Home Economia SPID: dal 16 agosto la delega per l’accesso ai servizi Inps. Come...

SPID: dal 16 agosto la delega per l’accesso ai servizi Inps. Come funziona e moduli

spid-inps-delega-come-funziona

Si avvicina la fase di switch-off, il passaggio da PIN all’identità digitale SPID per accedere ai servizi Inps. Dal 1° settembre 2021 infatti non sarà più possibile accedere ai servizi dell’Istituto attraverso il vecchio Pin, ma solo tramite:

  • SPID;
  • Carta d’Identità Elettronica (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Il Pin sarà dismesso definitivamente il 30 settembre, con la sola eccezione delle credenziali rilasciate ai residenti all’estero che non possiedono un documento di riconoscimento italiano.

L’Inps viene incontro a tutti quei cittadini che sono per qualche motivo impossibilitati ad usare in autonomia i servizi online dell’Istituto e che non riescono a dotarsi dell’identità digitale, e con la Circolare numero 127 del 12 agosto 2021 viene introdotta la possibilità di delega delle identità digitali dei cittadini, a partire dal 16 agosto.

Vediamo nei prossimi paragrafi come funzionerà la delega, come può essere richiesta la durata della stessa.

Addio Pin Inps dal 1° settembre: cosa cambia e come si accede ai servizi online

SPID Inps: chi può richiedere la delega

Come specificato dalla Circolare numero 127, la delega può essere fatta da quei cittadini impossibilitati ad accedere autonomamente ai servizi Inps che nominano una persona di loro fiducia all’esercizio dei propri diritti nei confronti dell’Istituto.

La delega, sempre secondo la Circolare, “è anche lo strumento attraverso il quale i tutori, i curatori, gli amministratori di sostegno e gli esercenti la potestà genitoriale possono esercitare i diritti dei rispettivi soggetti rappresentati e dei minori.

SPID Inps: come richiedere la delega

La richiesta di delega può essere fatta direttamente dal delegante presso una qualsiasi Struttura territoriale dell’INPS presentando i seguenti documenti:

  • modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale (mod. AA08);
  • copia di un documento di identità del delegante.

Al termine della registrazione l’Inps invierà una notifica a delegante e delegato attraverso i contatti indicati nel modulo.

La richiesta può essere presentata anche da persone diverse dal delegante, nei seguenti casi:

  • tutori, curatori e amministratori di sostegno;
  • esercenti la potestà genitoriale;
  • persone allettate per lunga durata, ricoverate o impossibilitate a recarsi presso gli sportelli dell’Istituto a causa di patologie.

Nel primo caso, tutori, curatori e amministratori di sostegno dovranno presentare all’Istituto i seguenti documenti:

  • modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale per tutori, curatori, amministratori di sostegno e minori (mod. AA10);
  • copia dei documenti di identità sia del richiedente che del tutelato;
  • autocertificazione di rappresentanza legale o copia del provvedimento di nomina emesso dal giudice.

Gli esercenti la potestà genitoriale possono richiedere la registrazione della delega per conto del minore presentando la seguente documentazione:

  • modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale per tutori, curatori, amministratori di sostegno e minori (mod. AA10);
  • documento di identità del richiedente;
  • autocertificazione attestante la potestà genitoriale.

Infine, per quanto riguarda le persone allettate o comunque impossibilitate a recarsi presso uno sportello a causa di patologie, la registrazione della delega potrà essere richiesta anche attraverso il delegato che dovrà produrre la seguente documentazione:

  • modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale per impossibilitati a recarsi presso la Struttura territoriale INPS per motivi di salute (mod. AA09);
  • attestazione sanitaria prodotta da un medico del SSN attestante l’impossibilità del delegante a recarsi presso la Struttura INPS;
  • copia del documento di identità del delegato;
  • documento di identità originale del delegante.

I moduli sono scaricabili dal portale Inps, alla sezione “Prestazioni e Servizi > Moduli” o in alternativa cliccando sui link che seguono:

SPID Inps: come funziona la delega

Una volta ottenuta la delega, il delegato potrà accedere ai servizi Inps attraverso la propria identità digitale. Al momento dell’accesso, vi sarà la possibilità di scegliere se operare in prima persona oppure in luogo e per conto del delegante. Le attività svolte dal delegato in luogo del delegante sono tracciate.

Il delegato può operare per conto del delegante anche presso gli sportelli dell’Istituto e non solo attraverso i servizi online. In questo caso il delegato dovrà essere identificato come tale presentando un documento di identità.

Ogni persona può designare un solo delegato, mentre il delegato può essere designato tale da un massimo di 5 persone. Quindi, per esempio, una coppia di genitori anziani può attribuire entrambe le deleghe a un solo figlio.

Ai tutori, ai curatori e agli amministratori di sostegno non si applica il limite di 5 deleghe.

SPID Inps: quanto dura la delega

Al momento della richiesta, all’interno del modulo, è possibile scegliere se la delega deve essere valida per un determinato periodo di tempo o se sarà valida a tempo indeterminato. In ogni caso il delegante può scegliere in qualsiasi momento di revocare la delega, ad esclusione dei soggetti sotto tutela, curatela e amministrazione di sostegno.

Scarica il testo della Circolare Inps numero 127 del 12 agosto 2021



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome