Home Concorsi pubblici Concorso Polizia e Forze Armate Concorso Polizia Penitenziaria, 411 allievi Vice Ispettori: requisiti e prove

Concorso Polizia Penitenziaria, 411 allievi Vice Ispettori: requisiti e prove

Elena Bucci
concorso polizia penitenziaria

Nuovo Concorso Polizia Penitenziaria: attraverso il provvedimento del 25 novembre 2021 il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – Direzione Generale del Personale e delle Risorse ha indetto una selezione pubblica finalizzata all’assunzione di 411 allievi Vice Ispettori (378 uomini e 33 donne) nei ruoli maschili e femminili degli Ispettori del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Inoltre, il bando specifica che un sesto dei posti disponibili (pari a 69 posti complessivi, 63 uomini e 6 donne), è riservato al personale appartenente ai ruoli del Corpo di Polizia Penitenziaria, in possesso dei prescritti requisiti ad eccezione del limite di età, con almeno tre anni di anzianità di effettivo servizio alla data del bando, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 99 del 14 dicembre 2021.

Concorsi Polizia Penitenziaria 1479 allievi agenti

Nei prossimi paragrafi un approfondimento circa i requisiti indispensabili per partecipare alla procedura, come inviare la domanda e le prove d’esame previste.

Concorso Polizia Penitenziaria: requisiti

Gli aspiranti candidati dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti per partecipare alla procedura concorsuale, alla data di scadenza del bando:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • possesso delle qualità di condotta di cui all’articolo 26 della legge 1 febbraio 1989, n. 53;
  • non aver compiuto il trentaduesimo anno di età. Tale limite è elevato, fino a un massimo di tre anni, in relazione all’effettivo servizio militare prestato dai candidati;
  • diploma di istruzione secondaria superiore che consenta l’iscrizione ai corsi per il conseguimento del diploma universitario;
  • efficienza e idoneità fisica, psichica e attitudinale al servizio di polizia penitenziaria;
  • per il personale appartenente al Corpo di polizia penitenziaria che concorre per la riserva di posti di cui all’articolo 1, comma 2, non aver riportato, nel biennio precedente, una sanzione disciplinare pari o più grave della deplorazione. Si applicano, altresì, le disposizioni contenute negli articoli 93 e 205 del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3.

Concorso Polizia Penitenziaria: invio domande

La domanda di partecipazione al concorso deve essere redatta ed inviata esclusivamente con modalità telematiche, compilando l’apposito modulo (FORM), entro il 13 gennaio 2022.


Per accedere al form di domanda il candidato dovrà utilizzare esclusivamente il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), mentre la piattaforma sarà accessibile a questo indirizzo a partire dal 15 dicembre 2021.

Concorso Polizia Penitenziaria: prove d’esame

La procedura selettiva del concorso si articolerà nelle seguenti fasi:

  • prova preliminare: consisterà in una serie di domande a risposta a scelta multipla, vertenti sulle materie elencate nel bando;
  • prove di efficienza fisica;
  • accertamenti psico-fisici;
  • accertamenti attitudinali;
  • prova scritta: vertente su elementi di diritto penale, di diritto processuale penale e di diritto penitenziario;
  • prova orale: verte, oltre che su elementi di diritto penale, di diritto processuale penale e di diritto penitenziario, oggetto della prova scritta, anche su elementi di ordinamento dell’amministrazione penitenziaria, elementi di diritto costituzionale, elementi di diritto amministrativo ed elementi di diritto civile nelle parti concernenti le persone, la famiglia, i diritti reali, le obbligazioni e la tutela dei diritti.

Nel bando si legge che la data e il luogo di svolgimento della prova preliminare del concorso saranno resi noti dal 22 febbraio 2022, mediante pubblicazione sul sito ufficiale del Ministero della giustizia.

Concorso Polizia Penitenziaria: prova preliminare

La prima fase della procedura selettiva del concorso sarà una prova preliminare, la quale consisterà in una serie di domande a risposta a scelta multipla, vertenti sulle seguenti materie:

  • elementi di diritto penale;
  • elementi di diritto processuale penale;
  • elementi sull’ordinamento dell’amministrazione penitenziaria;
  • elementi di diritto penitenziario;
  • elementi di diritto costituzionale;
  • elementi di diritto amministrativo;
  • elementi di diritto civile nelle parti concernenti le persone, la famiglia, i diritti reali, le obbligazioni e la tutela dei diritti.

Concorso Polizia Penitenziaria: efficienza fisica

Ai fini dello svolgimento della verifica dell’efficienza fisica i candidati dovranno superare in sequenza le seguenti prove ginnico-atletiche entro i tempi indicati a fianco di ciascuna prova:

PROVA UOMINI DONNE NOTE
CORSA 1000 M. TEMPO MAX 3’,55” TEMPO MAX 4’55” —–
SALTO IN ALTO 1,20 M. 1,00 M. MASSIMO

TRE TENTATIVI

PIEGAMENTI SULLE BRACCIA N. 15 N. 10 TEMPO MAX 2’

SENZA INTERRUZIONI

 

Inoltre, il mancato superamento anche di uno solo degli esercizi ginnici previsti determina l’esclusione dal concorso per inidoneità. L’accesso alla prova successiva è subordinato al superamento di quella precedente.

Concorso Polizia Penitenziaria: accertamenti psico-fisici e attitudinali

Di seguito sono elencati i requisiti psico-fisici indispensabili che saranno accertati nel corso della procedura:

  • sana e robusta costituzione fisica;
  • composizione corporea: percentuale di massa grassa nell’organismo non inferiore al sette per cento e non superiore al ventidue per cento per i candidati di sesso maschile, e non inferiore al dodici per cento e non superiore al trenta per cento per le candidate di sesso femminile;
    forza muscolare: non inferiore a quaranta kg per i candidati di sesso maschile, e non inferiore a venti kg per le candidate di sesso femminile;
    massa metabolicamente attiva: percentuale di massa magra teorica presente nell’organismo non inferiore al quaranta per cento per i candidati di sesso maschile e non inferiore al ventotto per cento per le candidate di sesso femminile;
  • senso cromatico e luminoso normale, campo visivo normale, visione notturna sufficiente, visione binoculare e stereoscopica sufficiente;
  • visus non inferiore a 10/10 in ciascun occhio, anche con correzione, purché non superiore alle tre diottrie complessive e in particolare per la miopia, l’ipermetropia, l’astigmatismo semplice (miopico o ipermetrico), tre diottrie in ciascun occhio, per l’astigmatismo composto e misto tre diottrie quale somma dei singoli vizi;
  • funzione uditiva con soglia audiometria media sulle frequenze 500 – 1000 – 2000 – 4000 Hz, all’esame audiometrico in cabina silente non inferiore a 30 decibel all’orecchio che sente di meno e a 15 decibel all’altro (perdita percentuale totale biauricolare entro il 20%);
  • l’apparato dentario deve essere tale da assicurare la funzione masticatoria e, comunque devono essere presenti dodici denti frontali superiori ed inferiori; è ammessa la presenza di non più di sei elementi sostituiti con protesi fissa; almeno due coppie contrapposte per ogni emiarcata tra i venti denti posteriori; gli elementi delle coppie possono essere sostituiti da protesi efficienti; il totale dei denti mancanti o sostituiti da protesi non può essere superiore a sedici elementi.

Per quanto riguarda i requisiti attitudinali da accertare, al candidato sono richiesti, a pena di inidoneità:

  • un livello evolutivo scaturente dalla maturazione globale, dalla esperienza di vita, dalla consapevolezza di se’, dal senso di responsabilità e dagli aspetti salienti del carattere;
  • una stabilità emotiva caratterizzata dalla sicurezza di se’, dalle stabilità del tono umorale, dal controllo emotivo e dall’obiettività operativa;
  • una efficienza intellettuale intesa come capacità di rendimento ai compiti anche dinamico-pratici che richiedono prevalentemente l’attività mentale e l’implicazione dei processi del pensiero, riferita al livello intellettivo globale, alla capacità di osservazione e di giudizio e ai poteri di memorizzazione ed elaborazione del pensiero;
  • una integrazione sociale che consenta di percepire ed attuare i rapporti sociali attraverso comportamenti correlati, definita dall’adattabilità, dalla capacità di relazione, dalla sensibilità e dalla partecipazione attiva.

Scarica il bando




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome