Home Concorsi pubblici Concorso DSGA Concorso DSGA 2021, bozza del decreto: requisiti, prove e valutazione titoli

Concorso DSGA 2021, bozza del decreto: requisiti, prove e valutazione titoli

Elena Bucci

In arrivo il bando del nuovo Concorso DSGA 2021, che regolerà le nuove procedure ordinarie per l’accesso al profilo di Direttore dei Servizi generali e Amministrativi. L’annuncio è stato confermato in un incontro del 24 settembre tra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione. A breve sarà pubblicato il decreto ministeriale che determinerà l’avvio della procedura concorsuale.

Secondo le prime indicazioni fornite dalla bozza del decreto, il concorso si svolgerà su base regionale con frequenza definita ai sensi della normativa vigente, subordinatamente alla disponibilità di posti nel periodo di riferimento, ovvero all’esaurimento, nell’ambito di una o più regioni, delle graduatorie di merito.

Concorsi pubblici 2021: le ultime novità

Vediamo nel dettaglio le prime indicazioni sul concorso previste dalla bozza del decreto che sta circolando negli ultimi giorni.

Concorso DSGA 2021: chi può partecipare

Nella bozza del decreto si legge che “sono ammessi a partecipare alle procedure di cui al
presente decreto coloro che sono in possesso della cittadinanza italiana, o di uno degli Stati
membri dell’Unione europea, oppure cittadinanza di uno Stato diverso da quelli appartenenti all’Unione Europea, qualora ricorrano le condizioni di cui all’articolo 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.”

Inoltre, i titoli di studio richiesti per partecipare al concorso sono diplomi di laurea, delle lauree specialistiche e delle lauree magistrali riportati all’Allegato A, ovvero di analoghi titoli conseguiti all’estero considerati equipollenti o equivalenti ai sensi della normativa vigente:

  • diploma di laurea di vecchio ordinamento in Giurisprudenza, Scienze politiche, sociali o amministrative, Economia e commercio;
  • diploma di laurea specialistica (LS) 22, 64, 71, 84, 102, 57, 60, 70, 88, 89, 99;
  • Laurea magistrali (LM) corrispondenti a quelle specialistiche ai sensi della tabella allegata al D.I. 9 luglio 2009.

La bozza afferma inoltre che i titoli di studio presenti nell’allegato A sono aggiornati, con decreto del Ministro, sulla base di eventuali innovazioni negli ordinamenti universitari.

Concorso DSGA 2021: prove e materie d’esame

La procedura concorsuale del nuovo Concorso DSGA 2021 sarà composta di due prove: una scritta ed una orale, seguite dalla valutazione dei titoli.

La prima sarà una prova scritta, consistente nella risoluzione di 60 quesiti, con quattro opzioni di risposta, somministrati secondo la seguente ripetizione per materia:

  • Diritto Costituzionale e Diritto Amministrativo con riferimento al diritto dell’Unione europea n. 5 quesiti;
  • Diritto civile n. 4 quesiti;
  • Contabilità pubblica con particolare riferimento alla gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche n. 18 quesiti;
  • Diritto del lavoro, con particolare riferimento al pubblico impiego contrattualizzato, n. 10 quesiti;
  •  Legislazione scolastica n. 8 quesiti;
  • Ordinamento e gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche autonome e stato giuridico del personale scolastico n.12 quesiti;
  • Diritto penale con particolare riguardo ai delitti contro la Pubblica Amministrazione n. 3 quesiti.

La seconda fare consisterà in una prova orale, ovvero:

  • un colloquio sulle materie d’esame di cui all’allegato B, che accerta la preparazione
    professionale del candidato sulle medesime e verifica la capacità di risolvere un caso
    riguardante la funzione di DSGA;
  • una verifica della conoscenza degli strumenti informatici e delle TIC di più comune
    impiego;
  • una verifica della conoscenza della lingua inglese attraverso la lettura e traduzione di
    un testo scelto dalla Commissione.

Concorso DSGA 2021: valutazione titoli e prove

La Commissione d’esame, complessivamente, dispone di 150 punti, così ripartiti:

  • 60 per la prova scritta: a ciascuno dei 60 quesiti a risposta multipla è attribuito un punteggio pari a 1 punto, per ogni risposta esatta, e 0 punti per ogni risposta non data o errata. Accedono alla prova orale i candidati che abbiano conseguito un punteggio di almeno 42/60;
  • 60 per la prova orale: la prova è superata dai candidati che conseguono un punteggio
    non inferiore a 42 punti;
  • 30 per i titoli culturali e professionali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome