Home Economia Legge di bilancio 2021: cos’è, iter e tempi di approvazione, misure, entrata...

Legge di bilancio 2021: cos’è, iter e tempi di approvazione, misure, entrata in vigore

legge di bilancio 2021 iter e misure

Da pochi giorni si è cominciato a parlare di Manovra di bilancio, con l’approvazione da parte del Governo, con la formula di rito “salvo intese”, del disegno di Legge di bilancio 2021. Approvazione avvenuta nella notte tra sabato 17 e domenica 18 ottobre. Il treno è quindi partito e giungerà a destinazione il 31 dicembre 2020, con l’approvazione definitiva del testo e l’entrata in vigore delle misure inserite.

Una Manovra tutta in chiave anti-covid e di espansione, con circa 10 miliardi per scuola e sanità, 4 miliardi per il sostegno ai settori in crisi e proroga della Cig per circa 5 miliardi. Ma non solo. Niente aumento di tasse e alle porte una riforma del fisco, che toccherà in parte il 2021 e in pieno il 2022. È in arrivo anche uno dei primi tasselli portanti per il sostegno alle famiglie: l’Assegno unico universale per i figli.

Ma che cos’è in concreto la legge di bilancio? Perché è tanto importante e attesa?

Cerchiamo di capire cos’è la Legge di bilancio 2021, quando si fa e chi la fa, i contenuti, i tempi e l’iter di approvazione della prossima Manovra finanziaria, con tanto di date che Governo e Parlamento dovranno rispettare.

Consulta lo speciale Legge di Bilancio

Legge di bilancio 2021: cos’è e chi la fa

La Legge di bilancio è uno dei momenti cruciali per il Paese, perché mette nero su bianco tutte le scelte e le iniziative economiche che il Governo decide di mettere in atto nel corso dell’anno che verrà (e nel corso dei successivi 3 anni). Si parla anche di Manovra finanziaria, ma è sempre lei: quella mega operazione economico-finanziaria che dà vita a norme e introduce leggi, e da cui dipendono i conti pubblici del Paese. Ad esempio su:

  • Pensioni
  • Lavoro
  • Fisco e norme tributarie per i contribuenti
  • Welfare, con prestazioni sociali e assistenziali

Facendola infatti, ogni Governo deve stare bene attento a rispettare determinati vincoli di bilancio, non soltanto italiani, ma anche imposti dall’Unione europea. Non si deve cioè mandare in malora le finanze statali con operazioni economiche chi sforano a dismisura i conti pubblici e fanno aumentare il debito. Bisogna sempre equilibrare iniziative espansive di spesa con il fardello delle coperture finanziarie, e tenere d’occhio il rapporto deficit-pil.

Quest’anno questo aspetto sarà un po’ messo da parte a causa dell’emergenza Covid-19, che da mesi ormai stringe nella morsa non solo l’Italia, ma tutta Europa e tutto il mondo. Ecco perché sono saltati tutti i parametri dei vincoli di bilancio, agli Stati viene concesso di mettere in campo nuove risorse e misure per aiutare i propri cittadini, e il tessuto economico-sociale, e si mettono sul campo strumenti come il Mes (non ben visto dal Governo italiano) e il Recovery Fund per attuare queste politiche.

La Legge di bilancio quindi viene fatta dal Governo di un Paese. È l’esecutivo infatti che deve mettere in atto la manovra, tenendo presente però, che questa andrà poi presentata al Parlamento, che dovrà discuterla e approvarla entro la fine dell’anno in corso: in questo caso entro il 31 dicembre 2021.

Legge di bilancio: si parte col Def

Tutto parte con presentazione dell’aggiornamento al Documento di economia e finanza (Def) il giorno 27 settembre. Si tratta di un passo preliminare alla Legge di bilancio, in cui deve anche essere indicato l’obiettivo del Deficit. Con questa nota, ogni anno il Governo aggiorna gli obiettivi programmatici presentati ad aprile dell’anno precedente. Il Def è centrale, perché sulla base degli obiettivi programmatici inseriti, imposterà poi la legge di bilancio vera e propria.

Legge di bilancio: l’iter di approvazione

L’iter prosegue poi con il 15 ottobre, data in cui si deve inviare alla Commissione europea e all’eurogruppo (formato dai ministri europei delle finanze), il Documento programmatico di bilancio per l’anno successivo. Il governo quest’anno ha approvato la Manovra e inviato il testo all’Ue il 18 ottobre.

Dopodiché entro il 20 ottobre il Governo deve presentare alle Camere (al Parlamento) il Disegno di Legge di Bilancio, la Manovra finanziaria triennale (2020-2023) messa a punto, che contiene le misure necessarie a raggiungere gli obiettivi e le previsioni di entrata e di spesa. Ha inizio a questo punto la sessione parlamentare che porterà all’approvazione della Legge.

L’approvazione della Legge di bilancio 2021 da parte del parlamento deve avvenire entro il 31 dicembre 2020. Sarà poi pubblicata in Gazzetta ufficiale, l’ultimo step che ne detta la sua concreta entrata in vigore.

Legge di bilancio 2021: quando si fa?

Detto questo, ribadiamo quindi che il testo della Manovra finanziaria per il 2021 dovrà essere inviato entro il 15 ottobre 2020 all’Ue, che ne dovrà vagliare le coperture finanziarie e il rispetto dei vincoli di bilancio. L’Ue ha tempo fino al 30 novembre per rispondere.

A tal proposito il Documento programmatico di bilancio 2021-2023, approvato il 17 ottobre, è già stato inviato alla Commissione europea.

Entro il 20 ottobre 2020 poi la Legge di bilancio 2021 dovrà essere presentata ufficialmente al Parlamento italiano.

Entro il 31 dicembre 2020, la Legge di bilancio 2020 dovrà essere approvata dal Parlamento. Entro questa data quindi la Manovra dovrà essere approvata in maniera definitiva e potrà entrare in vigore con la sua pubblicazione in gazzetta ufficiale.

Legge di bilancio 2021: quando entra in vigore

Depennati tutti questi step, la Legge di bilancio 2021 entra in vigore il 1° gennaio 2021, e le misure contenute in essa cominciano a produrre effetto.

Legge di bilancio: il parere dell’Europa

Data fondamentale è quella del 30 novembre, quando la Commissione europea dovrà esprimere un primo parere sulla Legge di Bilancio, dopo una verifica sull’aderenza della legge ai vincoli europei. Solitamente questo è un primo parere, che precede quello definitivo di solito rimandato alla primavera successiva.

Legge di bilancio 2021: tutte le date utili 

A questo punto, come già anticipato, la data centrale resta il 31 dicembre 2020, termine ultimo per l’approvazione definitiva della Legge di bilancio da parte del Parlamento italiano. In questa data è previsto il via libera alla Legge.

La vigilia di capodanno quindi consegnerà ai cittadini italiani la risposta definitiva alle aspettative dei cittadini.

Riassumendo quindi ecco le tappe di approvazione della Legge di bilancio 2021

  • 27 settembre – entro questa data pubblicazione aggiornamento al Def; il governo presenta alle Camere la nota di aggiornamento al Def
  • 15 ottobre – il Governo trasmette il documento programmatico di bilancio alla Commissione europea e all’eurogruppo;
  • 18 ottobre il governo ha approvato la Manovra 2021 e ha trasmesso il testo alla Commissione europea e all’eurogruppo;
  • 20 ottobre – termine di presentazione della Legge di bilancio alle Camere
  • 30 novembre – primo parere della Commissione europea alla legge; primavera 2021 per il parere definitivo;
  • 31 ottobre: entro questa data il testo della legge di bilancio viene trasmesso al parlamento
  • 31 dicembre – via libera dal Parlamento alla Legge di bilancio e pubblicazione in Gazzetta ufficiale.
  • 1° gennaio 2021 – entrate in vigore della Legge di bilancio

Consulta lo speciale Riforma pensioni

Legge di bilancio 2021: cosa prevede il testo, le ultime novità

Il 19 ottobre si è tenuta una conferenza stampa a Palazzo Chigi, con Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Oggetto proprio la Manovra 2021 e i suoi contenuti. Il governo ha illustrato le principali misure della prossima Manovra che ha cominciato il suo iter di approvazione.

Una Manovra di 39-40 miliardi di euro: 24 miliardi riferiti alla Legge di bilancio e 15 miliardi afferiscono al programma Next generation Eu.

Tutela di salute e stabilità economica in ottica espansiva, senza aumenti di tasse. Tra le principali misure:

  • Sospensione pagamenti cartelle esattoriali fino al prossimo anno
  • Abolizione clausole di salvaguardia per l’Iva
  • Blocco i pignoramenti stipendi e pensioni fino a fine anno
  • Rafforzare la sanità
  • Rafforzamento il trasporto scolastico
  • Proroga misure di sostegno per liquidità imprese
  • Zero contributi per assunzioni giovani under 35
  • Fiscalità di vantaggio per le imprese del Mezzogiorno
  • Più fondi per la disabilità
  • 1,2 miliardi per finanziare i documenti di sostegno per ragazzi con disabilità
  • Taglio cuneo fiscale a regime
  • A medio termine riforma Irpef e aliquote (8 miliardi stanziati)
  • Piano Italia cashless con programma cashback: rimborsi del 10% degli acquisti con un super-cashback sino a 3 mila euro per chi usa la carta; lotteria scontrini
  • Fondi per edilizia scolastica e universitarie e per la no tax area
  • Risorse per la cultura
  • Piano assunzioni per gli asili nido e costruzione asili
  • Proroga al 31 dicembre cassa integrazione: un decreto che avrà terminato le settimane a novembre, e nel 2021 5 miliardi di Cig per tutti
  • Fondo di 4 miliardi per sostegno ai settori colpiti dalla crisi (turismo e trasporti)
  • Estensione di tutte le misure liquidità (moratoria prestiti e mutui, fondo di garanzia, aziende della Sace, patrimonio Pmi) fino al 30 giugno 2021
  • Riforma fiscale: con taglio cuneo fiscale a regime
  • Dal 1° luglio 2021 l’assegno unico universale per famiglie con Assegno fino a 200 euro al mese per figlio.
  • Dal 1° gennaio 2022 riforma fiscale organica dell’Irpef
  • Rifinanziamento della nuova Sabbatini, il credito d’imposta per gli investimenti del sud


© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome