Home Concorsi pubblici Concorso Polizia e Forze Armate Concorso VFP4 Forze Speciali, 54 posti riservati ai VFP1 dell’Esercito: come partecipare

Concorso VFP4 Forze Speciali, 54 posti riservati ai VFP1 dell’Esercito: come partecipare

concorso-vfp4-54-posti-forze-speciali

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 28 del 9 aprile 2021, è indetto un concorso straordinario, per titoli ed esami, per il reclutamento di 54 volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP4) nelle Forze Speciali dell’Esercito Italiano. Il concorso è riservato ai volontari VFP1 dell’Esercito in servizio, anche in rafferma annuale, o in congedo per fine ferma, in possesso della qualifica di operatore basico per le operazioni speciali (OBOS).

Al concorso di applica una riserva del 10% dei posti a favore di:

  • diplomati presso le scuole militari;
  • assistiti dell’Opera nazionale di assistenza per gli orfani dei militari di carriera dell’Esercito;
  • assistiti dell’Istituto Andrea Doria, per l’assistenza dei familiari e degli orfani del personale della Marina militare;
  • assistiti dell’Opera nazionale figli degli aviatori;
  • assistiti dell’Opera nazionale di assistenza per gli orfani dei militari dell’Arma dei
    Carabinieri;
  • figli di militari deceduti in servizio.

Vediamo nei prossimi paragrafi quali sono i requisiti per partecipare al concorso, come fare domanda e quali saranno le prove d’esame.

Tutti i bandi per le Forze Armate 2021

Concorso VFP4 Forze Speciali: requisiti

Possono partecipare al concorso straordinario i volontari VFP1 dell’Esercito in servizio, anche in rafferma annuale, o in congedo per fine ferma, in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il giorno del compimento del trentesimo anno di età;
  • possesso del diploma di istruzione secondaria di primo grado (ex scuola media inferiore);
  • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di pubbliche amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate o di polizia, a esclusione dei proscioglimenti a domanda e per inidoneità psico-fisica e quelli disposti ai sensi dell’art. 957, comma 1,
    lettere b) ed e-bis) del Codice dell’ordinamento militare;
  • non essere stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna;
  • non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;
  • non avere in atto un procedimento disciplinare avviato a seguito di un procedimento penale per delitto non colposo che non si sia concluso con sentenza irrevocabile di assoluzione perché il fatto non sussiste ovvero perché l’imputato non lo ha commesso;
  • non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • aver tenuto condotta incensurabile;
  • non aver tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
  • idoneità psico-fisica e attitudinale per l’impiego nelle Forze armate in qualità di volontario in servizio permanente;
  • esito negativo agli accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool e per l’uso, anche saltuario od occasionale, di sostanze stupefacenti nonché per l’utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico.

In aggiunta, i candidati devono anche essere in possesso della qualifica di operatore basico per le operazioni speciali (OBOS) dell’Esercito.

Concorso VFP4 Forze Speciali: domanda

Per presentare la domanda di partecipazione occorre accedere al portale concorsi della Difesa, all’indirizzo “concorsi.difesa.it“. È possibile registrarsi al Portale tramite:

  • SPID;
  • Email, numero di cellulare e documento di identità;
  • CIE;
  • CNS;
  • Carta Multiservizi della Difesa.

La domanda di partecipazione andrà inviata dal 14 aprile al 13 maggio 2021. Nella domanda andranno indicati, oltre al possesso dei requisiti sopraccitati:

  • indirizzo di posta elettronica ed eventuale indirizzo di posta elettronica certificata;
  • numero di utenza di telefonia mobile e di telefonia fissa;
  • per i concorrenti in servizio, la data di decorrenza giuridica quale VFP 1 e il relativo blocco, nonché l’Ente o reparto di appartenenza;
  • per i concorrenti in congedo, le date di decorrenza giuridica quale VFP 1 e di congedo, il relativo blocco, nonché l’ultimo Ente o reparto di appartenenza;
  • il numero di matricola.

>> Speciale Concorsi Polizia e Forze Armate <<

Concorso VFP4 Forze Speciali: prove

La procedura concorsuale del Concorso Vfp4 Forze speciali prevede 4 distinte fasi:

  • prova di selezione a carattere culturale, logico-deduttivo e professionale;
  • accertamento dell’idoneità psico-fisica e attitudinale;
  • prove di efficienza fisica con gli stessi parametri tra uomini e donne;
  • valutazione dei titoli.

La prova di selezione a carattere culturale, logico-deduttivo e professionale consisterà in una serie di 100 domande a risposta multipla su:

  • matematica;
  • italiano;
  • cittadinanza e costituzione;
  • ordinamento e regolamenti militari;
  • storia;
  • geografia;
  • scienze;
  • inglese;
  • deduzioni logiche.

Per quanto riguarda l’accertamento dell’idoneità psico-fisica e attitudinale, questo comprenderà:

  • accertamento dell’idoneità fisio-psico-attitudinale per l’impiego nelle Forze armate in qualità di volontario in servizio permanente;
  • accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool e per l’uso, anche saltuario od occasionale, di sostanze stupefacenti, nonché per l’utilizzo di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico.

Le prove di efficienza fisica consisteranno nei seguenti esercizi da effettuarsi con gli stessi parametri per uomini e donne, specificati nell’Allegato F del bando:

  • Corsa piana 2.000 metri;
  • Trazioni alla sbarra;
  • Piegamenti sulle braccia;
  • Piegamenti addominali;
  • Piegamenti alle parallele;
  • Marcia zavorrata.

Infine, per quanto riguarda la valutazione dei titoli, verranno considerati:

  • periodi di servizio prestati in qualità di VFP 1 ovvero in rafferma;
  • missioni in territorio nazionale e all’estero;
  • valutazione relativa all’ultimo documento caratteristico;
  • riconoscimenti, ricompense e benemerenze;
  • titolo di studio;
  • eventuali altri attestati, brevetti e abilitazioni possedute, compresa la conoscenza di lingue straniere;
  • ferite subite per atti ostili in attività operativa sia in territorio nazionale che all’estero, che abbiano comportato l’assenza dal servizio per un periodo superiore a novanta giorni.

Tute le altre informazioni sulle prove e sulla presentazione della domanda sono disponibili all’interno del bando, scaricabile a questo indirizzo.

Per la tua preparazione visita lo Shop Maggioli Editore



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome