Home PrimoPiano Reddito di emergenza 2020 domanda al via: a chi spetta, importi, come...

Reddito di emergenza 2020 domanda al via: a chi spetta, importi, come richiederlo, scadenze

Rem 2020 al via: domande entro il 30 giugno. Calcolo degli importi e istruzioni

Chiara Arroi
reddito-di-emergenza-2020

È ora possibile fare domanda di Reddito di Emergenza 2020, misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta per supportare le famiglie in condizioni di difficoltà economica, causata dall’emergenza COVID-19. Da venerdì 22 maggio si può richiedere il Rem 2020 esclusivamente online sul sito Inps. E lo si potrà fare entro il 30 giugno 2020.

Il Decreto Rilancio, che ha visto la luce a giugno per prorogare e rinforzare tutti i bonus e gli aiuti a famiglie e lavoratori introdotti a marzo, contiene infatti questa misura di sostegno alle famiglie. Un decreto che ha introdotto anche novità, tra cui proprio il reddito di emergenza.

Nel pacchetto di interventi trovano spazio:

Tutte le misure approvate nel Decreto Rilancio

Cos’è esattamente questo reddito di emergenza? Chi ne ha diritto? Di che cifra si tratta? Quando entra in vigore? Cerchiamo di capirne di più.

Decreto Rilancio: Reddito di emergenza approvato

Si parlava da tempo di reddito di emergenza, ma sono state le parole della ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, a confermarne l’arrivo, anche se il parto non è stato semplice. L’ondata Covid-19 non si è ancora attenuta ed era prevedibile che anche ad aprile il Governo sarebbe dovuto intervenire per allungare e introdurre nuovi aiuti alle famiglie e ai lavoratori.

C’è una parte di cittadini che in questo momento non ha alcun sostegno, dovrebbero essere circa 2 milioni. Stiamo valutando la platea e l’impatto. Quindi per tutte queste persone che non hanno altri sostegni al reddito sarà previsto il reddito di emergenza, che le aiuterà in questo periodo anche di crisi economica”. Queste le parole pronunciate da Catalfo, ai microfoni di Class Cnbc prima dell’approvazione del Decreto rilancio. Una misura che da sola costerà circa 3 miliardi di euro, e che andrà in soccorso di tutti quei cittadini in stato di bisogno.

Il Decreto Rilancio ne ha confermato l’effettiva approvazione. È l’articolo 82 del provvedimento a dettarne le regole. Dal 22 maggio l’Inps ha poi dato il via alla procedura di domanda online.  Chi è in difficoltà e in possesso di specifici requisiti può fare richiesta di Rem 2020. E lo si potrà fare entro il 30 giugno 2020.

Vediamo in dettaglio a chi spetta questo aiuto statale, gli importi spettanti e come richiederlo.

Speciale Coronavirus con tutte le news aggiornate 

Reddito di emergenza 2020: cos’è 

Si tratta di un vero e proprio reddito, destinato a chi non ha al momento alcuna forma di sostegno sociale: circa 3 milioni di persone, tra cui i lavoratori in nero: una somma erogata a favore dei cittadini in stato di bisogno e senza alcun sostegno, esattamente come avviene per il bonus 600 euro per autonomi.

Un reddito aggiuntivo, che si affianca al Reddito di cittadinanza già in essere. Alle famiglie in difficoltà è quindi riconosciuto un sostegno al reddito straordinario denominato Reddito di emergenza (Rem 2020). Le domande per il Rem sono presentate entro il termine del mese di giugno 2020 e il beneficio è erogato in due quote di pari importo.

Come specificato all’articolo 82 del Decreto Rilancio: “Ai nuclei familiari in condizioni di necessità economica in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, (…) è riconosciuto un sostegno al reddito straordinario denominato Reddito di emergenza (di seguito “Rem”). Le domande per il Rem sono presentate entro il termine del mese di giugno 2020 e il beneficio è erogato in due quote”. 

Reddito di emergenza 2020: a chi spetta

Il Reddito di emergenza 2020 spetta a tutti i lavoratori che non sono coperti dagli ammortizzatori sociali e dagli attuali bonus previsti per far fronte all’emergenza Coronavirus. La platea beneficiaria si aggira sui 2 milioni di persone in difficoltà. E non sono poche.

Ci sono molte situazioni di difficoltà economica e cittadini che sono rimasti fuori dagli aiuti concessi dal Governo durante Covid-19, e che generalmente possono essere considerati senza reddito. A loro spetta il nuovo Reddito di emergenza, ad esempio:

  • i cittadini che hanno gli ammortizzatori sociali in scadenza e che non possono essere rinnovati, come la Naspi, la Dis-coll, e che difficilmente troveranno lavoro in questo momento,
  • i lavoratori a chiamata
  • tutti i cittadini che non beneficiano dei vari bonus e aiuti introdotti a causa del Coronavirus nel mese di marzo
  • i lavoratori irregolari, che lavorano in nero.

I beneficiari quindi sono:

  • lavoratori precari,
  • lavoratori a chiamata, ad esempio quelli impiegati nel lavori veloci o fast job
  • lavoratori irregolari
  • disoccupati con Naspi e Dis-coll scadute
  • lavoratori intermittenti

Reddito di emergenza 2020: requisiti 

Questa nuova forma di sostegno al reddito viene riconosciuta ai nuclei familiari che, dimostrano di possedere questi requisiti fondamentali:

  • residenza in Italia del richiedente il beneficio;
  • un Isee fino a 15 mila euro
  • importo del reddito familiare, riferito al mese di aprile 2020, inferiore all’ammontare mensile del beneficio spettante (da €400 a €800)
  • patrimonio mobiliare familiare nell’anno 2019 inferiore a 10 mila euro, accresciuta di 5 mila euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20 mila euro. Il predetto massimale è incrementato di 5 mila euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza.

Reddito di emergenza 2020: a chi non spetta

Non tutti hanno diritto al Rem 2020. Questa misura non è cumulabile con alcune forme di sostegno o comunque non si può chiedere se ci si trova in determinate condizioni di esclusione. Non si ha diritto al beneficio economico se ci si trova in queste situazioni:

  • se anche uno dei componenti della famiglia ha beneficiato di una delle indennità previste dal decreto Cura Italia,
  • sono esclusi dal Rem anche i pensionati, ad eccezione dei titolari di assegno ordinario di invalidità;
  • beneficiati di Reddito o pensione di Cittadinanza;
  • esclusi anche i detenuti o le persone ricoverate in strutture di lunga degenza a totale carico statale;
  • lavoratori dipendenti con una retribuzione lorda superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo;

Reddito di emergenza 2020: quanto spetta, calcolo importo

L’importo totale del Reddito di emergenza viene calcolato in base al numero dei componenti del nucleo richiedente, e va dagli 800 ai 1.600 euro, corrisposti in 2 quote di identico importo: dai 400 euro agli 800 euro per quota e per nucleo. La cifra è leggermente aumentata se nella famiglia è presente un componente disabile grave o non autosufficiente.

Funziona così:

  • importo minimo Rem 2020 di 800 euro (erogato in 2 quote da 400 euro ciascuna), per nucleo composto da 1 persona,
  • importo massimo Rem 2020 di 1.600 euro (erogato in 2 quote da 800 euro ciascuna), per nuclei più numerosi
  • importo massimo aumenta a 1.680 euro se nella famiglia è presente una persona disabile grave o non autosufficiente.

Reddito di emergenza 2020: entro quando fare domanda

Chi crede di avere diritto non perda tempo, perché sarà possibile richiedere il Rem solo entro il 30 giugno 2020.

Reddito di emergenza 2020: come fare domanda

L’Inps ha specificato che la domanda per ottenere il reddito di emergenza potrà essere effettuata solo online, in modalità telematica tramite il sito Inps. Ovviamente, come per tutte le altre prestazioni, anche in questo caso sarà possibile farsi aiutare dai patronati nella procedura di richiesta.

È necessario quindi:

  • collegarsi al sito Inps,
  • cliccare sul servizio online “Reddito di emergenza”,
  • autentificarsi con Pin, Spid, Carta nazionale dei servizi e Carta di identità elettronica per completare la procedura di domanda.

A breve arriverà una circolare Inps che spiegherà tutto in dettaglio.

Per le misure di sostegno a imprese e famiglie scarica qui l’e-book gratuito



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

8 COMMENTI

  1. I pensionati con una miseria di pensione possono fare domanda del rem, perché ho letto la soglia di 15.000 euro, e persone con il rdc che prendono più o meno 200 euro possono fare domanda, perché se non la possono fare questo rem è una presa per il culo,, invece di aiutare la gente, continuate a prenderla in giro e continuate a sparare solo c……….

  2. Salve, attualmente sono disoccupato da inizio Marzo 2020 perché il contratto non mi è stato rinnovato, attualmente recepiscono la Naspi, attualmente trovare lavoro non è semplice, volevo fare richiesta per il Rem ma il caf mi ha riferito che il mio reddito supera l requisiti per la domanda, ma dico io, come si fa a vivere con 900 euro pagando tutto affitto utenze e la gestione dell’automobile, con così poco? E non sono l’unico … Ma chi li fa i parametri topolino?

    • Buongiorno,
      il Reddito di Emergenza potrà essere richiesto presentando la domanda tramite modulo INPS (ancora non disponibile). È necessario utilizzare i servizi INPS online autenticandosi mediante PIN INPS, identità SPID, Carta nazionale dei servizi (CNS) e Carta di identità elettronica (CIE).

  3. Salve la mia domanda è relativa al termine:
    Che cosa si intende per NUCLEO familiare
    Per richiedere il Reddito di Emergenza
    O il reddito di Cittadinanza
    Cioè io convivo con fidanzata da metà gennaio, non ho più reddito visto che a metà marzo mi hanno lasciato a casa definitivamente dallo stage
    Mia fidanzata ha uno stage in corso
    Però risulto residente coi miei genitori in un altro paese e NON sono a carico (cioè mio padre non mi inserisce nel Mod 730) dal 2018
    Qual è in questa situazione il mio NUCLEO Familiare?

    • Buongiorno,
      il nucleo familiare è costituito dai soggetti componenti la famiglia anagrafica (l’insieme delle persone che coabitano e hanno la stessa residenza, legate da un vincolo di matrimonio, di parentela, di affinità, di tutela, di adozione o affettivo) alla data di presentazione della DSU per l’ISEE.

      L’art. 2, comma 5, lett. a-bis) del D.L. 4/2019 (Disposizioni per il reddito di cittadinanza) prevede che i componenti già facenti parte di un nucleo familiare ai fini dell’ISEE, o del medesimo nucleo come definito ai fini anagrafici, continuano a farne parte anche a seguito di variazioni anagrafiche, qualora continuino a risiedere nella medesima abitazione.

      L’art. 2, comma 5, lettera b) del citato decreto, dispone che il figlio maggiorenne che non convive con i genitori fa parte del nucleo familiare degli stessi esclusivamente quando è di età inferiore a 26 anni (alla data di presentazione della DSU), è nella condizione di essere a loro carico a fini Irpef, non è coniugato, e non ha figli.

      Il figlio maggiorenne, che non è residente con i genitori, non coniugato e/o senza figli, non rimane nel nucleo dei genitori solo per essere a carico fiscalmente, ma, con la novità introdotta dal legislatore, se di età inferiore a 26 anni. Se ha 26 e/o più non rileva il fatto che sia o meno a carico dei genitori e costituirà un nucleo a se.

      Nel caso specifico da lei posto, attualmente dovrebbe essere ancora attratto nel nucleo familiare dei suoi genitori, quindi si consiglia di andare a controllare lo stato di famiglia, ed eventualmente valutare di cambiare la residenza facendo le opportune valutazioni relative ai requisiti per la richiesta del reddito.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome