Home Lavoro Lavoratori domestici 2021: le nuove retribuzioni minime per Colf, badanti, babysitter

Lavoratori domestici 2021: le nuove retribuzioni minime per Colf, badanti, babysitter

Scarica le tabelle con i nuovi minimi retributivi 2021

Chiara Arroi
minimi retributivi 2021 lavoro domestico

E’ stato siglato l’accordo sui minimi retributivi 2021 per i lavoratori domestici – colf e badanti – fissati dalla Commissione Nazionale, in base alla variazione del costo della vita. Le nuove tabelle con gli importi aggiornati sono state pubblicate il 12 febbraio, ma sono in vigore dal 1° gennaio 2021.

Gli importi fanno riferimento alle categorie incluse nel nuovo Ccnl lavoratori domestici in vigore, siglato a settembre e in vigore dal 1° ottobre 2020.

Ogni anno la Commissione nazionale per l’aggiornamento retributivo si riunisce a questo proposito. Quest’anno, come riporta il verbale di accordo del video-incontro con le sigle sindacali FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UILTUCS, FEDERCOLF, FIDALDO, DOMINA:

si è riunita, formalmente convocata, la Commissione Nazionale prevista dall’art. 45 del C.C.N.L. “Lavoro Domestico” per la determinazione dei minimi retributivi lavoro domestico a far data dal 01/01/2021″. In esito alla odierna riunione viene acquisita la tabella relativa ai mimini retributivi per il lavoro domestico, valevoli a far data dal 01/01/2021 ad eccezione della “tabella L” valevole a decorrere dal 1/10/2021, già condivisa dalle Parti come da comunicazione del 29/01/2021″.

>> Nuovo CCNL Colf e badanti: in vigore dal 1° ottobre. Cosa cambia 

Vediamo di seguito le tabelle e le retribuzioni minime aggiornate e in vigore dal 1° gennaio 2021.

Le nuove tabelle retributive del lavoro domestico 2021

In questo aggiornamento 2021 vengono presi in considerazione gli importi minimi retributivi relativi a colf, bandanti e babysitter inquadrati con il nuovo Ccnl lavoratori domestici.

Sono presenti le tabelle:

  • A, lavoratori conviventi
  • B, lavoratori conviventi ad orario ridotto
  • C, lavoratori non conviventi
  • D, assistenza notturna
  • E, presenza notturna
  • G, lavoratori di cui art.14 9° co
  • H, indennità art. 34 – 3°Co. (Baby sitter fino al 6° anno di età del bambino)
  • I, indennità art. 34 – 4° Co. (Addetto a più persone non autosufficienti)
  • L*, indennità art. 34 – 7° co. (Lavoratori certificati UNI11766/2019)
  • F, indennità (vitto e alloggio)

L’aggiornamento retributivo per la tabella L decorre dal 1° ottobre 2021.

>> Nuovo CCNL Colf e badanti: stipendio, indennità, tredicesima 

Lavoratori domestici 2021: i minimi retributivi per livello 

Ovviamente le retribuzioni 2021 riguardano i livelli e inquadramenti dei lavoratori presenti nel nuovo contratto in vigore dal 1° ottobre 2020. Vediamoli.

Livello A

Appartengono a questo livello gli assistenti familiari, non addetti all’assistenza di persone che svolgono con competenza le proprie mansioni, relative ai profili lavorativi indicati, a livello esecutivo e sotto il diretto controllo del datore di lavoro.

Profili:

  1. Addetto alle pulizie. Svolge esclusivamente mansioni relative alla pulizia della casa;
  2. Addetto alla lavanderia. Svolge esclusivamente mansioni relative alla lavanderia;
  3. Aiuto di cucina. Svolge esclusivamente mansioni di supporto al cuoco;
  4. Svolge mansioni di normale pulizia della stalla e di cura generica del/dei cavallo/i;
  5. Assistente ad animali domestici. Svolge esclusivamente mansioni di assistenza ad animali domestici;
  6. Addetto alla pulizia ed annaffiatura delle aree verdi;
  7. Operaio comune. Svolge esclusivamente mansioni manuali, di fatica, sia per le grandi pulizie, sia nell’ambito di interventi di piccola manutenzione.

Livello A super

Profili:

  1. Addetto alla compagnia. Svolge esclusivamente mansioni di mera compagnia a persone adulte autosufficienti, senza effettuare alcuna altra prestazione di lavoro;

Livello B

Appartengono a questo livello gli assistenti familiari che svolgono con specifica competenza le proprie mansioni, ancorché a livello esecutivo.

Profili:

  1. Collaboratore familiare generico polifunzionale. Svolge le plurime incombenze relative al normale andamento della vita familiare, compiendo, promiscuamente, mansioni di pulizia e riassetto della casa, di addetto alla cucina, di addetto alla lavanderia, di assistente ad animali domestici, nonché altri compiti nell’ambito del livello di appartenenza;
  2. Custode di abitazione privata. Svolge mansioni di vigilanza dell’abitazione del datore di lavoro e relative pertinenze, nonché, se fornito di alloggio nella proprietà, di custodia;
  3. Addetto alla stireria. Svolge mansioni relative alla stiratura;
  4. Svolge servizio di tavola e di camera;
  5. Addetto alla cura delle aree verdi ed ai connessi interventi di manutenzione;
  6. Operaio qualificato. Svolge mansioni manuali nell’ambito di interventi, anche complessi, di manutenzione;
  7. Svolge mansioni di conduzione di automezzi adibiti al trasporto di persone ed effetti familiari, effettuando anche la relativa ordinaria manutenzione e pulizia;
  8. Addetto al riassetto camere e servizio di prima colazione anche per persone ospiti del datore di lavoro. Svolge le ordinarie mansioni previste per il collaboratore generico polifunzionale, oltreché occuparsi del rifacimento camere e servizio di tavola della prima colazione per gli ospiti del datore di lavoro.

Livello B super

Profilo:

  1. Assistente familiare che assiste persone autosufficienti, ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti;
  2. Assistente familiare che assiste bambini (baby sitter), ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.

>> Colf e badanti: nuovi importi contributi 2021

Livello C

Appartengono a questo livello gli assistenti familiari che, in possesso di specifiche conoscenze di base, sia teoriche che tecniche, relative allo svolgimento dei compiti assegnati, operano con totale autonomia e responsabilità.

Profilo:

  1. Cuoco. Svolge mansioni di addetto alla preparazione dei pasti ed ai connessi compiti di cucina, nonché di approvvigionamento delle materie prime.

Livello C super

Profilo:

  1. Assistente familiare che assiste persone non autosufficienti (non formato), ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti.

Livello D

Appartengono a questo livello gli assistenti familiari che, in possesso dei necessari requisiti professionali, ricoprono specifiche posizioni di lavoro caratterizzate da responsabilità, autonomia decisionale e/o coordinamento.

Profili:

  1. Amministratore dei beni di famiglia. Svolge mansioni connesse all’amministrazione del patrimonio familiare;
  2. Svolge mansioni di gestione e di coordinamento relative a tutte le esigenze connesse ai servizi rivolti alla vita familiare;
  3. Svolge mansioni di coordinamento relative alle attività di cameriere di camera, di stireria, di lavanderia, di guardaroba e simili;
  4. Capo cuoco. Svolge mansioni di gestione e di coordinamento relative a tutte le esigenze connesse alla preparazione dei cibi e, in generale, ai compiti della cucina e della dispensa;
  5. Capo giardiniere. Svolge mansioni di gestione e di coordinamento relative a tutte le esigenze connesse alla cura delle aree verdi e relativi interventi di manutenzione;
  6. Svolge mansioni di istruzione e/o educazione dei componenti il nucleo familiare.

Livello D super

Profili:

  1. Assistente familiare che assiste persone non autosufficienti (formato), ivi comprese, se richieste, le attività connesse alle esigenze del vitto e della pulizia della casa ove vivono gli assistiti;
  2. Direttore di casa. Svolge mansioni di gestione e di coordinamento relative a tutte le esigenze connesse all’andamento della casa;
  3. Assistente familiare educatore formato. Lavoratore che, nell’ambito di progetti educativi e riabilitativi elaborati da professionisti individuati dal datore di lavoro, attua specifici interventi volti a favorire l’inserimento o il reinserimento nei rapporti sociali, in autonomia, di persone in condizioni di difficoltà perché affette da disabilità psichica oppure da disturbi dell’apprendimento o relazionali.

(Fonte: CCNL Lavoro domestico)

Lavoratori domestici 2021: i nuovi minimi retributivi

Ecco alcuni esempi di nuove retribuzioni minime per livello:

  • livello unico – presenza notturna 677,78
  • livello A – tabella A: 645,50 e tabella C: 4,69 
  • livello AS – tabella A: 762,88 e tabella C: 5,53
  • livello B – tabella A: 821,56 e tabella B: 586,83 e tabella C: 5,86 e tabella L: 8,00

Scarica qui tutti i minimi retributivi 2021 lavoratori domestici 

Libri utili:

Colf, badanti e baby sitter: guida al rapporto di lavoro domestico

Colf, badanti e baby sitter: guida al rapporto di lavoro domestico

Antonella Donati, Alessandro Bazzan, 2020, Maggioli Editore

La disciplina del lavoro domestico coinvolge un gran numero di operatori ed è stata oggetto di una continua evoluzione. Il nuovo CCNL, entrato in vigore il 1° ottobre 2020, racchiude in un’unica categoria professionale, quella degli assistenti familiari, il rapporto di lavoro di colf,...



(Foto copertina: i-Stock/KatarzynaBialasiewicz)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome