Home Lavoro Green Pass, app per verifica automatica in azienda: le novità del Dpcm

Green Pass, app per verifica automatica in azienda: le novità del Dpcm

green-pass-app-verifica-aziende

Arrivano le disposizioni del Governo sul controllo del Green Pass nei luoghi di lavoro a partire dal 15 ottobre. Il Dpcm firmato nei giorni scorsi dal premier Draghi contiene infatti le regole per la verifica, diversi accorgimenti tecnici che permetteranno di controllare la certificazione in maniera massiva e cercando di evitare affollamenti al momento dell’ingresso nel luogo di lavoro.

Vengono quindi dati alle aziende gli strumenti per sviluppare un’applicazione in grado di controllare il possesso della Certificazione Verde. Questi strumenti, rilasciati dal Ministero della Salute, permetteranno di leggere il QR Code del Certificato senza memorizzarlo. Si legge infatti nel Dpcm che “rimane fermo in ogni caso il divieto di memorizzare o utilizzare per finalità ulteriori le informazioni rilevate dalla lettura dei QR-code e le informazioni fornite in esito ai controlli.

Vediamo quindi come funzionerà l’app e come verrà controllato l’accesso nelle aziende e nelle Pubbliche amministrazioni.

Rientro in presenza PA, arrivano le linee guida: controlli, sanzioni, smart working

Green Pass, app per la verifica del Green Pass in azienda

Come anticipato, verrà fornito alle aziende un pacchetto di sviluppo delle applicazioni  (SDK – Software Development Kit) rilasciato dal Ministero della Salute con licenza open source, che consentirà di integrare le funzionalità di verifica della certificazione verde nei sistemi informativi di controllo accessi fisici dell’amministrazione, nei sistemi di controllo della temperatura (termoscanner) o in soluzioni tipo totem.

Il pacchetto contiene tutte le funzionalità dell’app “VerificaC19” e permette di leggere il QR Code delle Certificazioni verdi. Ogni azienda potrà quindi avere la propria versione dell’app da inserire all’interno dei sistemi già utilizzati per l’accesso dei dipendenti e per la rilevazione della temperatura. Il pacchetto è rilasciato in modalità Open Source, ed è scaricabile senza alcuna registrazione sulla pagina GitHub del Ministero della Salute.

L’SDK si basa sulla piattaforma Android e può essere integrata all’interno dei software per il controllo degli accessi. Per il funzionamento dell’app occorreranno i seguenti requisiti minimi:

  • Fotocamera;
  • Connettività alla rete Internet;
  • Sistema operativo Android a partire dalla versione 7;
  • Memoria interna.

In nessun caso il QR Code dovrà essere conservato dall’azienda.

Obbligo Green Pass lavoratori: tutte le risposte utili per recarsi a lavoro

Green Pass, gli altri metodi di verifica

In attesa che queste app vengano implementate, è comunque possibile utilizzare l’app VerificaC19, già utilizzata nei locali pubblici e in tutti i luoghi in cui in questo momento sia richiesta la verifica della Certificazione verde.

Altre integrazioni sono previste con:

  • Piattaforma NoiPA;
  • Portale istituzionale Inps;
  • Piattaforma dcg.gov.it.

Per quanto riguarda la piattaforma NoiPA, questa permetterà di verificare il possesso del Green Pass per oltre 1,9 milioni di dipendenti pubblici. I delegati designati potranno visualizzare, per ciascun ufficio di servizio o sede di assegnazione la validità delle certificazioni dei relativi dipendenti. Questo può essere fatto inserendo il codice fiscale del dipendente che si intende controllare o selezionando da un elenco i codici dei dipendenti presenti in sede da verificare. Il meccanismo opera sulla stessa base delle modalità di controllo del certificato per il personale scolastico. I dati vengono aggiornati ogni 24 ore.

Il portale Inps, invece, mette a disposizione un nuovo servizio, chiamato appunto “Richiesta verifica Green-Pass”, rivolto ai datori di lavoro delle aziende con più di 50 dipendenti. Questi potranno indicare i verificatori designati che poi controlleranno il certificato dei dipendenti presenti in servizio in sede. Non potranno quindi essere verificati i certificati dei dipendenti in ferie, in malattia, o in smart working.

Per le pubbliche amministrazioni con più di 1.000 dipendenti e che hanno articolazioni di uffici di servizio su più sedi fisiche è prevista anche la verifica mediante interoperabilità applicativa, ovvero chiedendo una abilitazione e l’accreditamento presso il Ministero della Salute per l’accesso alla Piattaforma Nazionale – DGC. Questo permetterà di inserire una lista di codici fiscali all’interno di una pagina della piattaforma, che restituirà l’esito sulla validità o l’esistenza del Green Pass per ogni codice fiscale. Anche in questo caso dovranno essere verificati solamente i dipendenti effettivamente in presenza in sede.

VerificaC19: come funziona l’app e chi può controllare il Green Pass

Green Pass per i lavoratori vaccinati all’estero 

Anche i lavoratori vaccinati all’estero e gli iscritti al Sistema Sanitario Nazionale possono richiedere il Green Pass compilando l’apposito modulo reso disponibile sulla Piattaforma Nazionale-DGC (dgc.gov.it).

Controllo Green Pass in anticipo

Per far fronte ad esigenze di natura organizzativa, come per le attività su turni, sarà possibile chiedere la Certificazione “con l’anticipo strettamente necessario, ciò anche in relazione agli obblighi di lealtà e di collaborazione derivanti dal rapporto di lavoro“.

>> Scarica qui il Dpcm Green Pass 

Controlli Green Pass a campione e a tappeto

Sempre per esigenze organizzative i controlli sulla Certificazione verde possono essere fatti a campione, ma dovrà essere controllato almeno il 20% dei dipendenti ogni giorno, o a tappeto. Per la Pubblica Amministrazione si lavorerà inoltre sulla flessibilità degli orari e sullo scaglionamento degli accessi. Questo richiederà anche un dialogo con l’amministrazione comunale per quanto riguarda la mobilità.

E-book consigliato

La gestione del rischio covid-19: aggiornamento green pass – in formato zip

Guida operativa e strumenti utili per la gestione del rischio nelle attività commerciali, nelle aziende e nei cantieri aggiornata al decreto legge n. 127 del 21 settembre 2021 (estensione obbligo Green Pass)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome