Home Economia Decreto Ristori 5 in arrivo: contributi a fondo perduto, cig, cartelle esattoriali,...

Decreto Ristori 5 in arrivo: contributi a fondo perduto, cig, cartelle esattoriali, nuovi bonus

Scostamento di bilancio da 32 miliardi approvato per finanziare gli aiuti all'economia.

Chiara Arroi
decreto ristori 5 aiuti e bonus

Nonostante la crisi politica che ha sconvolto la quotidianità del governo Conte, causata dalla sferzata di Italia Viva, capitanata dal leader Matteo Renzi, e la prova di fiducia affrontata davanti a Camera e Senato, il Parlamento ha approvato, a maggioranza assoluta, la sesta autorizzazione allo scostamento di bilancio, necessario per finanziare il Decreto Ristori 5.

Dopo l’approvazione della richiesta di scostamento nel Consiglio dei ministri dello scorso 14 gennaio, il Governo ha chiesto questa volta di autorizzare “per l’anno 2021, il ricorso all’indebitamento di 32 miliardi di euro”. L’ok del Parlamento è arrivato il 20 gennaio. La richiesta di approvazione ha ricevuto il sì anche di Italia viva, come Renzi aveva già annunciato.

L’esecutivo ora, forte dell’ok allo scostamento da 32 miliardi, continua a lavorare sul Decreto Ristori 5, il quinto capitolo della saga che dovrà portare nelle tasche di lavoratori e contribuenti, logorati dalla crisi economica causa Covid, nuovi aiuti e bonus. Si tratta del primo piano straordinario di aiuti all’economia del 2021 e il quinto in totale.

Si parla in particolare di una serie di nuovi contributi a fondo perduto per le attività economiche del Paese, nuovi bonus per lavoratori e il rifinanziamento della cassa integrazione. Ma in gioco c’è anche una nuova rimodulazione delle cartelle esattoriali.

Con lo scostamento di bilancio da 32 miliardi che il governo ha chiesto, e che dovrà essere autorizzato dal Parlamento, arriveranno i mezzi per finanziare tutte queste misure di sostegno e aiuti all’economia. Circa 5 miliardi dovrebbero andare al pacchetto lavoro.

La Ministra del lavoro Nunzia Catalfo ha spiegato sul suo profilo Twitter: “Con il nuovo decreto rifinanzieremo la cassa integrazione e ulteriori misure per lavoratori e imprese. Occorre una riforma degli ammortizzatori sociali e più attenzione a lavoratori autonomi”.

Sullo scostamento è intervenuto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che non ha escluso il protrarsi delle restrizioni covid in primavera, con la necessità di prevedere aiuti che coprano le esigenze di un eventuale prolungamento dell’emergenza.

Gualtieri afferma che lo scostamento è anche giustificato anche con la volontà del governo di avere a disposizione risorse sufficienti” qualora le restrizioni all’attività economica dovessero protrarsi “anche in primavera”. Il fatto che ciò avvenga ancora “non si può escludere”, scrive il ministro, in una lettera al vicepresidente della Commissione Europea, Valdis Dombrovskis, e al Commissario all’Economia, Paolo Gentiloni.

“Non si può escludere” una proroga delle regime di restrizioni anti-Covid entrato in vigore il 16 gennaio “in primavera” e “di conseguenza il governo desidera avere risorse sufficienti per rispondere a questa eventualità e prolungare, se necessario, lo schema di integrazione salariale fino all’autunno”, scrive inoltre Gualtieri alla commissione Ue.

“Le misure di sostegno a favore delle imprese e dei lavoratori autonomi saranno selettive e consisteranno principalmente in crediti d’imposta al fine di promuovere la tax compliance”, scrive il ministro. Le misure dei nuovi ristori, assicura, saranno “temporanee e mirate” e l’itero pacchetto sarà “pienamente coerente con l’approccio raccomandato dalla Commissione”.

Tra le misure elencate da Gualtieri vi sono fondi per il Reddito di cittadinanza e per la scuola, per adattare gli strumenti educativi, e il rinvio della riscossione spostando parte delle entrate al 2022.

Vediamo nei prossimi paragrafi la mappa delle nuove misure attese in questo Decreto Ristori 5, in attesa dell’ok al provvedimento.

Decreto Ristori 5: nuovi contributi a fondo perduto

Novità molto importante di questo quinto capitolo Ristori è che i nuovi aiuti a fondo perduto introdotti a sostegno delle attività economiche potrebbero riguardare tutte le partite Iva, indipendentemente dal codice Ateco a cui appartengono e dal colore della Regione di appaertenza. Nessuno quindi dovrà controllare le tabelle codici ateco per capire se sarà o meno incluso negli indennizzi. Sarà sufficiente il calo di fatturato.

Anche i liberi professionisti entrano a far parte della platea beneficiaria, inclusi architetti, avvocati, commercialisti.

Queste quindi le possibili nuove istruzioni di accesso ai contributi al Fondo perduto 2021:

  • aiuti aperti a tutte le partite Iva,
  • inclusi anche i liberi professionisti (es. avvocati, architetti, ingegneri, ecc),
  • non conta il colore della Regione in cui si esercita l’attività,
  • non contano più i codici Ateco,
  • è sufficiente dimostrare il calo di fatturato,
  • il perdiodo di riferimento per dimostrare la perdita di ricavi riguarderebbe i primi 6 mesi del 2020 e non più della differenza tra aprile 2020 e aprile 2019.

Decreto Ristori 5: aiuti a prescidente dal colore della Regione

Si va quindi verso un sistema di aiuti uguale per tutti, indipendentemente dal colore della Regione in cui si esercita o si vive (rosso, giallo o arancione). Sarà sufficiente dimostrare cali di fatturato e perdite. Insomma è sufficiente aver subito danni a causa dell’emergenza Covid per divenire beneficiari di aiuti e bonus.

Decreto Ristori 5: cassa integrazione rifinanziata

In arrivo anche una nuova cassa integrazione, che dovrebbe essere rifinanziata con 5 miliardi, assieme a una riforma degli ammortizzatori sociali con un focus dedicato ai lavoratori autonomi.

Già la Legge di bilancio 2021 tra le altre misure, ha previsto ulteriori 12 settimane di cassa integrazione ordinaria Covid, da utilizzare tra il 1° gennaio e il 31 marzo e fino al 30 giugno per la cassa integrazione in deroga.

Con il quinto Ristori potrebbero arrivare altre 18 settimane di Cig in deroga, per i settori maggioramente feriti dalla crisi Covid. Anche se si parla di estensione Cig Covid fino a 26 settimane per l’assegno ordinario e la cassa in deroga.

Contemporaneamente sarebbe previsto anche l’esonero contributivo alternativo all’utilizzo della cassa integrazione

>> Cassa integrazione 2021: rinnovata in Legge di bilancio 

Decreto Ristori 5: bonus 1.000 euro autonomi e partite Iva

Nel decreto sarà previsto poi lo stanziamento di 1,5 miliardi per la decontribuzione delle partite Iva, impegno preso con il Parlamento.

Tra gli aiuti dovrebbe anche essere incluso un bonus di 1.000 euro, destinato ad aziende e imprenditori colpiti dall’emergenza Covid. In particolare tra i beneficiari ci sarebbero lavoratori autonomi con Partita Iva e liberi professionisti.

I requisiti potrebbero essere i seguenti:

  • partita Iva da almeno 3 anni,
  • regolarità della propria posizione contributiva,
  • calo di fatturato almeno del 33% nel 2020 rispetto all’anno precedente.

Decreto Ristori 5: rottamazione cartelle/saldo e stralcio 

C’è anche spazio per le agevolazioni fiscali nella quinta tornata del Decreto Ristori. In particolare verrebbe confermata la rottamazione delle cartelle esattoriali e il saldo e stralcio, per interveniere su 50 milioni di ci cartelle esattoriali in arrivo dal 1° gennaio dall’Agenzia delle Entrate.

A questo proposito, Laura Castelli, viceministra dell’Economia, ha sottolineato l’importanza di un “intervento strutturale che cancelli quanto non è più recuperabile”.

>> Speciale Rottamazione cartelle esattoriali <<

Il direttore generale delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, rispondendo davanti alle commissioni Finanze di Camera e Senato, ha messo in luce che la ripresa dal 1° gennaio scorso dell’attività di invio degli atti di riscossione, dopo la sospensione 2020 per l’emergenza Covid, prevede l’invio entro fine 2021 di tutti gli atti sia del 2020 sia del 2021. Cosa che ha comportato “l’accumularsi di 50 milioni di atti, 34 milioni di riscossione e 16 di entrate”, L’Agenzia può “diluirli nel tempo tra gennaio e dicembre ma, in assenza di una specifica norma, non puo’ essere fatto altrimenti” ha concluso.

All’interno del Ristori 5 quindi, dopo lo slittamento al 31 gennaio per l’invio dei 50 milioni tra accertamenti e cartelle, potrebbero arrivare:

  • una dilazione temporale delle consegne nell’arco di diversi mesi delle notifiche,
  • oppure una rottamazione quater e un nuovo saldo e stralcio.

Questo consentirebbe di dare più spazio e respiro ai contribuenti in difficoltà, che potrebbero così essere maggiormente facilitati nel regolarizzare la propria posizione fiscale e debitoria. Con la quarta rottamazione il contribuente potrebbe mettersi in regola col Fisco senza pagare sanzioni e interessi, relativamente ai ruoli relativi agli anni 2018 e 2019.

Decreto Ristori 5: Reddito di cittadinanza e Naspi

Oltre un miliardo dovrebbe essere inoltre destinato al rifinanziamento del reddito di cittadinanza. Oltre a questio dovrebbe anche essere previsto un intervento sull’indennità di disoccupazione Naspi.

Libri e E-book utili:

Legge di Bilancio 2021

Legge di Bilancio 2021

Antonella Donati, 2021, Maggioli Editore

Il commento di tutte le novità della Legge di Bilancio 2021 - Legge del 30.12.2020 n. 178 pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 30.12.2020 n. 322 - Suppl. Ordinario n. 46. Nell'ebook in pdf di 58 pagine, la panoramica delle principali novità comma per comma: crediti d'imposta per...



Decreto ristori, Ristori BIS, Ristori TER e QUATER

Decreto ristori, Ristori BIS, Ristori TER e QUATER

Cinzia De Stefanis, 2020, Maggioli Editore

Aggiornato con il Decreto legge 30 novembre 2020 n. 157 (pubblicato sulla GU serie generale n.297 del 30/11/2020) Una sintesi delle misure di sostegno dei settori interessati dalle nuove restrizioni contenute nel Dpcm del 3 novembre 2020 (che ha sostituito integralmente il Dpcm 24 ottobre...





© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome