Home Economia Cosa sono (davvero) i fake: dalle news ai follower

Cosa sono (davvero) i fake: dalle news ai follower

Benedetto Motisi
fake news

Il forum madrileno di Fake News: come combattere le notizie false in Europa ha lanciato l’allarme: entro il 2022 consumeremo più fake news che notizie verificate e non ci sarà sufficiente capacità tecnica e di tempistiche per eliminarle.

In Italia si è precursori, soprattutto quando si tratta di problemi: già nel 2018 il rapporto dell’Agcom parlava di una maggiore capacità di diffusione e condivisione della fake news.

Le “notizie false” hanno quindi vinto? Se continuiamo a considerarle semplicemente “fake” similmente ai “follower finti” sui social, sì.

Cosa sono le fake news e i fake follower

Partiamo dal presupposto che l’informazione online è un prodotto che funziona se esiste Ritorno dell’Investimento (ovvero porta guadagno) secondo tutta una serie di metriche.

In una nazione ideale del ventunesimo secolo, l’era in cui qualsiasi tipo di informazione è accessibile, il singolo cittadino dovrebbe essere sufficientemente responsabile da saper riconoscere l’attinenza a questa realtà.

Questo però non accade per tutta una serie di motivi: asimmetria e bulimia informativa, chiusura nella propria bolla di convinzioni (filter bubble), ricerca della conferma dei propri preconcetti.

In questo senso, anche la più assurda della fake news risponde meglio – e quindi porta guadagno – rispetto a una notizia reale e verificata.

Per non parlare dei fake follower: se è possibile agire sulle informazioni, figurarsi sulle metriche.

Sì, sono utenti generati da bot che possono essere programmati anche a compiere tutta una serie di azioni, come ad esempio, influenzare la popolazione reale degli utenti a considerare autorevole o degno di fiducia una figura politica semplicemente dal suo numero di seguaci online.

Sono fasulli? Sono account identici a quelli dietro i quali ci sono persone in carne e ossa. Solo che sono più economici – non facili, attenzione, economici – da gestire per influenzare l’opinone dei secondi.

I fake, news o follower che siano, sono quindi un prodotto più appetibile. Sempre in odor di provocazione, si provi a visitare un qualsiasi sito di vendita follower (SMOnutz, Seoclerks, per citare i più conosciuti fra gli addetti ai lavori) o a scrollare anche sotto le news delle testate online fino ad arrivare a quella sezione delle “news sponsorizzate” in cui capeggiano titoli quali Ecco come Lino Banfi fa trading al limite dell’assurdo.

Se ci sono è perché funzionano: finché non vi sarà una piena educazione digitale, ancora prima della transformazione comunque necessaria a livello di infrastrutture e strumenti, sarà sempre più come dare in mano una pistola a un ragazzino. Però di quello emo, con tendenze suicide, visto il decadimento della qualità dell’utente medio.

Combattere i fake è quindi impossibile?

Prima di scendere sul campo di questa battaglia, come abbiamo visto, dobbiamo essere addestrati a riconoscere l’avversario.

E più che “combattere” direi che è preferibile usare il termine “disinnescare”. Le fake news, i fake follower ci saranno sempre – e abbiamo visto sempre più – solo svuotandole della loro necessità sul mercato, potranno diventare poco più che fastidioso spam inerte.

Libro utile:

Prontuario di comunicazione digitale

Prontuario di comunicazione digitale

Benedetto Motisi, 2020, Maggioli Editore

Questo libro si propone come un prontuario, un manuale di rapida consultazione dedicato alla comunicazione digitale. Si rivolge in primo luogo a giornalisti, addetti stampa e, in generale, a tutti i professionisti della comunicazione; in particolare a quelli tra loro che, formatisi in un...





© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome