Home Concorsi pubblici Concorsi Ripam, il Formez revoca le gare telematiche: ecco perché

Concorsi Ripam, il Formez revoca le gare telematiche: ecco perché

concorsi-ripam-revoca-novita

Come verranno svolti i concorsi Ripam e cosa succederà adesso? Ce lo siamo chiesti in tanti leggendo l’avviso di revoca delle procedure negoziate pubblicato dal Formez PA.

Facciamo innanzitutto un po’ di chiarezza. Il 26 gennaio 2021 erano stati pubblicati sul sito di Formez PA degli avvisi di indagine di mercato, 19 in particolare, per individuare gli operatori economici da invitare ad altrettante procedure negoziate per la locazione temporanea di locali, con annessi servizi e attrezzature, per lo svolgimento delle prove preselettive e selettive dei concorsi gestiti da Formez PA.

Gli avvisi riguardavano la locazione temporanea di locali situati nel territorio delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia‐Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Val d’Aosta e Veneto.

Vediamo nei prossimi paragrafi i motivi della revoca delle procedure negoziate e cosa succederà dopo per i concorsi Ripam.

Tutte le novità sui concorsi pubblici

Concorsi Ripam: l’avviso di revoca

Pubblicato sul sito istituzionale di Formez PA oggi, 21 aprile 2021, l’avviso di revoca spiega le ragioni per le quali l’Istituto ha ritenuto di procedere con la revoca delle procedure negoziate per l’individuazione delle sedi regionali.

Per prima cosa, degli avvisi pubblicati il 26 gennaio che ricordiamo essere 19, uno per ogni regione interessata, 7 erano andati deserti. Si era quindi provveduto a dare avvio a 12 procedure negoziate per Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia‐Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Veneto. Al 16 aprile, data del termine per la presentazione delle offerte, solo le procedure per Campania, Emilia Romagna, Lazio e Sardegna non erano andate deserte. Su 19 Regioni quindi, solo in 4 erano state presentate delle offerte.

Inoltre, la riforma dei concorsi pubblici contenuta all’interno del Decreto-legge n. 44 del 1° aprile 2021 ha introdotto nuove misure riguardo ai concorsi, integrati dalla nota del 15 aprile del Dipartimento della Funzione Pubblica che ribadisce l’esigenza di concludere i concorsi in tempi rapidi, avvalendosi di un unico sistema informativo per lo svolgimento delle prove selettive. A questi si aggiunge anche il nuovo Protocollo per lo svolgimento dei Concorsi pubblici che introduce nuove disposizioni per i locali e le attrezzature da utilizzare per i concorsi.

Concorsi Ripam: cosa succede ora

In base alle disposizioni del precedente paragrafo, Formez PA dovrà adesso dotarsi, nel più breve tempo possibile, di un servizio integrato per l’organizzazione dei concorsi sul territorio nazionale, garantendo equità e parità di trattamento dei candidati e il ricorso a misure di sicurezza a tutela della salute pubblica.

Le basi di questo servizio integrato saranno:

  • una piattaforma digitale proprietaria che garantisca adeguati livelli di sicurezza e tutela dell’anonimato dei candidati per l’espletamento delle prove concorsuali e connessi servizi, avente i requisiti di capacità tecnica, professionale e di qualità qualificati da AgID;
  • la disponibilità della strumentazione tecnico‐informatica necessaria e i servizi correlati per lo svolgimento delle prove preselettive e selettive dei concorsi, rispettando i requisiti
    minimi delle dotazioni informatiche, sia in termini di hardware sia di software;
  • servizi e attrezzature che possiedano i requisiti richiesti dal Protocollo per lo svolgimento dei concorsi pubblici;
  • la locazione temporanea di idonei locali, dotati dei requisiti richiesti dal Protocollo e situati nel territorio nazionale in un numero significativo delle Regioni, tenendo conto della popolazione e del numero stimato e della provenienza geografica attesa dei candidati.

Per questo motivo si attendono aggiornamenti nel breve periodo, con le nuove procedure che Formez PA dovrà implementare per adeguarsi alla nuova linea imposta dalla Riforma dei concorsi pubblici.

Resta aggiornato sui concorsi con la nostra Newsletter



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome