Home Welfare Famiglie Congedo parentale 2019: come funziona, durata, indennità, domanda

Congedo parentale 2019: come funziona, durata, indennità, domanda

Paolo Ballanti
congedo parentale 2019

La legge (Dlgs. n. 151/2001) prevede per i genitori un periodo facoltativo di assenza dal lavoro legato alla nascita del figlio. Questo si aggiunge alla maternità obbligatoria spettante per 5 mesi, oltre agli eventuali periodi di interdizione anticipata e / o posticipata.

Come accade per il congedo obbligatorio, l’Inps interviene a copertura della mancata retribuzione per i periodi di non lavoro erogando un’apposita indennità di importo pari al 30% della retribuzione media giornaliera (a fronte dell’80% garantito durante il congedo obbligatorio). Questa tuttavia non spetta per l’intera assenza, ma entro precisi limiti temporali e di età del figlio.

Tuttavia, a differenza del congedo obbligatorio, quello parentale può essere frazionato in modalità oraria secondo quanto stabilito dal CCNL o contratto aziendale applicato ovvero, in mancanza, dalla legge (in questo caso il godimento è consentito in misura pari alla metà dell’orario giornaliero).

Analizziamo nel dettaglio come funziona il congedo parentale e come richiederlo.

Congedo parentale: cos’è

Il congedo parentale è un periodo di astensione dall’attività lavorativa che si aggiunge a quello obbligatorio di 5 mesi (di cui 2 prima del parto e 3 post), per il quale spetta una copertura economica a carico dell’INPS per i giorni di non lavoro.

Il congedo può essere fruito fino ai 12 anni di età del figlio secondo limiti di durata diversi a seconda che siano presenti entrambi i genitori o solo uno di essi.

Inoltre, il trattamento economico dell’INPS non viene erogato per l’intero periodo di congedo ma solamente per 6 mesi, elevabili a 10 o 11 se si rispettano determinate condizioni reddituali.

Analizziamo in primis il tetto massimo del congedo parentale e successivamente i periodi per cui spetta l’indennità.

Congedo parentale 2019: limite massimo

Quando sono presenti entrambi i genitori il periodo massimo di congedo è pari:

  • 6 mesi dopo il periodo obbligatorio se fruisce del congedo solo la madre;
  • 7 mesi dalla nascita del figlio se il congedo è richiesto solo dal padre;
  • Quando il congedo è goduto da entrambi i genitori il limite complessivo è di 11 mesi nel rispetto comunque dei tetti imposti a ciascuno di essi (6 mesi per la madre, 7 per il padre).

In quest’ultimo caso, se la madre si congeda dal lavoro per 6 mesi, il padre potrà farlo per i restanti 5. Ancora, quando il padre si astiene per 7 mesi, il limite per la madre è di 4 mesi.

Discorso diverso se è presente un solo genitore. Questo accade nei casi di morte o grave infermità dell’altro genitore, affidamento del figlio ad un solo genitore, abbandono del figlio ovvero mancato riconoscimento dello stesso risultante da provvedimento formale.

Ultima ipotesi è quella del genitore solo con successivo ingresso dell’altro. Qui il limite massimo è 10 mesi elevabili a 11 se il padre si astiene per almeno 3 mesi.

Congedo parentale 2019: indennità

Il trattamento economico dell’INPS spetta a chi è titolare di un regolare rapporto di lavoro all’inizio del congedo, nei seguenti limiti:

  • Fino ai 6 anni di età del bambino (compreso il giorno del sesto compleanno), il periodo complessivo massimo (si considerano i giorni fruiti da entrambi i genitori) coperto da indennità è pari a 6 mesi;
  • Dai 6 agli 8 anni di età del bambino, i genitori possono ottenere l’indennità per i giorni mancanti al limite dei 6 mesi e aggiungere altri periodi fino ai 10 o 11 mesi (oppure per i periodi massimi individuali) a patto che il reddito del richiedente sia inferiore a 2,5 volte l’importo del trattamento minimo a carico dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) pari per il 2019 ad euro 513,01 mensili;
  • Dagli 8 ai 12 anni del figlio non spetta alcuna indennità.

Pensiamo ai genitori A e B che in virtù della nascita del figlio C fruiscono di periodi di congedo parentale indennizzati dall’INPS pari a 6 mesi fino al giorno del sesto compleanno di C.

Per ottenere altri giorni coperti da indennità nel periodo tra i 6 e gli 8 anni fino al limite massimo complessivo degli 11 mesi, il singolo richiedente deve possedere un reddito non superiore a 2,5 volte la pensione minima.

Stesso discorso se fino ai 6 anni di età di C, i genitori hanno fruito di soli 4 mesi di congedo. Per ottenere i 2 mesi residui nel periodo 6 – 8 anni, il reddito individuale del singolo richiedente non può eccedere 2,5 volte il trattamento pensionistico minimo.

Reddito individuale

Il reddito individuale del singolo richiedente non può eccedere euro 16.672,83 così determinati:

513,01 mensili * 13 mensilità = 6.669,13 euro (trattamento pensionistico minimo annuo).

6.669,13 euro * 2,5 volte = 16.672,83 euro.

Il reddito da considerare è quello soggetto a tassazione IRPEF percepito dal genitore richiedente nell’anno in cui comincia a fruire dell’indennità, con esclusione di:

  • Reddito derivante dall’abitazione principale;
  • Trattamento di fine rapporto;
  • Somme arretrate soggette a tassazione separata;
  • Redditi tassati alla fonte;
  • Redditi esenti da tassazione.

Naturalmente, il reddito da prendere in considerazione è quello presunto per l’anno di riferimento, fatti salvi eventuali conguagli successivi quando i numeri saranno definitivi.

Congedo parentale: quanto spetta di indennità

L’indennità è pari al 30% della cosiddetta “retribuzione media globale giornaliera”. Questa è pari alla retribuzione del mese precedente quello in cui ha avuto inizio il congedo, da moltiplicarsi per le giornate indennizzabili:

  • Per gli operai sono indennizzabili tutte le giornate di assenza tranne le festività (a carico del datore di lavoro) e le domeniche;
  • Per gli impiegati sono indennizzabili tutte le giornate di assenza tranne le festività cadenti di domenica.

Di norma, l’indennità INPS viene anticipata dal datore di lavoro in busta paga e da questi recuperata sui contributi da versare all’Istituto con modello F24. L’importo dell’indennità è esente da trattenute previdenziali ma soggetto a tassazione IRPEF.

In una serie tassativa di casi il pagamento dell’indennità avviene direttamente da parte dell’INPS:

  • Operai agricoli a tempo determinato;
  • Domestici;
  • Soggetti disoccupati o sospesi senza Cassa integrazione;
  • Lavoratori dello spettacolo con contratto a tempo determinato o saltuari;
  • Lavoratori iscritti alla Gestione Separata;
  • Lavoratrici autonome.

Il pagamento diretto avviene anche nei casi di mancata anticipazione del trattamento da parte dell’azienda.

Congedo parentale 2019: come fare domanda

Per avere diritto ai periodi di congedo parentale, la domanda dev’essere inoltrata all’INPS prima dell’inizio dell’assenza:

  • In via telematica collegandosi al sito inps.it se in possesso di PIN o credenziali SPID;
  • Chiamando il Contact center all’803.164 (da rete fissa) o lo 06.164.164 da rete mobile (necessario essere in possesso di PIN o credenziali SPID);
  • Avvalendosi di patronati o intermediari abilitati (in questo caso non è necessario il PIN o le credenziali SPID).

Copia della domanda inoltrata all’INPS dev’essere consegnata anche al datore di lavoro, a giustificazione dei giorni di assenza e per consentirgli di calcolare correttamente l’importo dell’indennità da anticipare in busta paga.



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

49 COMMENTI

  1. Salve ,sono una insegnante ed ho chiesto i 6 mesi di congedo parentale per assistere mia figlia di 3 mesi.
    La.mia domanda è questa: terminati i mesi di congedo retribuiti e gli altri mesi che non retribuiti che può prendere mio marito ,in caso di ulteriore necessità cosa potrei prendere x restare a casa con mia figlia?
    In caso di seconda garvidanza ho diritto ad un ulteriore congedo parentale di 10 -11 mesi ? Grazie

    • Salve Amelia, l’indennità per congedo parentale al 30% spetta per 6 mesi complessivi fino a 6 anni di vita del bambino. Gli ulteriori periodi fino al limite di 10 o 11 mesi sono soggetti a condizioni di reddito del richiedente. Saluti.

  2. Buongiorno, ho inoltrato la domanda dieci giorni dopo rispetto a quando avrei voluto cominciare il congedo parentale e l’INPS ha rigettato la domanda per quei dieci giorni tenendo buono il restante periodo. Esiste la possibilità con ricorso di rendere la domanda retroattiva o devo rassegnarmi a perdere i dieci giorni? Grazie, Manuela

  3. Buongiorno,

    Ci sono limiti sul reddito individuale per il congedo parentale fruito nei 6 anni del bimbo?
    L’INPS ha rigettato una richiesta di congedo (tra l’altro risalente allo scorso anno e con il mio vecchio datore di lavoro), dicendo che ho superato il limite massimo di giorni indennizzabili per congedo parentale.

    Grazie

  4. Buongiorno, sapete indicare se gli impiegati privati hanno diritto ai 30 giorni retribuiti al 100% di congedo parentale al pari dei dipendenti asl o del settore scolastico?

    • Salve Cristina, se si riferisce al congedo parentale covid-19, le ricordiamo che la retribuzione non è al 100% ma al 50% di quella prevista dal CCNL. I giorni fruibile sono al massimo 30, ma bisogna fare un distinguo tra chi ha già usufruito del congedo e chi no.

      Pertanto chi ha già usufruito dei 15 giorni previsti dal precedente “Decreto Cura Italia”, a partire dal 5 marzo 2020 e fino al 3 maggio 2020, potrà richiedere altri 15 giorni fino al 31 agosto 2020 (termine prorogato dalla Legge di conversione del Dl Rilancio). Chi invece non ha usufruito del congedo straordinario, potrà richiedere anche retroattivamente, fino a 30 giorni di congedo sempre fino al 31 agosto 2020. Lo stesso vale per chi ne ha usufruito solo in parte, in quest’ultimo caso si potrà richiedere un numero di giorni pari alla differenza di 30 meno i giorni già usufruiti. Saluti

  5. Salve, a novembre 2019 ho chiesto il congedo parentale per il 2 e 3 gennaio 2020, ma oggi l’inps ha comunicato all’amministrazione che mi è stata respinta la richiesta perchè non ho presentato il reddito individuale annuale. Io ho fatto la domanda attraverso il sito inps anche altre volte e non ho mai avuto problemi, inoltre non mi è stato mai chiesto d’inserire questa voce, non saprei nemmeno dove si prende. Mi dicono di fare ricorso entro 90 giorni, ma non so cosa presentare per dimostrare che sono in regola. Io chiamato sia inps che patronato ma non mi hanno saputo rispondere.
    grazie

    • Buongiorno Valentina, l’autore suggerisce di presentare l’ultima dichiarazione dei redditi da lei presentata. Dal documento può osservare i redditi maturati e che servono all’INPS per il congedo parentale.

  6. Salve:
    Volevo chiedervi un informazione

    Ma il congedo parentale e retribuito nella misura del 100%

    Cioè il datore di lavoro può integrare la parte restante dal 30%

    • Salve Erjon, il congedo parentale è retribuito dall’INPS in misura pari al 30%. L’eventuale integrazione da parte dell’azienda è legata al CCNL applicato. La maggior parte dei CCNL italiani non prevede alcuna integrazione del congedo parentale. Saluti

  7. Buonasera,
    Volevo sapere se i 6 mesi di congedo parentale previsti corrispondono a 180 giorni (6×30 giorni) oppure si considerano 6 mesi senza tener conto che alcuni mesi sono di 30 giorni ed altri di 31.

  8. Buonasera, ho usufruito di tutti i 6 mesi di congedo parentale retribuiti al 30% per mio figlio di 10 mesi. Se il padre volesse fare domanda per i mesi a lui spettanti, ovviamente non retribuiti, la domanda è da presentare comunque all’inps o, non essendo previsto alcun indennizzo, è sufficiente presentarla al datore di lavoro?
    Grazie.

    • Buongiorno Pamela, per i congedi non retribuiti la domanda dev’essere comunque inviata all’INPS. Verifichi comunque se può richiedere i congedi retribuiti fino a 10 o 11 mesi complessivi, previa osservanza delle condizioni reddituali. Saluti

  9. Buongiorno,
    sono una dipendente privata con una bambina di 21 mesi completamente a mio carico, a fine marzo mi sono arrivate 4 raccomandate in cc all’azienda nelle quali inps chiede di restituire il 30% di congedo fruito in settembre, motivazione reddito non inserito nel modulo della domanda. Io i redditi li ho sempre dichiarati, ma ora come posso fare per farmi integrare la mia indennità? Sono genitore unico e il mio reddito è sotto soglia.

    • Buongiorno Francesca, i congedi parentali possono essere fruiti per 6 mesi a prescindere dalle condizioni reddituali. Oltrepassati i 6 mesi i congedi sono soggetti alla necessaria indicazione del reddito presunto in sede di domanda all’INPS. Saluti.

  10. buongiorno, una settimana fa circa mi sono arrivati 2 messaggi nella mia pagina dell’INPS dove mi comunicavano che per alcuni giorni (in totale 5 spalmati su 2 anni differenti) non mi veniva riconosciuto l’indennizzo per il seguente motivo: Il reddito dichiarato è superiore al limite previsto dalla legge per l’indennizzo.
    Ma è vera questa cosa? E si può sapere qual’è questo limite reddituale?Non ne ero a conoscenza, spero che qualcuno possa aiutarmi.
    Ringrazio tutti coloro che risponderanno.Grazie

    • Salve Leonardo, la fruizione del congedo tra i 6 e gli 8 anni di età del bambino è subordinata al fatto che il reddito individuale complessivo del lavoratore sia inferiore a 2,5 volte l’importo della pensione minima pari a 515,07 euro mensili per il 2020 per tredici mensilità (6.695,91 euro che moltiplicato per 2,5 restituisce il valore limite di euro 16.739,78). Saluti.

  11. Buongiorno, io ho avuto la bambina nel 2011, ma non ho usufruito di tutti i 6 mesi della maternità facoltativa perché l’azienda chiuse i battenti. Ora lavoro presso un’altra azienda posso usufruire del congedo rimanente ovviamente senza retribuzione perché la bambina ha 8 anni? Come calcolo i giorni che mi rimangono? Grazie

    • Buongiorno Alessandra,
      Si rivolga all’inps territorialmente competente chiedendo il conteggio dei giorni. In alternativa, consulti le precedenti domande di congedo inviate all’inps.

  12. Qual è il termine minimo di presentazione della domanda di astensione facoltativa?
    Cioè la domanda va effettuata quanti giorni prima dell’inizio dell’astensione stessa?
    Grazie mille

    • Buongiorno Rita,
      per avere diritto ai periodi di congedo parentale, la domanda dev’essere inoltrata all’INPS prima dell’inizio dell’assenza. L’importante è che l’inoltro dell’istanza avvenga prima dell’assenza effettiva e che venga avvisato il datore di lavoro mediante copia della domanda.

  13. Buongiorno faccio un part-time lavoro il week end, ed un giorno o due alla settimana. Vorrei chiedere il congedo parentale per mio figlio di 9 anni. E possibile chiederlo solo nelle ore settimanali continuando a lavorare i week end.

    • Buongiorno Laura,
      il congedo parentale, in caso di part time, può essere fruito solo durante le ore di lavoro. Diversamente ragionando non avrebbe senso chiedere il congedo durante il periodo in cui non si presta l’attività lavorativa.

  14. Buongiorno un coll. scolastico che ha un part-time vertical e lavora solo il lunedì, martedì e mercoledì e mi prende due giorni di congedo parentale (martedì e mercoledì) e il lunedì malattia devo conteggiare anche gli altri giorni come congedo oppure e sufficiente che copre solo i giorni lavorativi.
    Grazie

  15. Salve il 17 febbraio mi scade la maternità obbligatoria… sono ancora in tempo per fare la maternità facoltativa? Grazie in anticipo..

    • Buongiorno Maria, la domanda va inoltrata prima dell’inizio del periodo di congedo richiesto. Se viene presentata dopo saranno pagati solo i giorni di congedo successivi alla data di presentazione della domanda. Saluti.

  16. Domanda:
    ho usufruito di un mese di congedo parentale per la mia secondogenita nata 3 mesi fa. Non ho usufruito di nulla per il primo figlio, che ha 2 anni. Posso ancora usufruire del congedo parentale (1 mese retribuito al 100%) per il mio primogenito?

  17. Buongiorno,
    Il mio contratto di lavoro è dal lunedì al venerdì.
    Devo chiedere la maternità facoltativa dal 13 gennaio al 30 giugno 2020.
    Se faccio una domanda per tutto il periodo sopra indicato vengono contati anche i sabati domeniche ed eventuali giorni festivi infrasettimanali?
    In totale si hanno 180 giorni LAVORATIVI ( quindi senza sabato e domenica) da poter richiedere?
    Grazie mille
    FEDERICA

  18. Buongiorno:

    io sono un padre di una bambina di 1 anno , e un’altra che sta arrivando
    Sto per chiedere il congedo parentale quello di astensione di 6 mesi ho un contratto a tempo determinato per 4 mesi volevo gentilmente sapere se alla scadenza del contratto mi rimangono altri 2-3 mesi del congedo come farò io a ricevere il resto l’INPS paga direttamente oppure il congedo si interrompe direttamente con il lavoro grazie mille

  19. Salve, io lavoro full time e vorrei chiedere la facoltativa per 2 ore al giorno. È possibile?
    Lavoro full time dal lunedì al venerdì
    Grazie mille

  20. Buonasera

    Ho appena ricevuto una raccomanda dall’INPS che respinge una delle due domande di congedo parentale su base oraria poiché risultano due protocolli relativi al mese di dicembre ( inseriti comunque in due giornate diverse )

    È normale che mi venga negato e rifiutato il pagamento per questo mio diritto?

    Grazie

    • Buongiorno Andreea,
      si rivolga alla sede territoriale INPS, se ha diritto al congedo parentale e le domande si riferiscono effettivamente a due giornate diverse verifichi con l’Istituto la ragione del diniego.

  21. Buongiorno, sono una docente di scuola primaria. Dovrei iniziare a usufruire del congedo parentale per i miei figli di 9 e 8 anni. Vorrei sapere se, dopo il primo mese al 100% (come previsto dal CCNL scuola fino ai 12 anni) posso chiedere anche i restanti 5 mesi al 30%, grazie.

    • Buongiorno Barbara,
      il congedo parentale oltre 30 giorni non spetta perché si applicano le condizioni generali della maternità (dagli 8 ai 12 anni il congedo non è retribuito).

  22. Salve,volevo chiedere un informazione cortesemente,se per sbaglio usufruisco di un giorno di congedo parentale nello stesso giorno in cui ne ha usufruito mia moglie,a cosa si va incontro? Grazie anticipatamente.

  23. Ciao, è previsto un tempo entro il quale presentare la domanda all’inps? Cioè è necessario presentarla sempre prima che decorra il periodo richiesto o è possibile inserirla anche successivamente?

  24. Buonasera, ho fatto richiesta temelatica 15 gg fa per il congedo parentale.( dovrei avere ancora 16 gg) la domanda è ancora trasmessa in sede.. se arriva il giorno che dovrei stare a casa ed è ancora trasmessa in sede che fare!? Il mio datore di lavoro sa tutto. Ho già chiamato l imps e mi ha detto che i tempi sono lunghi. È possibile che ho finito i giorni di congedo?? Posso portare già la ricevuta al lavoro e mandarla al mio ufficio paghe? Grazie per la risposta

    • Buongiorno Monica,
      se il datore di lavoro è a conoscenza della sua situazione può assentarsi dal lavoro. L’assenza è comunque giustificata. Nella peggiore delle ipotesi l’INPS non le riconoscerà il congedo e la giornata potrà essere qualificata come ferie / permessi in base alle scelte dell’azienda.

  25. Buonasera leggo quanto scritto e cercavo anch’io chiarezza su questo argomento,quindi se io lavoro da lunedì a venerdì e mi servirebbe prendere il venerdì (sabato e domenica a casa) e poi prendere come giorni il lunedì e martedì si può?o devo attaccare tutti i GG o spezzare in giorno venerdì e poi con un altra domanda attaccare lunedì e martedì?grazie

  26. Buongiorno, ho un bambino di sette anni. Per usufruire del congedo pagato al 30% a quanto dovrebbe ammontare il mio reddito annuo? Cosa devo inserire nella voce reddito dipendenti e assimilati? Grazie

    • Salve Giusy, per ottenere altri giorni coperti da indennità nel periodo tra i 6 e gli 8 anni fino al limite massimo complessivo degli 11 mesi, il singolo richiedente deve possedere un reddito non superiore a 2,5 volte la pensione minima, ossia 1.282,50 euro mensili (pari a 16.672,50 euro). Cordiali saluti.

  27. Buonasera, non ho ancora ben chiaro la questione del weekend.
    Se faccio richiesta del congedo per la sola giornata del venerdì, in automatico verrebbero comprese anche le giornate del sabato e domenica, o si tiene conto della singola giornata richiesta?
    Per il conteggio delle ore/giorni rimanenti, c’è modo di reperire il dettaglio all’interno dell’account sul sito dell’INPS?
    Grazie

    • Buongiorno Silvia, se il Suo contratto di lavoro prevede la settimana corta (da lunedì a venerdì), di conseguenza non vengono ricomprese il sabato e la domenica. Diversamente, se lavora anche il sabato (ed eventualmente anche la domenica), il congedo parentale vale solamente per il giorno richiesto. Per il conteggio delle ore/giorni provi a contattare il Consulente del Lavoro del Suo datore di lavoro. Cordiali saluti.

  28. Domanda: se voglio usufruire di alcuni giorni residui di congedo parentale pima del compimento dei 12 anni di mio figlio e intendo usufruire di questi a giornate intere, come devo scrivere sul portale della domanda INPS?
    Faccio l’esempio: dovrei chiedere il giorno 9/12 + il giorno 13/12 + il giorno 18/12…. come devo scrivere per farne richiesta sul portale? dal 09/12 al 09/12? dal 13/12 al 13/12? Dal 18/12 al 18/12? Oppure dal 09/12 al 10/12? ecc…
    Non so se mi sono spiegata…per una sola giornata alla volta…come scrivere? E’ corretto così?

  29. Salve!In merito alla fruizione del congedo parentale per i dipendenti con part time orizzontale, dove i giorni lavorativi non sono consecutivi, ma intervallati da riposi, è necessario inglobare nei giorni richiesti anche gli stessi riposi? Nessuno riesce a dare una risposta certa (neanche l’INPS). Ad esempio, se i miei giorni lavorativi fossero LUN-MAR e VEN. Devo inserire da LUN a DOM nella domanda? In questo modo i 4 riposi verrebbero computati al monte ore concessomi. Oppure posso fare differenti richieste specifiche dei soli giorni lavorativi da contratto? Il mio contratto è un part time orizzontale da 3 giorni con 4 riposi. Grazie.

    • Salve Caterina, il congedo parentale può essere richiesto anche per singole giornate, ad esempio per la sola giornata lavorativa del Lunedì in questo modo non vengono considerati nel conteggio complessivo anche i giorni non lavorativi in virtù del part-time verticale, nel suo caso i 4 giorni alla settimana. Cordiali saluti.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome