relativi profili autorizzativi.

    Al verificarsi della cessazione dell’attività, della sospensione o del trasferimento in altra struttura dell’intestatario del PIN, i datori di lavoro o loro incaricati in possesso di PIN, sono tenuti a chiedere tempestivamente la revoca dell’autorizzazione. l’Inps provvederà a cessare, con effetto immediato, l’abilitazione.

    ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI VISITA MEDICA DI CONTROLLO

    La richiesta di visita medica di controllo, che viene indirizzata in automatico alla Sede, UOC/UOST, competente per residenza/domicilio o reperibilità del lavoratore, può essere effettuata per un solo lavoratore e per una sola visita alla volta.

    E’ possibile richiedere anche una visita di controllo ambulatoriale INPS, per casi eccezionali e motivati, cui fa seguito una verifica di fattibilità, da un punto di vista organizzativo-temporale, da parte della UOC/UOST della Sede INPS destinataria.

    La procedura di richiesta di visita medica di controllo si compone di più pannelli che consentono un colloquio interattivo con l’utente che:

    comunica i dati relativi alla richiesta, in modalità guidata dal sistema informatico:

    – preimpostando i dati ove già disponibili (i dati anagrafici del datore di lavoro, per le imprese iscritte ad INPS e del lavoratore, se presente nell’Archivio anagrafico unico);

    – costruendo e completando dinamicamente le informazioni (per es. selezione del comune nell’ambito della provincia già specificata);

    – indirizzando l’utente con domande specifiche (per es. “Il lavoratore ha diritto all’indennità di malattia a carico dell’INPS?”);

    – segnalando i dati obbligatori (un ‘*’ accanto al campo);

    – sottoponendo i dati forniti ad un immediato controllo formale;

    – utilizzando una messaggistica puntuale per segnalare le informazioni incongruenti;

    inoltra la richiesta di visita medica di controllo;

    ottiene in risposta una ricevuta, che può anche stampare, con la segnatura di protocollo in entrata assegnata dal sistema INPS;

    visualizza l’esito della visita dopo la sua effettuazione.

    PERIODO TRANSITORIO. ESCLUSIVITÀ DEL CANALE TELEMATICO

    A decorrere dal 1° ottobre 2011, tutte le richieste di visita medica di controllo dovranno essere inoltrate attraverso il canale telematico.

    Nella prima fase di attuazione del processo telematizzato è concesso un periodo transitorio, fino al 30 novembre 2011, durante il quale le richieste di visita medica di controllo inviate attraverso i canali tradizionali saranno considerate validamente presentate, ai fini degli effetti giuridici previsti dalla normativa in materia.

    Alla scadenza del periodo transitorio il canale telematico diventa esclusivo.

    Il Direttore Generale

    Nori