Home Concorsi pubblici Concorso Ministero Salute, 29 tecnici: chi partecipa, domanda e prove

Concorso Ministero Salute, 29 tecnici: chi partecipa, domanda e prove

Elena Bucci
concorso ministero salute

In arrivo nuove assunzioni in area tecnica con il Concorso Ministero Salute, per titoli ed esami, per l’assunzione a tempo pieno e determinato, con durata non superiore a tre anni, di 29 profili di tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, da inquadrare nell’area III – F1, per le esigenze degli uffici periferici presso gli Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera (USMAF) – Servizi di Assistenza Sanitaria ai Naviganti (SASN), nonché presso gli Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari (UVAC) – Posti di Controllo Frontaliero (PCF) del Ministero della salute.

Concorsi pubblici 2021: le ultime novità

Vediamo ora nei prossimi paragrafi tutti i requisiti per poter partecipare al concorso, le modalità di invio della domanda e le prove d’esame.

Concorso Ministero Salute: requisiti

Per poter partecipare al Concorso Ministero Salute i candidati dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti generici:

  • cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di altro Stato membro dell’Unione Europea;
  • godere dei diritti civili e politici;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • essere in regola nei confronti degli obblighi di leva militare (solo per i concorrenti tenuti al rispetto dell’obbligo);
  • conoscenza della lingua inglese;
  • conoscenza delle apparecchiature e applicazioni informatiche più diffuse.

Per l’ammissione al concorso, inoltre, i candidati devono essere in possesso, alla data di scadenza del bando, dei requisiti specifici seguenti:

  • aver conseguito uno dei seguenti titoli di studio:
    – laurea specialistica o laurea magistrale appartenente ad una delle classi delle lauree
    SNT/04/S Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione (DM 509/99) e
    LM/SNT4 Scienze delle professioni sanitarie della prevenzione (DM 270/04).
    – laurea appartenente ad una delle classi delle lauree SNT/04 Scienze delle professioni
    sanitarie della prevenzione (DM 509/99) e L/SNT4 Scienze delle professioni sanitarie
    della prevenzione (DM 270/04).
    – diploma universitario in Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro
    istituito ai sensi della legge 341/1990.
  • iscrizione in Italia all’albo della professione sanitaria di tecnico della prevenzione
    dell’ambiente e dei luoghi di lavoro;

Concorso Ministero Salute: invio domande

La domanda di partecipazione deve essere presentata utilizzando la piattaforma di iscrizione ai concorsi pubblici.
La procedura di compilazione della domanda sarà attiva dalle ore 00.01 del giorno 21 luglio 2021 fino alle ore 23.59.59 del giorno 19 agosto 2021.

L’accesso alla procedura di compilazione delle domande deve avvenire unicamente attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID). Ai candidati è richiesto, inoltre, il possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) personale e attivo.

Concorso Ministero Salute: prove d’esame

I candidati saranno sottoposti ad un’unica prova orale vertente sulle materie riportate nel bando, il cui superamento è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza
espressa con il punteggio di almeno 21/30.

Nel corso dell’esame orale sarà, inoltre, accertata la conoscenza della lingua inglese e delle
apparecchiature e applicazioni informatiche più diffuse.

Per ulteriori informazioni scarica il bando ufficiale.

Concorso Ministero Salute: valutazione titoli

La commissione esaminatrice dispone, complessivamente, di 40 punti così ripartiti:

  • 10 punti per la valutazione del curriculum formativo e professionale;
  • 30 punti per l’esame orale.

I punti per la valutazione dei titoli riportati nel curriculum formativo e professionale sono così ripartiti:

  • 5 punti per i titoli derivanti dalla valutazione del curriculum formativo;
  • 5 punti per i titoli derivanti dalla valutazione del curriculum professionale.

Saranno presi in considerazione esclusivamente i titoli di studio ulteriori attinenti le materie che consentono l’accesso a professioni sanitarie, di seguito riportati:

  • diploma di laurea triennale, ulteriore rispetto al titolo di accesso, o per il conseguimento della laurea specialistica o magistrale del titolo di accesso;
  • diploma di laurea specialistica o magistrale, ulteriore rispetto al titolo di accesso;
  • dottorato di ricerca;
  • diploma di specializzazione universitaria;
  • master o perfezionamento universitario di II livello;
  • master universitario di I livello;
  • corsi di durata superiore a sei mesi e con esame finale positivamente superato.

Concorsi istruttori tecnici 2021: tutti i bandi pubblicati e come prepararsi



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome