Home Welfare Borse di studio Inps: precisazioni sul bando e sui destinatari

Borse di studio Inps: precisazioni sul bando e sui destinatari

Borse riservate solo a figli, orfani ed equiparati dei dipendenti e pensionati pubblici

Elena Bucci

Nessun “Bonus studenti”. Nel comunicato stampa del 27 gennaio scorso, l’Inps ha voluto precisare la natura del bando di concorso indetto in riferimento all’erogazione di borse di studio per corsi universitari di laurea e corsi di specializzazione a favore di destinatari con specifici requisiti. Non tutti gli universitari, infatti, potranno usufruirne.

Come sottolinea il comunicato, la denominazione affibbiata da alcune testate web e profili social a tale concorso di “Bonus studenti” potrebbe rivelarsi fuorviante rispetto la reale prestazione stabilita dall’Inps.

Consulta nel dettaglio i requisiti, le scadenze e le modalità del Bando Inps per universitari

Borse di studio Inps: come funziona

La prestazione cui fa riferimento il comunicato stampa sopra citato è invece un bando di concorso che mette a disposizione “Borse di studio per corsi di laurea e corsi universitari di specializzazione post lauream” ai figli dei dipendenti pubblici (di cui si è occupato anche LeggiOggi). L’Inps ha disposto una serie di borse di studio per studenti universitari,  in riferimento all’anno accademico 2018-2019, con specifici requisiti, consistenti in una somma fino a 2 mila euro per la frequenza di corsi universitari di laurea e di corsi di specializzazione post laurea.

Gli importi della borsa di studio variano in relazione alla natura del corso di laurea:

  • 2.000 euro per i corsi universitari di laurea;
  • 1.000 euro per i corsi di specializzazione post lauream.

Borse di studio Inps: requisiti

Secondo il bando, come evidenzia anche il comunicato del 27 gennaio, l’accesso al bando è riservato a:

  • figli o orfani ed equiparati, dei dipendenti e pensionati iscritti al Fondo
    Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, al Fondo gestione Assistenza
    Magistrale e al Fondo ex Ipost.

Vi sono anche altri requisiti specifici per poter accedere al bando:

  • età inferiore a 32 anni alla data di scadenza del bando,
  • non aver già fruito, per l’anno accademico 2018-2019, di altri rimborsi analoghi erogati dall’Istituto, dallo Stato, dagli Enti regionali per il diritto allo studio universitario o da altre Istituzioni pubbliche o private di valore superiore al 50% dell’importo della borsa di studio messa a concorso,
  • non aver vinto il bando INPS Collegi Universitari per l’anno accademico 2018-2019,
  • essere stati iscritti ad Università, a Conservatori, a Istituti musicali e ad Accademie di Belle Arti nell’anno accademico 2018- 2019,
  • avere almeno la media del 24/30.

Borse di studio Inps: fare domanda

Per poter accedere al bando di concorso, la domanda dovrà essere inoltrata in via esclusivamente telematica accedendo al portale Inps. Dopo la procedura di autenticazione (inserendo lo SPID; PIN; CIE o CNS). Una volta all’interno dell’area riservata, il richiedente dovrà selezionare la voce “inserisci domanda”, cui seguirà la pagina con il modulo effettivo da compilare. Nella domanda dovranno essere necessariamente inseriti i recapiti telefonici e di e-mail.

  • La procedura per l’acquisizione della domanda sarà attiva dalle 12 del 27 gennaio 2021 fino alle 12 del 1° marzo 2021.

Per ulteriori informazioni consulta e scarica il Bando di concorso.

(Fonte Inps)



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome