Home Concorsi pubblici Soft skills nei concorsi pubblici: cosa sono, tipologie ed esempi di quiz...

Soft skills nei concorsi pubblici: cosa sono, tipologie ed esempi di quiz situazionali

Alice Lottici
quiz-situazionali-come-sono

Cosa sono le soft skills e come sono valutate? Le prove preselettive o scritte dei Concorsi Ripam, come la selezione pubblica indetta dal Ministero della Difesa per 333 Funzionari e Asisstenti tecnici, prevedono la somministrazione di quiz situazionali, in inglese Situational Judgement Test, assieme ai quiz di logica.

Già noti nelle selezioni per ruoli manageriali e non nelle aziende private, sono stati inclusi nei concorsi pubblici per valutare le competenze trasversali, meglio conosciute come soft skills, ovvero capacità e conoscenze organizzative per trovare le soluzioni corrette in situazioni problematiche in ambito lavorativo.

Nei paragrafi seguenti approfondiremo le tipologie di quesiti situazionali con alcuni esempi.

Quiz di logica per concorsi pubblici: tutte le tipologie ed esempi

Soft skills: cosa sono

Nelle prove preselettive, al fianco dei quiz di logica o di personalità, i quiz situazionali valutano le reazioni del candidato in situazioni non prevedibili o problematiche. Ogni domanda presenta un particolare momento relativo al contesto lavorativo, per il quale è necessario trovare la soluzione migliore, ovvero quella più pertinente sulla base del proprio personale giudizio, tra le alternative proposte.

Le capacità, l’esperienza e, più in generale, le competenze acquisite dal candidato sono fondamentali per comprendere quale sia la giusta azione da intraprendere in queste circostanze. Coloro che risponderanno correttamente verranno valutati positivamente, in quanto considerati pronti per affrontare imprevisti e problemi con azioni concrete ed efficaci.


Questi test sono in grado di individuare capacità di giudizio pratico, abilità cognitive, apertura mentale, competenze interpersonali, stabilità emotiva ed energia dei candidati. Hanno inoltre un elevato valore predittivo rispetto alla futura prestazione lavorativa: il ragionamento di base è che un individuo tenderà a riproporre lo stesso comportamento adottato in passato.

Soft Skills: quali sono

Il possesso delle soft skills viene valutato attraverso test situazionali. Le principali competenze valutate positivamente in ambito lavorativo sono:

  • autoefficacia;
  • autostima, consapevolezza e fiducia in sè stessi;
  • gestione delle emozioni;
  • empatia;
  • orientamento al cliente;
  • attitudine al team-work;
  • autocontrollo e gestione dello stress;
  • flessibilità;
  • proattività;
  • lifelong learning (predisposizione all’apprendimento permanente);
  • leadership;
  • orientamento all’obiettivo;
  • efficienza;
  • gestione delle informazioni;
  • pianificazione e organizzazione;
  • problem solving;
  • autonomia;
  • pensiero critico;
  • pensiero creativo.

Come prepararsi ai quiz situazionali

Per la preparazione e lo studio mirato ai test situazionali consigliamo il seguente volume:

Test situazionali per Concorsi pubblici

Test situazionali per Concorsi pubblici

Il manuale nasce con lo scopo di offrire ai candidati uno strumento pratico, una sorta di guida o un supporto utile a focalizzare l’attenzione e a riflettere rispetto alle competenze possedute, in particolare per quanto riguarda le soft skills, per stimolare ogni forma di loro accrescimento e di valorizzazione.
Offre, inoltre, l’opportunità di entrare in contatto diretto e di sperimentarsi nell’uso di uno dei principali strumenti di valutazione delle competenze trasversali utilizzato nei concorsi pubblici, ovvero i test situazionali.

Nella parte iniziale del volume sarà possibile trovare una sezione introduttiva che fornisce le principali informazioni relative alla riforma dei concorsi pubblici; a partire da questo si cercherà di approfondire nei paragrafi successivi i dettagli relativi al tema delle soft skills.

Nello stesso capitolo, il cui obiettivo è la riflessione sulle competenze trasversali in generale e quelle possedute in particolare, si mette a disposizione dell’aspirante concorsista uno strumento di autovalutazione che consenta al candidato di riflettere sui punti di forza e sulle aree di miglioramento nell’ambito delle proprie competenze.

Nella seconda parte si entrerà nel merito dei test situazionali con alcuni esempi per potersi sperimentare direttamente ed esercitarsi, in maniera tale da potersi orientare rispetto ai comportamenti che più possono essere in linea con le esigenze organizzative in una determinata situazione.

Nella terza parte del volume è presente una selezione di test situazionali utilizzati in occasione dei concorsi 2020/2021 RIPAM e SNA con ampie risposte commentate, per mettere in luce le diverse risposte e, soprattutto, le motivazioni per cui un certo comportamento assunto in una determinata situazione possa considerarsi o meno adeguato.

Sabrina Fazio
Psicologa specializzata in psicologia del lavoro, con particolare riguardo per l’area dell’orientamento e della prevenzione del disagio nel contesto lavorativo. Più volte membro di commissioni di selezione. Formatrice sui temi della gestione della relazione d’aiuto e della comunicazione efficace anche tra colleghi. Attualmente in staff presso l’Università di Bologna per i servizi agli studenti di area medica.
Sabrina Fazio, 2022, Maggioli Editore
14.00 € 13.30 €

Esempi quiz situazionali

In questo paragrafo forniamo esempi sulle principali tipologie di quiz situazionali: intelligenza emotiva (gestione delle emozioni, empatia e comprensione del contesto emotivo), leadership, predisposizione al lavoro di gruppo e problem solving.

Per ogni test sono associate una o più opzioni di risposte comportamentali tra le quali individuare la più efficace e la meno efficace.

Esempio 1: Tu ed un tuo collega state lavorando insieme ad un progetto per una nuova campagna pubblicitaria per la tua azienda. Il progetto dovrà essere esposto a breve al consiglio di amministrazione per l’approvazione. A causa di un improvviso mal di gola, il giorno del consiglio di amministrazione il tuo collega non può esporre ai consiglieri i dettagli del progetto insieme a te. Tu…

più efficace meno efficace
Ti senti molto arrabbiato con il tuo collega perché avreste dovuto fare la presentazione insieme
Reputi che presentare il progetto da solo sia il miglior modo per gestire la situazione
Non ti senti in grado di fare la presentazione da solo ma nonostante questo capisci il tuo collega e non ti senti arrabbiato con lui

 

Esempio 2: Sei a capo di un gruppo produttivo e la direzione ti evidenzia che la produzione del tuo staff
già da diversi mesi è sotto il minimo richiesto. Ti rendi conto effettivamente che i membri del gruppo non si sono impegnati come avrebbero dovuto. Tu…

più efficace meno efficace
Attraverso una modalità partecipativa con i membri del gruppo condividi e ristabilisci ruoli, compiti e responsabilità, in seguito verifichi i risultati
Evidenzi al gruppo quali sono gli obiettivi da raggiungere e periodicamente riunisci tutti per verificare i risultati
Senza confrontarti con nessuno decidi di riformulare ruoli, compiti e responsabilità e in seguito lo comunichi al gruppo
Adotti un comportamento permissivo nei confronti dei membri del gruppo e insieme a loro ristabilisci quali sono i ruoli, i compiti e le responsabilità

 

Esempio 3: È cambiato il responsabile della tua area e il nuovo vuole che settimanalmente ogni dipendente compili una relazione molto dettagliata rispetto all’attività svolta. I dati
richiesti per il report sono diversi rispetto a quelli ai quali eri abituato a dare al precedente
responsabile, per tale ragione senti questa richiesta come un carico di lavoro aggiuntivo.
Tu…

più efficace meno efficace
Parli con il tuo capo e gli spieghi che per potergli fornire i dati richiesti è necessario che ti venga fornito un modello di report
Parli con il tuo capo e gli spieghi che non capisci le ragioni per le quali vengano richiesti i nuovi dati
Cerchi di dare soddisfazione alla richiesta del tuo capo, predisponi il report e prima di renderlo definitivo ti confronti con lui
Proponi al tuo capo il vecchio modello di report e concordi con lui eventuali modifiche da apportare

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome