Home Concorsi pubblici Concorso MIMS 2021, 120 funzionari: chi partecipa e prove

Concorso MIMS 2021, 120 funzionari: chi partecipa e prove

concorso-mims-2021-120-funzionari

Con avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 60 del 30 luglio 2021, è indetto un concorso pubblico, per titoli ed esame, per il reclutamento di complessive 120 unità di personale non dirigenziale, a tempo pieno ed indeterminato, da inquadrare nell’area funzionale III, fascia retributiva 1, nel profilo professionale di funzionario ingegnere architetto e di funzionario geologo, per le esigenze delle sedi centrali, decentrate e periferiche dell’amministrazione, presso il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili (MIMS).

I posti sono così divisi:

  • 100 posti nel profilo professionale funzionario ingegnere architetto – Codice A;
  • 10 posti nel profilo professionale funzionario ingegnere architetto (ingegnere gestionale) – Codice B;
  • 10 posti nel profilo professionale funzionario geologo – Codice C.

Vediamo nei prossimi paragrafi i requisiti di partecipazione, come fare domanda e quali saranno le prove del concorso.

Tutte le novità sui concorsi pubblici

Concorso MIMS 2021, 120 funzionari: requisiti

Per partecipare al concorso è necessario il possesso dei seguenti requisiti generali, comuni a tutti i profili:

  • essere cittadino italiano o di altro Stato membro dell’Unione europea o suo familiare non avente la cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente o cittadino di Paesi terzi che sia titolare del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o che sia titolare dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;
  • non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • non avere riportato la pena accessoria dell’estinzione del rapporto di lavoro o di impiego ai sensi dell’art. 32-quinquies del codice penale;
  • non essere incompatibile in base alla normativa vigente con lo status di dipendente pubblico;
  • non essere interdetto dai pubblici uffici a seguito di sentenza;
  • per i candidati soggetti agli obblighi di leva, avere una posizione regolare nei riguardi dei relativi obblighi.

Sono poi richiesti dei requisiti specifici, che variano al seconda del profilo professionale per il quale si intende concorrere e che riguardano soprattutto il titolo di studio. Questi sono elencati esaustivamente all’interno del bando.

Scarica il bando

Concorso MIMS 2021, 120 funzionari: domanda

La domanda di partecipazione al concorso va inviata esclusivamente online tramite la piattaforma Step One 2019. Sarà richiesto il possesso delle credenziali digitali SPID e di un indirizzo di Posta Elettronica certificata (PEC) personale.

Per la partecipazione è altresì richiesto il pagamento della tassa di concorso di 10 euro effettuabile seguendo le modalità indicate durante la presentazione della domanda sulla piattaforma.

Sarà possibile fare domanda fino alle ore 23:59:59 del 30 agosto 2021.

Concorso MIMS 2021, 120 funzionari: prove

La procedura di selezione seguirà le seguenti fasi:

  • preselezione tramite valutazione dei titoli;
  • prova scritta digitale.

La valutazione dei titoli è finalizzata all’ammissione alla prova scritta di un numero di candidati, per ciascuno dei profili professionali, pari a venti volte il numero dei posti messi a concorso.

Il punteggio conseguito nella valutazione dei titoli concorre alla formazione del voto finale di merito in misura non superiore ad un terzo, e avverrà mediante il ricorso a piattaforme digitali. Verranno presi in considerazione:

  • votazione conseguita nel titolo di studio richiesto dal bando;
  • conseguimento di altre lauree oltre a quelle richieste dal bando;
  • conseguimento dottorato di ricerca.

La prova scritta sarà distinta per ogni profilo professionale, avrà una durata di 60 minuti e consisterà nella risoluzione di sessanta quesiti a risposta multipla. A ciascuna risposta è attribuito il seguente punteggio:

  • risposte corrette: + 0,50
  • risposte errate: – 0,05
  • non date: 0

Per maggiori dettagli sul concorso e sul programma d’esame, si rimanda al bando.

Per la tua preparazione visita lo Shop Maggioli Editore



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome