Home Economia Pass verde per spostamenti, da metà maggio: durata, come funziona

Pass verde per spostamenti, da metà maggio: durata, come funziona

La certificazione verde arriva dalla seconda metà di maggio e consente di muoversi anche per fini turistici

pass spostamenti regioni e calendario riaperture

Dal 26 aprile è iniziato il lento ritorno alla normalità con le prime riaperture, e l’annuncio dell’arrivo di un Pass verde per spostamenti tra Regioni di colore diverso e in tutto il territorio nazionale, anche per fini turistici. La certificazione vaccinale arriva dalla seconda metà di maggio.

Il premier Mario Draghi nel corso della conferenza stampa di chiusura del G20 sul turismo ha annunciato che, in attesa del pass europeo a giugno, dalla seconda metà di maggio sarà operativa la certificazione verde nazionale, per spostarsi tra Regioni, in tutto il Paese e per i turisti che vogliono visitare l’Italia.

“A partire dalla seconda metà di giugno sarà pronto il Green pass europeo. Nell’attesa il governo italiano ha introdotto un pass verde nazionale, che entrerà in vigore a partire dalla seconda metà di maggio”, ha annunciato Draghi.

Ad annunciare l’allentamento delle restrizioni, con il decreto riaperture era stato lo stesso premier Mario Draghi il 16 aprile in conferenza stampa: in seguito c’è stata poi l’approvazione del Decreto Riaperture, con le nuove misure in vigore dal 26 aprile.

Il premier aveva esordito parlando delle riaperture di fine aprile come “un rischio ragionato, un rischio fondato sui dati che sono in miglioramento”. Nel corso della stessa conferenza è stato anche precisato che questi allentamenti riguardano anche gli spostamenti: saranno infatti permessi in un primo momento solamente tra le zone gialle, ma in seguito sarà introdotto un pass per potersi spostare tra regioni classificate in fasce di rischio diverse.

Le prime indicazioni sul “Certificato verde” e sul suo sul contenuto sono poi state inserite con il Decreto Riaperture.

Ora l’annuncio che il Pass vaccinale sarà operativo dalla seconda metà di maggio. Si attende solo l’ordinanza del Ministro della salute, Roberto Speranza, con le istruzioni operative sul certificato.

>> Decreto Riaperture: cosa cambia dal 26 aprile. Le regole <<

Spostamenti tra Regioni e Pass verde 

Dal 26 aprile è quindi tornata la zona gialla nel Paese. Un giallo che consente di oltrepassare i confini regionali e consente lo spostamento tra Regioni anche di colore diverso. Senza limiti tra regioni di colore giallo. Invece, per andare dalle gialle in quelle arancioni o rosse sarà obbligatorio esibire la Certificazione verde, descritta nell’articolo 10 del nuovo Decreto e dall’annuncio del premier Draghi. Il pass sarà operativo dalla seconda metà di maggio. 

La Certificazione verde è l’inizio del proclamato passaporto sanitario o vaccinale europeo (che invece arriverà dalla seconda metà di giugno), che attesterà una di queste 3 condizioni:

  • avvenuta vaccinazione,
  • esecuzione di un test covid negativo,
  • avvenuta guarigione dal Covid.

Le certificazioni verdi rilasciate dagli Stati membri dell’Unione sono riconosciute valide in Italia. Quelle di uno Stato terzo se la vaccinazione è riconosciuta come equivalente a quella valida sul territorio nazionale.” E’ quanto prevede il decreto sulle riaperture approvato in Cdm nel passaggio in cui si disciplina il “green Pass” per la circolazione tra Regioni italiane anche di diverso colore.

>> Passaporto covid Ue: come funziona il Certificato Verde <<

Pass verde per spostamenti: come funziona 

Come detto è un anticipo del passaporto sanitario che farà capolino in estate in Europa, e che in Italia quindi verrà introdotto prima: dalla seconda metà di maggio. Arriveranno in seguito altre istruzioni operative con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, adottato di concerto con i Ministri della salute, dell’innovazione tecnologica e dell’economia e delle finanze, sentito il Garante per la protezione dei dati personali.

Nel frattempo il testo del decreto covid approvato in Cdm e in vigore dal 26 aprile al 31 luglio conferma che “Dal 26 aprile chi è munito di certificazione verde potrà spostarsi da una Regione all’altra anche se si tratta di zone rosse o arancioni.”

> Spostamenti, autocertificazione o pass verde: cosa usare e quando <

Il pass avrà una validità di 6 mesi e attesterà quindi una di queste 3 condizioni:

  • avvenuta vaccinazione,
  • esecuzione di un test covid negativo nelle 48 ore precedenti
  • avvenuta guarigione dal Covid (da meno di 6 mesi)

La Certificazione verde potrà essere rilasciata in formato cartaceo o digitale, da:

  • Strutture sanitarie che hanno effettuato la vaccinazione;
  • Medici di Medicina Generale e Pediatri;
  • Strutture dove i pazienti affetti da Covid sono stati ricoverati;

La Certificazione verde avrà una durata di 48 ore se rilasciata a seguito di test negativo da:

  • strutture sanitarie pubbliche;
  • strutture sanitarie private autorizzate e accreditate;
  • farmacie.

Il passaporto servirà per diverse tipologie di spostamento:

  • muoversi tra Regioni di colore diverso,
  • partecipare a eventi nazionali, culturali e sportivi.

Pass verde per spostamenti: card digitale

Dunque, per oltrepassare i confini di regioni che si trovano in fascia di rischio arancione o rossa sarà indispensabile aver fatto il vaccino, essere guariti dal Covid-19, oppure presentare un tampone antigenico o molecolare negativo effettuato nelle 48 ore precedenti al viaggio.

A questo proposito il Ministro della Salute Roberto Speranza ha anticipato che il pass non arriverà prima dell’estate, e che le ipotesi in campo per la sua realizzazione sono tre:

  • certificato della Asl o una autocertificazione che attesti i requisiti richiesti;
  • tesserino sanitario, sul quale verrebbero caricati i dati;
  • tessera digitale.

E’ infatti probabile che, proprio come nel caso del green pass europeo, si utilizzi una versione digitale attraverso un’app con un Qrcode: sarà valutata anche la possibilità di avvalersi dell’app IO, già usata per il cashback e attivata da dieci milioni di italiani.

Calendario riaperture aprile, maggio, giugno e luglio 

Si comincia dunque il 26 aprile con il ritorno alle fasce gialle e con le prime riaperture, che seguiranno un calendario di massima, pronto a garantire un sempre maggiore allentamento lungo il corso di aprile, maggio, giugno e luglio, quando (in teoria) la campagna vaccinale dovrebbe aver preso un forte slancio.

Ecco la roadmap e il cronoprogramma annunciati da Draghi e dal ministro Roberto Speranza nella conferenza stampa del 16 aprile.

  • Dal 26 aprile si torna quasi tutti a scuola in presenza e in classe: continueranno a rotazione presenza/distanza tra il 50 e il 75% solo gli studenti delle superiori nelle zone rosse,
  • dal 26 aprile nelle zone gialle i ristoranti, bar, pab, gelaterie possono aprile la sera, solo se hanno tavoli all’aperto,
  • dal 26 aprile consentiti sport di contatto, calcetto compreso, all’aperto,
  • dal 26 aprile riaprono cinema e teatri nelle zone gialle, solo con il 50% dei posti fino a un massimo di 500 persone,
  • sempre dal 26 aprile, riaprono i musei, solo nelle zone gialle e solo nei giorni feriali,
  • dal 3 maggio aumentano le lezioni in presenza all‘Università (decideranno gli Atenei come),
  • dal 1° giugno i clienti di ristoranti, bar, pub e gelaterie possono consumare anche all’interno dei locali,
  • dal 15 maggio riparte dal stagione balneare: stabilimenti aperti ma solo con i lettini a 1 metro di distanza,
  • dal 15 maggio riaprono anche le piscine all’aperto: due metri fuori dall’acqua tra una persona e l’altra e uno spazio tra i 7 e i 10 metri quadrati per ogni bagnante in vasca,
  • dal 1° giugno riaprono le palestre: due metri di distanza da ogni altro atleta e negli spazi comuni andrà indossata la mascherina, si potranno usare docce e spogliatoi ma sempre a 2 metri di distanza,
  • dal 1° luglio via libera a tuffi nei parchi acquiatici, piscine degli stabilimenti termali,
  • il 1° luglio riapriranno al pubblico le fiere e i congressi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome