Home Welfare Bonus Pc e Tablet 2020 al via: come funziona, importo, come richiederlo,...

Bonus Pc e Tablet 2020 al via: come funziona, importo, come richiederlo, novità

Pubblicato il Decreto sul voucher pc, tablet, servizi di connessione per famiglie con Isee fino a 20 mila euro.

Daniele Bonaddio
bonus pc e tablet 2020

Bonus Pc e Tablet 2020 domande al via. La diffusione della pandemia da Coronavirus ha innescato l’obbligo di un nuovo approccio, sia da un punto di vista lavorativo – con l’incentivazione dello smart working – sia da un punto di vista tecnologico, con l’introduzione di lezioni a distanza, non soltanto in ambito scolastico. Questi avvenimenti spingo il Paese ad adattarsi al cambiamento tecnologico per lavoratori, studenti, professionisti. Pc e tablet entrano, quindi, in migliaia di case italiane, divenendo strumenti indispensabili sia di lavoro di apprendimento.

A questo proposito, per sostenere la digitalizzazione e per combattere il cd. digital divide, sono stati firmati i decreti attuativi e istitutivi del cd. bonus pc e tablet. Si tratta di un incentivo che varia da un minimo di 200 euro fino a un massimo di 500 euro a beneficio. L’agevolazione si rivolge a famiglie e imprese per poter dotarsi di strumenti tecnologici che possano essere in grado di avvicinare anche coloro che sono in difficoltà economica al livello minimo di benessere.

Chi vuole beneficiare dell’incentivo può fare domanda dal 9 novembre 2020. A decidere la data del 9 novembre è stato il Comitato Banda ultra larga (Cobul), presieduto dalla ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano.

A tal proposito il Decreto che regola il voucher pc (decreto 7 agosto 2020 – Piano voucher sulle famiglie a basso reddito) è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il 1° ottobre 2020.

Questo provvedimento mette in campo un Piano voucher per famiglie meno abbienti è un intervento di sostegno alla domanda per garantire la fruizione di servizi di connessione ad internet in banda ultra larga da parte delle famiglie con ISEE inferiore ai 20 mila euro.

Ricordiamo che alcune Regioni applicano il bonus in modo leggermente diverso al resto d’Italia. In particolare, in Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Toscana, la misura sarà applicabile solo ad utenze localizzate in alcuni Comuni considerati finora più svantaggiati.

Vediamo quindi in dettaglio cos’è il bonus pc 2020, come funziona, a quanto ammonta l’importo e come richiederlo.

Bonus Pc e Tablet 2020: cos’è

Il bonus pc 2020 è un contributo economico per acquistare dispositivi elettronici, servizi e strumenti per la navigazione. Nello specifico, consiste in uno sconto per l’acquisto di:

  • computer;
  • tablet;
  • connessioni internet;

da parte di famiglie che rientrano entro certi limiti di reddito.

L’agevolazione ha la forma di un rimborso ed è erogata tramite il sistema dei voucher. Ma attenzione: non è come sembrava all’inizio. Non ci saranno buoni o voucher da consegnare in qualsiasi negozio di tecnologia per l’acquisto dei dispositivi scelti. Tutto passerà dall’operatore telefonico. La società che gestisce tutto è Infratel e sarà proprio questa a ricevere il bonus sotto forma di rimborso. Il cittadino dovrà contattatare gli operatori telefonici (preventivamente iscritti al portale). L’operatore eroga all’utente il bonus come sconto sul canone o sull’eventuale costo di attivazione e di fornitura del router.

E’ quindi tutti un po’ più complicato del previsto.

Bonus Pc e Tablet 2020: a chi spetta

Possono accedere al bonus le famiglie con valore ISEE non superiore a 20 mila euro. Inoltre, è indirizzato sia a coloro che ne sono sprovvisti che a coloro che opteranno per un miglioramento dei servizi già in loro possesso.

Di conseguenza, per usufruire del bonus, i richiedenti devono avere una delle seguenti caratteristiche:

  • essere privi di connessione internet;
  • disporre di una connessione con velocità inferiore a 30 Mbit/s;
  • disporre di una connessione di almeno 30 Mbit/s ed essere disponibile a passare ad una connettività superiore, fino 1 Gbps.

Bonus Pc e Tablet 2020: importo

Il buono per l’acquisto di strumenti e servizi informatici ha un valore massimo di 500 euro, ed è destinato a chi presenta un Isee fino a 20 mila euro.

Come stabilito dal decreto in Gazzetta: alle famiglie con ISEE inferiore ai 20 mila euro è riconosciuto un contributo massimo di 500 euro, sotto forma di sconto, sul prezzo di vendita dei canoni di connessione ad internet in banda ultra larga per un periodo di almeno 12 mesi e dei relativi servizi di attivazione, nonché per la fornitura dei relativi dispositivi elettronici (CPE) e di un tablet o un personal computer.

Attenzione: è riconosciuto un solo contributo per ciascun nucleo familiare presente nella medesima unità abitativa.

Bonus Pc e Tablet 2020: le condizioni

Le condizioni specifiche per poter ottenere il beneficio sono:

  • effettuare un’attivazione o un passaggio a servizi di connettività ad almeno 30 Mbit/s, per beneficiari privi di connessione internet oppure in possesso di contratti con velocità di navigazione inferiore;
  • passare a contratti di connettività fino a 1 Gbit/s, nel caso di utenti che già possiedono connessioni, ma con velocità di navigazione minore (almeno 30 Mbit/s).

Bonus Pc e Tablet 2020: come funziona

Il bonus consiste nell’erogazione di un voucher spendibile per ridurre i costi di alcune tipologie di servizi e strumenti. Nello specifico, i voucher possono essere utilizzati per:

  • acquistare e utilizzare servizi di navigazione con connessione ad alta velocità (a partire da 30 Mbit al secondo);
  • acquisire dispositivi elettronici ed informatici, come tablet o PC, forniti dallo stesso operatore scelto per l’attivazione del contratto internet.

I voucher saranno rilasciati da Infratel Italia (Infrastrutture e Telecomunicazioni per l’Italia S.p.A.), società del MISE, che fa parte parte del Gruppo Invitalia, che è il soggetto attuatore dei “Piani Banda Larga e Ultra Larga” del Governo. La società renderà disponibile a breve un’apposita piattaforma web su cui dovranno accreditarsi i fornitori di telefonia e internet intenzionati a concedere gli sconti previsti a clienti vecchi e nuovi.

Quindi, i cittadini in possesso dei requisiti necessari dovranno rivolgersi direttamente ai singoli operatori, per valutarne le offerte e fare richiesta dei servizi di interesse. Sarà, a questo punto, lo stesso provider ad applicare lo sconto internet, sul canone o sul costo di attivazione, e a fornire il router per la navigazione e l’eventuale Computer o Tablet scelto dal cliente.

Bonus Pc e Tablet 2020: come richiederlo

Come detto, la domanda andrà effettuata direttamente ai provider dei servizi di interesse, il quale proporrà i servizi internet e/o di vendita di dispositivi informatici su cui applicare l’agevolazione. I richiedenti non dovranno registrarsi sul portale web Infratel, poiché tale servizio sarà riservato esclusivamente agli operatori.

Penserà a tutto l’operatore telefonico, in particolare sarà lui a:

  • erogare all’utente il bonus come sconto sul canone o sull’eventuale costo di attivazione
    fornisce il router,
  • fornire il pc o il tablet (a scelta dell’utente), per le famiglie della prima fascia.

L’operatore, mediante apposita procedura sul portale Infratel, otterrà poi il rimborso dei costi.

Per richiedere il bonus quindi il beneficiario deve interfacciarsi direttamente con l’operatore di telecomunicazioni che partecipa all’iniziativa, utilizzando i canali di vendita ordinari (online o nei negozi).

Come detto, la fornitura di personal computer e tablet è sempre associata all’attivazione di una nuova utenza di rete fissa.

Al 4 novembre gli operatori accreditati erano 40. Ci sono pagine dedicate al bonus e alle offerte disponibili sui siti web dei principali operatori di telefonici che hanno aderito. Comunque le informazioni sugli operatori accreditati e sulle offerte sono pubblicate sui siti www.infratelitalia.it e bandaultralarga.italia.it.

Bonus Pc e Tablet 2020: cosa fare per ottenerlo

In base a quanto stabilito dal decreto, il beneficiario che intende ottenere il voucher da 500 euro, deve presentare presso un qualsiasi canale di vendita reso disponibile dagli operatori registrati nell’elenco messo a disposizione da Infratel, un’apposita richiesta corredata da:

  • copia del proprio documento di identità in corso di validità e
  • da una dichiarazione sostitutiva, attestante che il valore dell’ISEE relativo al nucleo familiare di cui fa parte non supera i 20 mila euro, e che i componenti dello stesso nucleo, per la medesima unita’ abitativa, non hanno già fruito del contributo.

Bonus Pc e Tablet: da quando si può chiedere

Si parte lunedì 9 novembre. A decidere la data del 9 novembre è stato il Comitato Banda ultra larga (Cobul), presieduto dalla ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano, che ha di fatto dato il via alle domande a partire da questa data.

Le offerte commerciali presentate dagli operatori di telecomunicazioni e approvate da Infratel sono rese fruibili dai nuclei familiari a partire quindi dal 9 novembre.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

20 COMMENTI

  1. Il mio nucleo famil. possiede una linea ad alta velocità, non avendo usufruito del bonus, può mio figlio che fa parte del nucleo familiare con ISEE inferiore a 20.000 essendo andato ad abitare in un altro appartamento senza connessione attivarne una nuova e beneficiare del Bonus.
    Grazie

  2. in sostanza nonho capito un tubo . cioe achi mi devo rivolgere e a quale gestore perche’ non sono indicati? ufficio complicazioni affari semplici

    • Salve Gemma, non dovrebbe poterlo richiedere. Il bonus può essere richiesto soltanto dalle famiglie con ISEE inferiore ai 20 mila euro. Saluti.

  3. se nel mio paese non c’è la fibra ottica ed è impossibile avere una connessione superiore ai 30mb, non ho diritto a ricevere il bonus? Saluti

  4. Come al solito invece di semplificare hanno complicato così le famiglie si scoraggiano e loro risparmiano fondi che in realtà ancora non ci sono. Povera Italia.

  5. io acquistato a luglio pc x mio figlio di 5 elementare xke erano andati a ruba
    qualcuno sa dirmi se posso richiedere il bonus
    perché qui ce tanta lettura ma un link valido dove richiederlo
    grazie d’anticipo

  6. buongiorno, sapete se per caso, i fornitori di reti siano gia’ in grado di iniziare a registrare chi come me, avrebbe bisogno di usufruire del buono pc in oggetto? aspetto da molto tempo come tutti, chissa?,,,,Grazie di una vostra eventuale risposta

    • Salve Susanna, il consiglio è quello di contattare direttamente i fornitori che gestiscono il servizio e chiedere informazioni in merito al bonus. Saluti

  7. a me sembra Tutto molto complesso. Procedura molto non chiara, come al solito. dovvrebbe esserci una procedura molto piu’ chiara e snella Capire i meccanismi a cui vanno i soldi e quella a chi ne ha diritto.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome