Home Economia Vaccini in vacanza: come funzionerà e chi potrà farli

Vaccini in vacanza: come funzionerà e chi potrà farli

vaccini-in-vacanza

È stato il Generale Figliuolo a dare il via libera alla possibilità di fare i vaccini in vacanza. Regioni e struttura commissariale sono al lavoro per gestire le modalità di prenotazione e la logistica, più dosi dovranno infatti essere smistate verso le Regioni con un’attrazione turistica più alta.

“Flessibilità” è la parola chiave indicata dal Commissario straordinario, che viene già usata riguardo alla somministrazione della seconda dose, relativamente alla possibilità di spostare i richiami in base ai bisogni dei cittadini, seguendo comunque la finestra temporale prevista per i diversi sieri tra un’inoculazione e l’altra.

Con la possibilità di vaccinarsi in vacanza proseguono le misure in vista dell’estate. Con i contagi in diminuzione, una campagna vaccinale sempre più spedita e l’arrivo del Green Pass UE per i viaggi, si prevede una stagione più serena per gli italiani.

Green Pass europeo, l’approvazione definitiva: si parte il 1° luglio

Vaccini in vacanza: chi potrà farli

La proposta avanzata dalle Regioni e approvata dal Commissario straordinario prevede la possibilità per i viaggiatori di effettuare la seconda dose in vacanza. Solo chi ha ricevuto la prima dose quindi potrà ricevere il richiamo nella Regione in cui andrà in vacanza.

Un’altra questione riguarda la durata del soggiorno. Il Generale Figliuolo ha affermato che la vaccinazione in vacanza potrà avvenire “in casi particolari“. Non si parla di vacanze brevi, è molto probabile che a richiedere di essere vaccinati in vacanza possano essere i cittadini italiani che si rechino in altre regioni per un soggiorno superiore a due settimane e che quindi non siano in quella regione solo di passaggio.

Questo riduce di molto la platea di beneficiari, sono molti infatti gli italiani che preferiscono soggiorni brevi, e un periodo di ferie superiore a due settimane può essere limitante. Inoltre, molti italiani riceveranno la prima dose proprio in estate, per cui è probabile che la seconda dose venga effettuata al ritorno dalle vacanze.

In ogni caso, si attendono conferme ufficiali circa la durata del soggiorno.

Vaccini in vacanza: come funzionerà

Come già anticipato, Regioni e struttura commissariale sono al lavoro per rifinire le questioni logistiche e burocratiche. Per poter ricevere il vaccino in una regione diversa da quella di residenza occorrerà potenziare il dialogo tra diversi Sistemi Sanitari Regionali. Solo così i dati delle tessere sanitarie potranno essere scambiati e si potrà rendere possibile la prenotazione. Per questo motivo è possibile che i turisti che provengono dall’estero possano essere esclusi dalla misura.

Occorrerà dimostrare la durata del soggiorno e di non essere di passaggio, comunicare l’autorizzazione al trattamento dei dati personali, e in base all’interoperabilità dei sistemi di prenotazione potrebbe essere possibile utilizzare il portale della Regione presso la quale ci si sta recando.

Vaccini in farmacia: chi può farli, dove, prenotazioni Regione per Regione

Vaccini in vacanza: protocollo Piemonte-Liguria

Già nel mese di maggio il Piemonte e la Liguria avevano anticipato la questione dei vaccini in vacanza siglando un protocollo d’intesa che riguarda la possibilità di vaccinazione per i cittadini residenti in Piemonte di vaccinarsi in Liguria e viceversa. Il soggiorno, come spiegato in una nota della Regione Piemonte, “deve avvenire a scopo turistico durante il periodo estivo e per una durata che rende difficoltosa la somministrazione del vaccino nel territorio di residenza“, in questo caso si parla di una settimana. Anche in questo caso le due Regioni hanno dovuto assicurare l’interoperabilità dei rispettivi portali.

Vaccini in vacanza: distribuzione delle dosi

Per quanto riguarda la redistribuzione delle dosi, si pensa a un meccanismo a compensazione. Saranno le Regioni a comunicare alla struttura commissariale il numero di dosi somministrate ai non residenti, in modo da ricevere un numero adeguato di dosi al successivo approvvigionamento.

Vaccini in vacanza: viaggi e Green Pass

Dal 1° luglio si partirà con il Green Pass europeo, il certificato che permetterà gli spostamenti in Europa senza l’obbligo di quarantena o di ulteriori test. Il certificato sarà rilasciato ai cittadini che:

  • sono stati vaccinati contro il SARS-CoV-2;
  • sono guariti da un’infezione da SARS-CoV-2;
  • hanno effettuato un tampone per la ricerca di SARS-CoV-2 con esito negativo.

Con il Green Pass i cittadini italiani ed europei potranno recarsi in tutti i paesi dell’UE senza restrizioni all’ingresso, con la possibilità di somministrazione della seconda dose in vacanza sarà più facile ottenerlo già in estate.

Vaccini Covid aperti a tutti: come prenotare Regione per Regione



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome